Da La Repubblica del 16/11/2004

Ripartito l´iter della legge sulla libertà religiosa, imminente l´audizione di Pisanu in commissione Affari costituzionali

Islam a scuola, la Camera accelera ma la Lega sale sulle barricate

I lumbàrd considerano "vergognoso" il testo. "Lo bloccheremo, come già da due anni"
La relatrice Tangheroni è nata al Cairo e dice: "I muezzin io ce li ho nel cuore"

di Giovanna Casadio

ROMA - Non sarà proprio come nella Spagna di Zapatero, ma l´ora di Corano in classe è nei programmi anche del governo Berlusconi. Esattamente all´articolo 12 della legge sulla libertà religiosa, quella che sta mandando la Lega Nord su tutte le furie fino al punto di minacciare la crisi se un testo «così vergognoso» fosse approvato.

Eppure per una volta l´intesa bipartisan sembra funzionare: alla Camera, i Poli stanno seriamente cercando di accelerare. Impantanata da due anni, la legge che abroga la normativa di Mussolini sui culti ammessi, ha ripreso a veleggiare. L´ha chiesto il centrosinistra ma il testo a cui si rimette mano è quello del governo. Sandro Bondi, il coordinatore di Forza Italia, che della legge è stato relatore, ha dovuto gettare la spugna. Ha passato la patata bollente a Patrizia Paoletti Tangheroni, collega di partito, cattolica ma «con i muezzin nel cuore», nel senso che - racconta - per lei nata al Cairo fanno parte delle nostalgie d´infanzia. Insomma, una che «la tolleranza ce l´ho nel sangue», senza però «scadere nel relativismo etico».

Ha anche una certa efficienza dalla sua. Tanto che, di fronte all´attacco alzo zero dei lumbàrd, ha stabilito che la prima cosa da fare era un´audizione con il ministro dell´Interno, Beppe Pisanu, in commissione Affari costituzionali. Detto fatto: nell´agenda di Pisanu è già prevista. L´audizione si terrà domani, o giovedì. Sa bene il responsabile del Viminale che i leghisti lo attendono al varco. «Venga, venga a parlare della legge per l´Islam», lo ha sfidato Federico Bricolo. Il partito di Bossi - già all´attacco per bloccare con un referendum l´ingresso della Turchia islamica nella Ue - parla di «introduzione surrettizia della legislazione musulmana nell´ordinamento italiano», nel senso che «questa sarà la conseguenza della legge». Pisanu e i suoi appelli a integrare l´Islam moderato, a creare un «Islam italiano» e una Consulta islamica al Viminale, sono nel mirino del Carroccio.

In realtà, nella legge che riprende il testo preparato a suo tempo dal governo Prodi, viene data piena attuazione alla Costituzione e al rispetto per «ciascuna confessione religiosa e credenza» a patto che gli statuti rispondano ai criteri del nostro ordinamento. È quindi riconosciuto il valore civile dei matrimoni religiosi, così come finora accade per quelli cattolici o quelli celebrati nei riti delle confessioni con le quali lo Stato ha stipulato un´intesa. L´Islam finora non c´è. Viene stabilito per legge che anche nei luoghi di lavoro ciascuno possa esercitare i propri riti e culti. L´ora di Corano in classe, chiesta a gran voce dagli imam delle moschee italiane, è di fatto introdotta dove si dice che «nelle scuole pubbliche di ogni ordine e grado» alunni e genitori possono chiedere agli organi scolastici alcune ore relative «al fenomeno religioso e alle sue implicazioni», a spese della comunità religiosa stessa. Mario Scialoja, direttore per l´Italia della Lega musulmana mondiale, minimizza: «Non è una vera novità, perché c´è già una circolare del ministero della Pubblica Istruzione in tal senso». Parla della legge sulla libertà religiosa come di «un atto dovuto».

