Da Corriere della Sera del 25/06/2004

LA MINACCIA

Due bombe in Turchia in attesa di George Bush

di Ennio Caretto

WASHINGTON - A due giorni dall’arrivo di Bush in Turchia per il vertice Nato, una bomba è esplosa ad Ankara, davanti all'albergo che ospiterà il presidente, facendo tre feriti tra cui due poliziotti. Un’altra ha distrutto un autobus a Istanbul, dove si svolgerà il vertice, uccidendo quattro persone, tra cui una giovane che si sospetta trasportasse l'ordigno. Un terzo ordigno è stato disinnescato a Yalova, a cento chilometri di distanza.

L'attentato di Ankara è stato rivendicato dal Partito comunista marxista leninista, e il governatore di Istanbul, Muammer Guler, ha attribuito a gruppi di estrema sinistra anche quello di Istanbul. Ma il fatto che Al Qaeda o altre formazioni islamiche non paiano coinvolte nelle esplosioni non riduce la preoccupazione degli Stati uniti: a novembre in Turchia il terrorismo fece oltre 60 vittime, e si teme un’ondata di stragi nell’intera regione mediorientale nei giorni del passaggio dei poteri in Iraq.

La Casa Bianca attribuisce questi attentati a «terroristi che vorrebbero impedire il vertice Nato», e dichiara che il programma di Bush non cambia. Il leader americano, che stamattina partirà per l'Irlanda per un vertice tra l’Ue e gli Usa, trascorrerà la notte di sabato ad Ankara, e dopo i colloqui col presidente Ahmet Necdet Sezer e col premier Recep Tayyp Erdogan si trasferirà a Istanbul domenica pomeriggio. La prospettiva di trovarsi su uno dei fronti del terrorismo non spaventa Bush, ha precisato il portavoce della Casa Bianca Scott McClellan: «Le autorità turche hanno la nostra fiducia anche per quanto riguarda la sicurezza». A Istanbul, dove la polizia ha sigillato la scena della strage, il quartiere di Fatih, a 8 chilometri dal palazzo che ospiterà la Nato, sono già state interrogate alcune persone: «La bomba è esplosa accidentalmente - ha affermato il governatore -. L'obiettivo doveva essere un altro». La città sarà presidiata da 24 mila agenti, il Bosforo sarà vietato alle petroliere, la metropolitana chiusa. Elicotteri e Awacs (radar volanti) pattuglieranno i cieli.

La notizia degli attentati ha raggiunto Bush mentre discuteva del possibile ruolo della Nato con i leader del Congresso. McClellan ha sottolineato che il presidente si aspetta «un importante contributo dell’Alleanza» nella forma di istruttori, equipaggiamenti e assistenza tecnica, come richiesto dal premier iracheno Yiad Allawi. «L'Italia e la Germania hanno già risposto di sì», ha spiegato. Al giuramento del nuovo ambasciatore americano a Bagdad John Negroponte, il segretario di Stato Colin Powell ha lasciato intendere che altri membri della Nato fornirebbero anche truppe. A Bruxelles, il segretario dell'alleanza Jaap de Hoop Scheffer ha indicato che al vertice sarà sul tappeto un'altra iniziativa: l'invio di unità mobili Nato in Afghanistan per garantire la sicurezza dei principali seggi alle elezioni di settembre.

Sullo stesso argomento

Articoli in archivio

Il boom delle mine
Nel 2005, 7.328 persone sono state mutilate e uccise dalle mine: l'11% in più dell'anno prima
di Enrico Piovesana su Peace Reporter del 02/10/2006

News in archivio

Gli ordigni sono state lanciati in un locale del centro. Il capo della polizia: "L'attacco non è di natura politica"
Turchia: attentato a Smirne, granate contro un bar
su La Repubblica del 02/10/2006
Nucleare: scoperto un traffico di tecnologia fra Turchia ed Iran
Lo “scoop” di un giornale turco dopo un rapporto di Ankara. Nell’import-export coinvolte anche ditte di Paesi occidentali, quali gli Stati Uniti e l’Italia
su Gazzetta del Mezzogiorno del 26/05/2006
 
Cos'� ArchivioStampa?
Una finestra sul mondo della cultura, della politica, dell'economia e della scienza. Ogni giorno, una selezione di articoli comparsi sulla stampa italiana e internazionale. [Leggi]
Rassegna personale
Attualmente non hai selezionato directory degli articoli da incrociare.
Sponsor
Contenuti
Notizie dal mondo
Notizie dal mondo
Community
• Forum
Elenco degli utenti

Sono nuovo... registratemi!
Ho dimenticato la password
• Sono già registrato:
User ID

Password
Network
Newsletter

iscriviti cancella
Suggerisci questo sito

Attenzione
I documenti raccolti in questo sito non rappresentano il parere degli autori che si sono limitatati a raccoglierli come strumento di studio e analisi.
Comune di Roma

Questo progetto imprenditoriale ha ottenuto il sostegno del Comune di Roma nell'ambito delle azioni di sviluppo e recupero delle periferie

by Mondo a Colori Media Network s.r.l. 2006-2021
Valid XHTML 1.0, CSS 2.0