Da Avvenire del 25/02/2003

L'arma del digiuno

Incunearsi nei processi in corso

di Andrea Riccardi

L'apprensione caratterizza questa nostra stagione internazionale, nella quale troppi attori appaiono ingessati nei loro ruoli, mentre occorrerebbe un salto di qualità. La posta in gioco è grande: il futuro della regione mediorientale e l'impostazione delle relazioni planetarie nel nuovo secolo. Oggi ci accorgiamo quanto sciupate siano state le occasioni apertesi con l'89 al fine di costruire un nuovo ordine internazionale. Gli anni Novanta sono trascorsi nel segno di una imprevidente euforia e, contemporaneamente, di un equivoco primato dell'economico sul politico, dell'immediatezza e dell'emotività su una visione prospettica.

La voce di Giovanni Paolo II è risuonata più volte, nel decennio trascorso, come invito a realizzare nuovi rapporti tra gli Stati e a rafforzare le Nazioni Unite. Il Papa e la Chiesa cattolica, per la natura del loro ministero e per l'estensione universale del loro interesse, hanno uno sguardo largo sulle sorti del mondo, quale purtroppo spesso manca. Così, nel discorso all'Angelus di domenica scorsa, Giovanni Paolo II ha riproposto con forza e sinteticamente il suo pensiero: "...mai il futuro dell'umanità potrà essere assicurato dal terrorismo e dalla logica di guerra". Il mondo contemporaneo ha bisogno di qualcosa di più. Lo avvertiamo, vivendo la "grande apprensione per il pericolo di una guerra", che si respira in queste settimane e che trova espressioni le più varie. Non si tratta solamente di chiudere alcuni capitoli difficili della vita internazionale. C'è bisogno di una visione più larga, capace di identificare nuovi strumenti per risolvere i conflitti, attenta a promuovere lo sviluppo di regioni di povertà e disperazione, impegnata nell'evoluzione di regimi autoritari che immiseriscono la vita di tanti Paesi (ad esempio nel mondo arabo, dove finiamo per accontentarci di fantasm i di democrazie o per fiancheggiare le dittature). Nel disordine internazionale prosperano i terrorismi e tanti conflitti dimenticati. Le parole di Giovanni Paolo II richiamano al fatto che una larga visione di pace ha bisogno di profondità spirituale. In questo tempo rischiamo di sentirci tutti irrilevanti rispetto alle scelte che contano; ma il Papa ci richiama al valore della pace vissuta a livello personale nel cuore, nella preghiera e nel digiuno. La pace cristiana non è prima di tutto qualcosa di politico, seppure non teme certo di investire le relazioni politiche. Abbiamo troppo dimenticato - rinunciando a viverla - la dimensione spirituale e radicale della pace a cui il Vangelo ci richiama. Per questo la proposta del digiuno per la pace, il mercoledì delle Ceneri, è un'occasione importante per comprendere il valore della santità della pace: è la proposta di iniziare assieme a gustare il valore e il sapore della pace di Dio. Il 14 dicembre 2001, il Papa ci invitò a digiunare per la pace, in coincidenza con la fine del Ramadan, il grande mese di digiuno per l'islam. Oggi, all'inizio della Quaresima, ci chiama a riscoprire, quella pace vera che si fonda e si conserva nella conversione dei cuori: "Imploreremo innanzitutto da Dio - ha detto il Papa - la conversione dei cuori e la lungimiranza delle decisioni giuste per risolvere con mezzi adeguati e pacifici le contese che ostacolano il peregrinare dell'umanità in questo nostro tempo".

Sullo stesso argomento

Articoli in archivio

Con Giovanni Paolo II verso il Mercoledì delle Ceneri giornata di preghiera e di digiuno per la pace
Non sia una Quaresima di guerra
di Andrea Riccardi su L'Osservatore Romano del 27/02/2003

News in archivio

Nuovo appello di Benedetto XVI a israeliani e Hezbollah perchè abbandonino le armi
Medio Oriente: il Papa chiede il cessate il fuoco "Al via dialogo per pace duratura"
Il pontefice ha anche chiesto alle organizzazioni umanitarie di far pervenire aiuti ai civili colpiti
su La Repubblica del 23/07/2006
NIGERIA: “Non vi è un odio specifico contro i cattolici”
“Si tratta di un fenomeno che ha poco a che vedere con la religione, perché vi sono strumentalizzazioni politiche che mirano a sfruttare le divisioni della società nigeriana per i propri scopi”
su Agenzia Fides del 21/02/2006
NIGERIA - “Violenze provocate dall’ennesima strumentalizzazione della religione a fini politici”
Situazione calma a Maiduguri dopo le violenze di sabato che hanno provocato la morte di 15 persone tra le quali un sacerdote cattolico
su Agenzia Fides del 20/02/2006

In biblioteca

di Amos Oz
Feltrinelli Editore, 2009
di Giulietto Chiesa
Edizioni Nottetempo, 2006
 
Cos'� ArchivioStampa?
Una finestra sul mondo della cultura, della politica, dell'economia e della scienza. Ogni giorno, una selezione di articoli comparsi sulla stampa italiana e internazionale. [Leggi]
Rassegna personale
Attualmente non hai selezionato directory degli articoli da incrociare.
Sponsor
Contenuti
Notizie dal mondo
Notizie dal mondo
Community
• Forum
Elenco degli utenti

Sono nuovo... registratemi!
Ho dimenticato la password
• Sono già registrato:
User ID

Password
Network
Newsletter

iscriviti cancella
Suggerisci questo sito

Attenzione
I documenti raccolti in questo sito non rappresentano il parere degli autori che si sono limitatati a raccoglierli come strumento di studio e analisi.
Comune di Roma

Questo progetto imprenditoriale ha ottenuto il sostegno del Comune di Roma nell'ambito delle azioni di sviluppo e recupero delle periferie

by Mondo a Colori Media Network s.r.l. 2006-2022
Valid XHTML 1.0, CSS 2.0