Da Punto Informatico del 10/11/2004
Originale su http://punto-informatico.it/p.asp?i=50365

P2P, la Corte Suprema soccorrerà le major?

Industria, associazioni di settore, artisti e altri chiedono alla Corte Suprema di ribaltare la sentenza Betamax che ha messo in salvo Grokster e Morpheus. Ultimo tentativo di colpire le softwarehouse

Washington (USA) - Una partita importante quella che si sta giocando nella capitale americana in queste ore, una partita che potrebbe determinare il futuro del software peer-to-peer o, quantomeno, delle aziende che lo producono.

Una coalizione di diversi soggetti, tra cui industriali, discografici, artisti e attivisti, ha chiesto alla Corte Suprema di occuparsi del caso che contrappone le major ai produttori di Grokster e Morpheus, due dei più celebri programmi di peering. Come noto, infatti, tanto in primo grado quanto in appello le tesi delle softwarehouse del P2P hanno prevalso.

Trenta diverse associazioni professionali legate alla proprietà intellettuale, alcuni jukebox musicali in rete, una manciata di artisti e soprattutto gli uffici di 40 procuratori generali statunitensi hanno rivolto alla Corte Suprema un invito a riesaminare il caso.

Come noto, tutto verte attorno al fatto che i giudici hanno fin qui stabilito che i produttori di software P2P non possono essere considerati responsabili del fatto che i propri programmi, utilizzabili con finalità perfettamente legali, siano spesso utilizzati in modo illegale dagli utenti. Una tesi portata avanti con forza dai legali delle imprese coinvolte che si sono richiamate, e così anche i giudici, alla cosiddetta difesa Betamax, che si rifà ad una antica vicenda giudiziaria in cui Sony potè sostenere di non essere responsabile per l'eventuale abuso dei suoi videoregistratori da parte dei clienti.

Va detto, però, che in replica ai documenti presentati da artisti, produttori e distributori, varie note sono arrivate alla Corte anche dalle imprese coinvolte, sostenute nella loro battaglia da Electronic Frontier Foundation. Come StreamCast Networks, la "mamma" di Morpheus, che ha ricordato come proporre un riesame del caso dinanzi alla Corte è pressoché inutile visto che già oggi il Congresso sta lavorando sulla legalità del P2P con proposte normative come il cosiddetto Induce Act. Secondo StreamCast un giudizio della Corte oggi potrebbe svuotare di significato il processo legislativo e sostituirsi ad esso.

Prima che la Corte decida se esaminare il caso è probabile che passino molti mesi, periodo nel quale anche il destino dell'Induce Act dovrebbe diventare chiaro.

Sullo stesso argomento

Articoli in archivio

Usa, Grande fratello contro «opinioni ostili»
L'iniziativa del ministero della Sicurezza nazionale per individuare i media e i giornali nemici nel mondo
di Ennio Caretto su Corriere della Sera del 04/10/2006

News in archivio

E una causa collettiva contesta la legittimità del metodo
Stati Uniti: pena di morte rinviata per «obesità»
Un giudice rinvia un esecuzione perchè il condannato, sovrappeso e diabetico rischierebbe di soffrire per l'iniezione letale
su Corriere della Sera del 21/10/2006
 
Cos'� ArchivioStampa?
Una finestra sul mondo della cultura, della politica, dell'economia e della scienza. Ogni giorno, una selezione di articoli comparsi sulla stampa italiana e internazionale. [Leggi]
Rassegna personale
Attualmente non hai selezionato directory degli articoli da incrociare.
Sponsor
Contenuti
Notizie dal mondo
Notizie dal mondo
Community
• Forum
Elenco degli utenti

Sono nuovo... registratemi!
Ho dimenticato la password
• Sono già registrato:
User ID

Password
Network
Newsletter

iscriviti cancella
Suggerisci questo sito

Attenzione
I documenti raccolti in questo sito non rappresentano il parere degli autori che si sono limitatati a raccoglierli come strumento di studio e analisi.
Comune di Roma

Questo progetto imprenditoriale ha ottenuto il sostegno del Comune di Roma nell'ambito delle azioni di sviluppo e recupero delle periferie

by Mondo a Colori Media Network s.r.l. 2006-2020
Valid XHTML 1.0, CSS 2.0