Da Il Mattino del 18/03/2004

Reportage da Madrid

di Vittorio Dell'Uva

MADRID - Un paio di sassi hanno mandato in frantumi la finestra della minuscola moschea dei trentacinque musulmani di Barbastro. Qualche insulto raggiunge, nelle stazioni affollate, i pendolari che hanno la pelle leggermente più scura ed i capelli ricci dei magrebini. Capita che nelle calli che portano ai quartieri degli immigrati, a Madrid come altrove, i radicali della destra razzista, riprendano fiato alla loro maniera, che non prevede troppo coraggio. Scappano dopo uno sputo verso una donna con il capo coperto che avanza. Aspettano la complicità della notte per sprecare vernice scrivendo sui muri che «i marocchini sono tutti assassini». Era fatale che la matrice islamica delle bombe dell'11 maggio, liberasse i veleni aggiuntivi di quanti li tenevano in serbo. Anche gli xenofobi, non meno di altri, possono intravedere dietro i massacri la possibilità di una speculazione politica.

Ma Madrid non ha nessuna intenzione di macchiarsi della vergogna che fece condannare la Spagna dal parlamento europeo nel febbraio del 2000 per il pogrom ad El Ejido di Almeria, dove furono date alle fiamme le case di centinaia di immigrati, braccianti nei campi, collettivamente accusati della morte di una ragazza. La «tolleranza zero» verso i razzisti è uno slogan che diventa azione politica prima ancora che si profili una vera emergenza. Convocati d'urgenza i leader religiosi delle comunità islamiche, governo regionale e municipalità scendono in campo per chiarire, con il sindaco Alberto Ruiz Gallardon che «è da irresponsabili associare l'Islam con il terrorismo». E che «i musulmani non meno degli spagnoli sono parte integrante della società al cui sviluppo contribuiscono».

Non si può certo impedire che, come accade da qualche giorno, restino vuoti i tavoli dei ristoranti arabi, né che la diffidenza metta da qualche parte radici, almeno fin quando le signore dell'elegante barrio di Salamanca non riconosceranno che ci si può fidare delle domestiche ad ore di cui non possono più fare a meno. «La tendenza ad attribuire agli stranieri molti dei mali di Spagna non è di oggi», osserva lo scrittore Joan Barril, mettendo in guardia da pericolose generalizzazioni. I ventiquattromila immigrati del Maghreb che vivono nel quartiere di Lavapies di Madrid non possono essere considerati portatori del virus del terrorismo, anche se tra loro pregava o prendeva il the Jamal Zougam, il grande accusato.

Un po’ di prudenza, a fronte di istinti negatori della convivenza, comunque non guasta. «Prevenire è meglio che reprimere», ricorda Riay Tatari, imam della grande Moschea di Tetuan, sulla M30, pur sottolineando che «non si sono verificati fatti di particolare gravità». Ad antidoti di una certa efficacia già pensa «SOS razzismo» invitando alla vigilanza democratica. In un manifesto appena diffuso e controfirmato da sindacati, partiti ed Ong si chiede a chiunque non soltanto di «denunciare ogni manifestazione xenofoba, fosse anche di limitata portata», ma di ricordare che «proprio i musulmani sono le vittime degli integralisti di Al Qaida che ha compiuto attentati nin Marocco, Turchia e molti Paesi islamici».

Di fronte alla mobilitazione, El M'rabed - presidente dell’Associazione dei lavoratori e degli immigranti marocchini - alza le braccia al cielo chiedendosi se possa bastare. Ma dice anche di avere suggerito norme di comportanento ai propri affiliati: «Noi non possiamo oscurare il sole con una mano. Ai miei dico di non rispondere agli insulti e alle provocazioni. Ogni discussione va assolutamente evitata, anche se non permetteremo che si sviluppi l'islamofobia». «Passerà», dicono le donne musulmane di un ghetto senza cancelli che di umiliazioni, negli anni, ne hanno subite parecchie. E alle minoranze xenofobe rispondono ricordando che ottanta dei morti dell'11 marzo erano lavoratori stranieri e che la comunità marocchina ha pianto anche la morte di una bambina innocente.

Evitare che le tensioni possano svilupparsi davvero sarà anche compito del futuro governo, che con Zapatero ha già promesso un «nuovo patto» sull’immigrazione che «riconosca soprattutto i diritti». Né poco conteranno le ottime relazioni che la Spagna intende conservare con il Marocco e che in qualche misura hanno contribuito a svelare la «menzogna di Stato» con cui i «popolari» avevano tentato di attribuire all'Eta la responsabilità dei massacri.

Sullo stesso argomento

Articoli in archivio

Reportaje: la intervención de los etarras en el gudari eguna
"La lucha no es el pasado, sino el presente y el futuro"
El proceso hacia el fin del terrorismo
su El Pais del 25/09/2006
El fenómeno de la inmigración
Canarias registra la llegada de 1.433 inmigrantes durante el fin de semana
Tenerife recibe 15 de los 29 cayucos que arribaron al archipiélago desde el jueves con 2.436 'sin papeles'
di José Naranjo su El Pais del 04/09/2006

News in archivio

Pedofilia: accordo Microsoft-Spagna per la lotta nel web
La "Guardia Civil" utilizzerà una piattaforma realizzata dalla società di Redmond
su ITNews del 18/10/2006
 
Cos'� ArchivioStampa?
Una finestra sul mondo della cultura, della politica, dell'economia e della scienza. Ogni giorno, una selezione di articoli comparsi sulla stampa italiana e internazionale. [Leggi]
Rassegna personale
Attualmente non hai selezionato directory degli articoli da incrociare.
Sponsor
Contenuti
Notizie dal mondo
Notizie dal mondo
Community
• Forum
Elenco degli utenti

Sono nuovo... registratemi!
Ho dimenticato la password
• Sono già registrato:
User ID

Password
Network
Newsletter

iscriviti cancella
Suggerisci questo sito

Attenzione
I documenti raccolti in questo sito non rappresentano il parere degli autori che si sono limitatati a raccoglierli come strumento di studio e analisi.
Comune di Roma

Questo progetto imprenditoriale ha ottenuto il sostegno del Comune di Roma nell'ambito delle azioni di sviluppo e recupero delle periferie

by Mondo a Colori Media Network s.r.l. 2006-2022
Valid XHTML 1.0, CSS 2.0