Da La Stampa del 21/09/2004
Originale su http://www.lastampa.it/redazione/news_high_tech/archivio/0409/sky.asp

Sky per far fronte alla concorrenza vuole i sussidi per i decoder

Televisione digitale, la guerra delle piattaforme

Record di abbonati nei primi 6 mesi del 2004 nonostante i prezzi, fra i più alti in Europa

di Luca De Biase

I media digitali sono un vulcano in eruzione continua. E il video è l’esplosione del momento. In particolare, la televisione digitale terrestre è al centro del dibattito. La digitale satellitare, arrivata per prima, e la tv via Adsl, in via di diffusione, sono le alternative. Le parole d’ordine ricordano la prima ora di Internet: moltiplicazione dei canali, nuove opportunità, crescita esponenziale.

«La tv digitale terrestre è la vera svolta del mercato italiano» dice Tarak Ben Ammar, l’uomo d’affari franco-tunisino che, con il gruppo francese Tf1, ha lanciato Sportitalia, un canale completamente concentrato sullo sport che si può vedere gratis con la nuova tv digitale via etere. «La nostra è una tv di nicchia. Che non pretende di fare concorrenza a quelle dei miei amici Silvio Berlusconi e Rupert Murdoch. Ma sta crescendo e può farcela: grazie alla grande innovazione del mercato che viene appunto dalla tv digitale terrestre».

Sportitalia dimostra quantomeno che lo spazio per crescere con la tv adesso è più ampio di prima. Secondo i dati comunicati dall’emittente, dal maggio scorso, la guardano tra i 6 e gli 8 milioni di singoli utenti alla settimana. Certo, le buone relazioni degli azionisti di Sportitalia con i giganti televisivi italiani non guastano. Ma indubbiamente conta molto anche la tecnologia. Che, anche con i contestati incentivi governativi, si va diffondendo in modo abbastanza veloce.

Come, del resto, si diffonde l’Internet in banda larga: la Fondazione Bordoni che calcola in tre milioni gli attuali abbonati al broadband, osserva tassi di incremento a tre cifre percentuali in tutta Italia. E con la sua evoluzione tecnologica, l’Adsl tende a diventare a sua volta una rete di trasmissione di contenuti televisivi. Come dimostra l’acquisto dei diritti delle partite di calcio per Internet in banda larga deciso da Telecom Italia e Mediaset.

Non è ancora l’arrivo della convergenza annunciata da Nicholas Negroponte quasi vent’anni fa. Perché se è vero che tutto è trasmesso in digitale, le reti restano ben distinte. «Le diverse piattaforme sono in competizione tra loro e con il mobile» spiega Guido Salerno, direttore generale della Fondazione Ugo Bordoni. Ciascuna ha i suoi punti di forza. Internet in Adsl è ovviamente più interattiva e potenzialmente meno vincolata in termini di numero di canali, ma potrebbe non riuscire a essere presente in tutte le case. La televisione digitale terrestre è molto meno completa dal punto di vista dell’interattività ma prima o poi arriverà in tutte le famiglie. I giochi sono molto aperti.

Va del resto risolto tutto il tema della navigazione nel megapalinsesto della tv digitale terrestre. La My-tv di Salvo Mizzi sembra la candidata più accreditata per produrre quello che diventerà il portale della nuova tv. E sarà probabilmente un buon business. Ma si aprono anche altri spazi. I nuovi registratori digitali, sono un tema molto caldo. Secondo uno studio della Forrester Research, chi li usa, in America, tende a passare il 60 per cento del tempo che dedica alla tv guardando programmi preventivamente registrati: e così facendo riesce tra l’altro a evitare di vedere circa il 92 per cento degli spot pubblicitari. Insomma, ci sono diverse novità in arrivo.

Per Sky, finora monopolista della tv digitale in Italia, è arrivata la concorrenza. Protesta alla Ue perchè non ha i sussidi per i decoder (lo «sconto» di 150 euro per il digitale terrestre e di 75 per l'Adsl) mentre è impegnata nel tentativo di imporre l’uso di ricevitori basati sul suo standard proprietario e in bilancio continua a registrare perdite. Del resto il suo principale azionista, Rupert Murdoch, è solito dire: «La concorrenza è buona...ma la mancanza di concorrenza è meglio».

Sullo stesso argomento

Articoli in archivio

La rivoluzione della televisione che passa attraverso la convergenza con telefoni e computer
Digitale terrestre 2006, obiettivo impossibile
Costi elevati e scarsi contenuti per attrarre tutti gli italiani entro due anni
di Anna Masera su La Stampa del 10/11/2004
Digitale terrestre (DTT): ecco come sarà la nuova Tv
Già sul mercato i decoder per ricevere i nuovi programmi. Ma il segnale copre il 50% del territorio e mancano del tutto servizi e contenuti, a regime solo nel 2010
di Stefano Porro su La Stampa del 16/12/2003

News in archivio

La Commisione ha inviato al governo una "lettera di avviso formale"
Legge Gasparri, la Ue avvia la procedura d'infrazione
"Ingiustificati vantaggi" degli operatori esistenti nel digitale
su La Repubblica del 19/07/2006
 
Cos'� ArchivioStampa?
Una finestra sul mondo della cultura, della politica, dell'economia e della scienza. Ogni giorno, una selezione di articoli comparsi sulla stampa italiana e internazionale. [Leggi]
Rassegna personale
Attualmente non hai selezionato directory degli articoli da incrociare.
Sponsor
Contenuti
Notizie dal mondo
Notizie dal mondo
Community
• Forum
Elenco degli utenti

Sono nuovo... registratemi!
Ho dimenticato la password
• Sono già registrato:
User ID

Password
Network
Newsletter

iscriviti cancella
Suggerisci questo sito

Attenzione
I documenti raccolti in questo sito non rappresentano il parere degli autori che si sono limitatati a raccoglierli come strumento di studio e analisi.
Comune di Roma

Questo progetto imprenditoriale ha ottenuto il sostegno del Comune di Roma nell'ambito delle azioni di sviluppo e recupero delle periferie

by Mondo a Colori Media Network s.r.l. 2006-2022
Valid XHTML 1.0, CSS 2.0