Da Avvenire del 05/08/2003

Il leader dei ribelli: «Pronti a ritirarci»

di Giampiero Mazza

Un altro passo in avanti sulla via della pace per la martoriata Liberia. Dopo più di quattordici anni di guerra civile, il Lurd (Liberiani uniti per la riconciliazione e la democrazia), il movimento di guerriglia che, insieme al Model (Movimento per la democrazia in Liberia), si oppone dal 2000 al presidente Charles Taylor, ha scelto ufficialmente la via della soluzione negoziata al conflitto. Lo ha dichiarato ieri, nel corso di una conferenza stampa organizzata dalla Comunità di Sant'Egidio - che anche in questa crisi sta svolgendo un importante ruolo di mediazione fra le parti in lotta - il leader del Lurd, Sekou Damate Conneh, un musulmano di etnia mandinga che è alla guida del movimento dal 2002. Costretto all'esilio a più riprese per la sua attività di opposizione al governo, Conneh, oltre che il leader del movimento, sarebbe anche il suo principale finanziatore, grazie alle disponibilità economiche che gli derivano dalla sua attività d'importazione di automobili d'occasione dall'Europa.

Il leader del Lurd, dopo aver riaffermato la validità del cessate il fuoco unilaterale dello scorso 29 luglio, ha dichiarato che «alla firma del piano di pace le due organizzazioni di guerriglia, il Lurd e il Model, si scioglieranno. Il nostro movimento - ha proseguito Conneh - accetta le proposte dell'Ecowas (la Comunità economica che riunisce gli Stati dell'Africa Occidentale) secondo cui nessun leader delle tre fazioni in lotta (Lurd, Model e governo attuale) dovrà occupare le cariche di presidente e di vicepresidente del governo transitorio». Secondo il leader del Lurd, la scelta per le due cariche dovrà basarsi «sul consenso, pescando fra i partiti politici e nella società civile liberiana».

Tutto, però, ruota intorno alla partenza di Taylor per il suo esilio nigeriano. La data che lo stesso presidente ha indicato nei giorni scorsi è quella dell'11 agosto prossimo. «Noi chiediamo soltanto che lasci il Paese - ha spiegato Conneh -, non pensiamo a un processo. È stata la comunità internazionale a incriminarlo, sarà questa stessa comunità che, se lo vorrà, dovrà farsi carico di giudicarlo».

Anche riguardo alle truppe di pace (nel pomeriggio di ieri sono arrivati a Monrovia i primi 350 soldati nigeriani) il Lurd si è mostrato rassicurante: «Quando le truppe del contingente di pace saranno posizionate, le nostre forze si ritireranno. E saranno i benvenuti anche i militari americani - ha concluso Conneh - visto l'impegno che gli Usa hanno messo per risolvere il conflitto».

Sullo stesso argomento

Articoli in archivio

Le consegne al vice Moses Blah, che resterà in carica fino a ottobre per le elezioni. Le navi Usa si avvicinano alla costa
Liberia, l'addio di Taylor
Il presidente in esilio in Nigeria, i ribelli: la guerra è finita
di Somini Sengupta su The New York Times del 12/08/2003
L'operazione di Monrovia è un successo degli Usa, ma resta l'ombra dell'impunità giuridica
Una regia tutta americana per l'ultimo atto del tiranno
di Pietro Veronese su La Repubblica del 10/08/2003
A Monrovia la forza di pace. Ma la battaglia non si ferma
Folla in festa per i primi 300 soldati nigeriani scesi dagli elicotteri Onu Scontri tra ribelli e governativi. Il presidente Taylor: mi dimetto lunedì
 
Cos'� ArchivioStampa?
Una finestra sul mondo della cultura, della politica, dell'economia e della scienza. Ogni giorno, una selezione di articoli comparsi sulla stampa italiana e internazionale. [Leggi]
Rassegna personale
Attualmente non hai selezionato directory degli articoli da incrociare.
Sponsor
Contenuti
Notizie dal mondo
Notizie dal mondo
Community
• Forum
Elenco degli utenti

Sono nuovo... registratemi!
Ho dimenticato la password
• Sono già registrato:
User ID

Password
Network
Newsletter

iscriviti cancella
Suggerisci questo sito

Attenzione
I documenti raccolti in questo sito non rappresentano il parere degli autori che si sono limitatati a raccoglierli come strumento di studio e analisi.
Comune di Roma

Questo progetto imprenditoriale ha ottenuto il sostegno del Comune di Roma nell'ambito delle azioni di sviluppo e recupero delle periferie

by Mondo a Colori Media Network s.r.l. 2006-2022
Valid XHTML 1.0, CSS 2.0