Da La Repubblica del 22/09/2004

"La Turchia non è pronta per l´Europa"

Sul processo di adesione i dubbi del futuro presidente della Ue Barroso

L´ex premier portoghese: "Ma se Ankara accetta i nostri criteri non vedo perché dovremmo dirle di no"

di Marco Marozzi

La Turchia non è «ancora» pronta per l´Europa, anche se ha fatto «grandi progressi». L´avvertimento a cambiare in fretta arriva da una voce pesantissima: quella di Josè Manuel Durao Barroso, dal 1? novembre presidente della Commissione europea. I sogni europei di Ankara da allora saranno nelle sue mani.

E l´ex premier conservatore portoghese manda un messaggio netto al governo di Recep Tayyp Erdogan. A Le Monde che gli chiedeva se la Turchia ha rispettato tutti i criteri per negoziare l´adesione alla Ue, ha risposto: «Non ancora, ha fatto grandi progressi, lo riconosciamo, ma fino a questo momento non tutti i criteri sono soddisfatti». Anche lui, dopo la Commissione Prodi, avverte che non si può trattare con un paese che non fa sapere se reintrodurrà il reato d´adulterio, come vogliono nel partito islamico di Erdogan. Tutti gli «aspetti d´ordine democratico», martella Barroso, devono «essere strettamente rispettati». «Anche nel codice penale» in discussione al Parlamento di Ankara. «Nessuna concessione è possibile. La Turchia deve adeguarsi alle regole dell´Europa, non l´Europa alle regole della Turchia».

Erdogan, per la Ue, ha tutta la responsabilità di quel che accadrà. Alla domanda se personalmente sia favorevole alla Turchia nella Ue, Barroso risponde: «Sì, l´ho già detto quando ero premier del Portogallo, a condizione che tutti i criteri siano rispettati». Due messaggi si intrecciano a formare la linea Barroso. Primo: «Non credo che la Turchia in questo momento sia pronta a far parte dell´Unione». Secondo: «Tuttavia qualora dovesse soddisfare i nostri criteri non vedo perchè dovremmo dirle di no».

Le dichiarazioni escono mentre oggi Barroso arriva in una Francia almeno tiepida sulla Turchia: si va da una adesione «lontana» del «favorevole» Chirac, al «sarebbe la morte del progetto europeo» di Valery Giscard d´Estaig, alle divisioni dell´opposizione socialista. E domani Erdogan è a Bruxelles a cercare di convincere Parlamento europeo e il commissario all´Allargamento, il tedesco Guenter Verheugen. L´incontro con Romano Prodi «dipende dalle valutazioni politiche», dice la Commissione. L´attenzione sarà a quel si muove o continua a bloccarsi ad Ankara, dove l´opposizione socialista ha chiesto la convocazione urgente del Parlamento in vacanza - una sospensione dei lavori considerata una provocazione a Bruxelles - per legiferare sul nuovo codice prima del 6 ottobre, data in cui la Commissione darà il suo responso sui «criteri europei» esistenti in Turchia, democrazia (anche sull´adulterio) in testa. Ankara non solo vuole un sì al negoziato, vuole una data vicina per la partenza. Erdogan domani dovrà dire alla Ue cosa conta di fare e poi tornar a casa a gestire le ultime chance di una pacificazione o di una rottura drammatica con l´Europa. Sarà Barroso a gestire l´apertura o meno dei negoziati, dopo la decisione che prenderanno i leader europei nel vertice del 17 dicembre. Al posto del socialdemocratico Verheugen, futuro vicepresidente della Commissione, arriverà il conservatore Olli Rehn, da una Finlandia tutt´altro che turco-entusiasta, come tutti gli scandinavi. L´Italia invece è alla testa dei sì, con la Gran Bretagna. «Speriamo che i leader europei prendano una decisione favorevole alla Turchia» ha detto il ministro Franco Frattini alla Bild.

Sullo stesso argomento

Articoli in archivio

Parla il ministro degli Esteri Gul. "Con l'Italia ottimi rapporti"
"La Turchia sta cambiando fra dieci anni sarà nell'Ue"
di Marco Ansaldo su La Repubblica del 24/11/2005
Ribattezzato "Mustafa" da Fischer per aver sponsorizzato il sì ai negoziati con Ankara spiega: sarà preziosa per economia e rapporti con l'Islam
"La Ue ha bisogno della Turchia"
Il commissario all'allargamento Rehn: è il nostro ponte verso Oriente
di Riccardo Staglianò su La Repubblica del 18/10/2005

News in archivio

Gli ordigni sono state lanciati in un locale del centro. Il capo della polizia: "L'attacco non è di natura politica"
Turchia: attentato a Smirne, granate contro un bar
su La Repubblica del 02/10/2006
Riaperte le trattative per l'ingresso del Montenegro
Ue: disco verde per Bulgaria e Romania nel gennaio 2007
Ma Bruxelles avverte Sofia e Bucarest: dovranno adeguare gli standard interni a quelli dei 25
su Adnkronos del 26/09/2006
 
Cos'� ArchivioStampa?
Una finestra sul mondo della cultura, della politica, dell'economia e della scienza. Ogni giorno, una selezione di articoli comparsi sulla stampa italiana e internazionale. [Leggi]
Rassegna personale
Attualmente non hai selezionato directory degli articoli da incrociare.
Sponsor
Contenuti
Notizie dal mondo
Notizie dal mondo
Community
• Forum
Elenco degli utenti

Sono nuovo... registratemi!
Ho dimenticato la password
• Sono già registrato:
User ID

Password
Network
Newsletter

iscriviti cancella
Suggerisci questo sito

Attenzione
I documenti raccolti in questo sito non rappresentano il parere degli autori che si sono limitatati a raccoglierli come strumento di studio e analisi.
Comune di Roma

Questo progetto imprenditoriale ha ottenuto il sostegno del Comune di Roma nell'ambito delle azioni di sviluppo e recupero delle periferie

by Mondo a Colori Media Network s.r.l. 2006-2021
Valid XHTML 1.0, CSS 2.0