Ben altro valore ha però una norma rispetto a una circolare. «Siamo riusciti a bloccare questa legge per due anni, ci riusciremo ancora», scommette il leghista Bricolo per il quale è evidente che «può succedere di tutto» e cita la Sura del Corano sull´apostasia e il rischio che persino la "Gerusalemme liberata" possa essere censurata perché «politicamente scorretta». Antonio Maccanico, laico di provata fede, ex ministro delle Riforme e costituzionalista, neo relatore della legge sulla libertà religiosa per la Margherita, trasecola davanti alle polemiche: «Acceleriamo, è solo attuativa della Costituzione». Elena Montecchi, Ds, rilancia: in un´interrogazione a Berlusconi e a Pisanu, (firmata con Anna Finocchiaro) chiede quali iniziative sono in atto per l´intesa con le comunità islamiche tenuto conto che c´è un problema di tutela delle donne italiane sposate con rito islamico, attualmente senza effetti civili. Oggi nel comitato ristretto della commissione Affari costituzionali si deciderà intanto su quale testo riprendere a discutere. La legge sulla libertà religiosa era stata infatti modificata con alcune emendamenti per accontentare la Lega e perché, come spiega Tangheroni, «tra la prima e l´ultima stesura c´è stato di mezzo l´11 settembre». La relatrice opterebbe per la seconda, così da fare buon uso del lavoro già fatto, evitando perdite di tempo. A dicembre dovrebbe essere votata in aula.

Sullo stesso argomento

Articoli in archivio

I capi delle moschee italiane dopo la decisione di Zapatero di istituire lezioni sulla religione di Maometto nelle città a più forte presenza musulmana
L´Islam chiede l´ora del Corano
"La Spagna già si appresta a farlo". I dubbi dei vescovi
di Marco Politi su La Repubblica del 15/11/2004
Aisha, Samira e le altre: la poligamia in Italia
Migliaia di donne musulmane senza tutele. «Abusi e violenze, la legge non ci protegge dalla sharia»
di Magdi Allam su Corriere della Sera del 28/09/2004

News in archivio

Il ministro dell'Interno chiarisce che dovrà essere accettata da "tutti coloro che vorranno vivere stabilmente in Italia"
Islam: "La Carta dei valori non è soltanto per i musulmani"
Critiche all'Ucoii: "Mai detto che l'avremmo firmata oggi"
su La Repubblica del 03/10/2006
Non si placa l'indignazione per la citazione di Ratzinger contro Maometto. Il parlamento pakistano approva una mozione, convocato il nunzio apostolico
Cattolicesimo-islam: paesi musulmani contro Benedetto XVI "Papa ignorante, ritiri le frasi sull'Isla
Ma il neo-ministro degli Esteri della Santa Sede, Dominique Mamberti getta acqua sul fuoco: "Il dialogo con le grandi civiltà è una priorità"
su La Repubblica del 15/09/2006
 
Cos'� ArchivioStampa?
Una finestra sul mondo della cultura, della politica, dell'economia e della scienza. Ogni giorno, una selezione di articoli comparsi sulla stampa italiana e internazionale. [Leggi]
Rassegna personale
Attualmente non hai selezionato directory degli articoli da incrociare.
Sponsor
Contenuti
Notizie dal mondo
Notizie dal mondo
Community
• Forum
Elenco degli utenti

Sono nuovo... registratemi!
Ho dimenticato la password
• Sono già registrato:
User ID

Password
Network
Newsletter

iscriviti cancella
Suggerisci questo sito

Attenzione
I documenti raccolti in questo sito non rappresentano il parere degli autori che si sono limitatati a raccoglierli come strumento di studio e analisi.
Comune di Roma

Questo progetto imprenditoriale ha ottenuto il sostegno del Comune di Roma nell'ambito delle azioni di sviluppo e recupero delle periferie

by Mondo a Colori Media Network s.r.l. 2006-2020
Valid XHTML 1.0, CSS 2.0