Da La Repubblica del 17/05/2004

La leader del Partito del Congresso mercoledì potrebbe essere premier

India, gli alleati indicano Sonia Gandhi oggi l´incarico per formare il governo

I partiti della sinistra non hanno deciso se entrare nel gabinetto con loro ministri

di Raimondo Bultrini

NEW DELHI - Gli alleati si sono raccolti alla corte della «regina» italiana Sonia Gandhi e hanno consegnato quasi tutti la loro lettera di conferimento del mandato o hanno promesso di farlo.

Da ieri la leader del partito del Congresso, uscita vincente dalla sfida elettorale col partito religioso fondamentalista Bjp, è virtualmente primo ministro anche se l´«incoronazione» avverrà mercoledì 19. Manca solo la ratifica del presidente della Repubblica, lo scienziato atomico Abdul Kalam, uno dei padri della bomba indiana. Ma è una pura formalità, che sarà espletata forse già oggi. I giochi tra partner del governo sono fatti, tranne che per un importante particolare: le sinistre non hanno ancora deciso se entrare nel gabinetto dei ministri e condividere le stesse sorti politiche del Congresso, oppure «appoggiare dall´esterno», come vorrebbero alcuni esponenti comunisti autorevoli del CP(I)M e del Cpi che insieme detengono oltre 60 seggi.

È questo il nodo che la prima governante nata all´estero della storia indiana dovrà affrontare fin dall´inizio, nell´eventualità che il partito del Congresso dovesse restare con pochi alleati nei gabinetti, costretto a contrattare di volta in volta in aula il voto di sostegno esterno. Ma questa non è l´unica spina sulla quale sarà costretta a camminare Sonia Gandhi. Alla cena offerta ieri agli alleati nella sua residenza - piatti indiani e niente pastasciutta per non manifestare alcun cedimento alla nostalgia per la patria d´origine - non c´era il carismatico dalit Mulayam Singh Yadav, primo ministro dell´Uttar Pradesh, il più popoloso stato indiano, e capo di uno dei partiti che avrebbe volentieri accettato qualche posto nel governo. Mulayam - paladino delle caste sociali più basse e dei musulmani - dispone di oltre 30 seggi, non tanti quanto le sinistre unite ma abbastanza per sostenere l´esecutivo in caso di grave crisi istituzionale.

Pare però che Mulayam abbia preferito tornare nella sua Lucknow piuttosto che banchettare in un clima che gli era sembrato ostile. A non volerlo sarebbero soprattutto le sinistre, consapevoli di poter giocare stavolta un ruolo determinante in politica economica come nei rapporti di forza con il resto dell´Alleanza.

E proprio sulle buone intenzioni verso i più deboli della società si basa il programma comune di intenti che sta per essere reso pubblico come «manifesto politico» dell´Alleanza, basato su un mix di regole liberiste e marxiste finora fallito durante i precedenti 35 anni di governo del Congresso.

Sullo stesso argomento

Articoli in archivio

La scelta di non governare ne ha fatto l´erede di Gandhi e per i giornali è "la Madre della nazione"
India, il potere segreto di Sonia
di Guido Rampoldi su La Repubblica del 19/06/2004
Il primo capo del governo non indù promette riforme "dal volto umano". La leader del Congresso: "Sono sollevata"
Un economista sikh guiderà l´India
Singh nominato premier dopo la rinuncia di Sonia Gandhi
di Raimondo Bultrini su La Repubblica del 20/05/2004
 
Cos'� ArchivioStampa?
Una finestra sul mondo della cultura, della politica, dell'economia e della scienza. Ogni giorno, una selezione di articoli comparsi sulla stampa italiana e internazionale. [Leggi]
Rassegna personale
Attualmente non hai selezionato directory degli articoli da incrociare.
Sponsor
Contenuti
Notizie dal mondo
Notizie dal mondo
Community
• Forum
Elenco degli utenti

Sono nuovo... registratemi!
Ho dimenticato la password
• Sono già registrato:
User ID

Password
Network
Newsletter

iscriviti cancella
Suggerisci questo sito

Attenzione
I documenti raccolti in questo sito non rappresentano il parere degli autori che si sono limitatati a raccoglierli come strumento di studio e analisi.
Comune di Roma

Questo progetto imprenditoriale ha ottenuto il sostegno del Comune di Roma nell'ambito delle azioni di sviluppo e recupero delle periferie

by Mondo a Colori Media Network s.r.l. 2006-2021
Valid XHTML 1.0, CSS 2.0