Da La Stampa del 27/10/2004

Cheeseburger Hospital

di Massimo Gramellini

Un'inchiesta del «New York Times» rivela che un numero crescente di ospedali americani sta appaltando il servizio di mensa a McDonald's. L'immagine di un «cheeseburger» con patatine fritte che invade vassoi abitualmente frequentati da piatti di prosciutto pallido e puré semiliquida appare un anticipo credibile di futuro. Quando si definirà il passaggio dallo Stato allo Sponsor Sociale. Riduzione delle tasse e controllo pubblico di certi servizi sono incompatibili con l'aritmetica. L'idea che per rendere più efficiente il Moloch statale (e i suoi cloni regionali) basti pompare meno risorse dai cittadini è un'utopia. Qualcuno i soldi dovrà continuare a metterli. L'America ci sta dicendo chi sarà quel qualcuno: i grandi gruppi privati. Essi non compreranno direttamente i servizi in deficit. Si limiteranno a finanziarli con canoni d'affitto o elargizioni a fondo perduto, in cambio della possibilità di conquistare altro territorio nelle nostre menti, occupando spazi un tempo economicamente neutri, quindi vergini, come scuole e ospedali: per la gioia dei cittadini meno abbienti, lietissimi di essere invasi. Gli effetti di questa rivoluzione si cominciano a intravedere in Europa. Lo stadio dell'Arsenal di Londra, che per i suoi tifosi ha la sacralità di una chiesa, è stato appena intitolato alla compagnia aerea degli Emirati Arabi. Probabile che nel presentare le prossime Finanziarie i ministri del Tesoro dicano come alla tele: «In collaborazione con» e a seguire sciorinino fra gli applausi l'elenco dei «graditissimi sponsor».

Sullo stesso argomento

Articoli in archivio

Cibo, lo spreco quotidiano
Italia: 4 mila tonnellate al giorno nei rifiuti, 27 ai poveri. Il record inglese
di Caterina Pasolini su La Repubblica del 16/04/2005
Spot e un esercito di volontari: lo stratega di Bush, Karl Rove, usa le stesse tecniche della campagna elettorale per promuovere i tagli al welfare promessi dal presidente
La Casa Bianca vende porta a porta la riforma delle pensioni
L’aggressività dell’offensiva ha spiazzato i democratici. Che ora accusano l’Amministrazione di aver inaugurato la «politica della paura» con lo slogan: «Si rischia la bancarotta»
di Massimo Gaggi su Corriere della Sera del 17/01/2005
 
Cos'� ArchivioStampa?
Una finestra sul mondo della cultura, della politica, dell'economia e della scienza. Ogni giorno, una selezione di articoli comparsi sulla stampa italiana e internazionale. [Leggi]
Rassegna personale
Attualmente non hai selezionato directory degli articoli da incrociare.
Sponsor
Contenuti
Notizie dal mondo
Notizie dal mondo
Community
• Forum
Elenco degli utenti

Sono nuovo... registratemi!
Ho dimenticato la password
• Sono già registrato:
User ID

Password
Network
Newsletter

iscriviti cancella
Suggerisci questo sito

Attenzione
I documenti raccolti in questo sito non rappresentano il parere degli autori che si sono limitatati a raccoglierli come strumento di studio e analisi.
Comune di Roma

Questo progetto imprenditoriale ha ottenuto il sostegno del Comune di Roma nell'ambito delle azioni di sviluppo e recupero delle periferie

by Mondo a Colori Media Network s.r.l. 2006-2021
Valid XHTML 1.0, CSS 2.0