Da Corriere della Sera del 06/12/2004

La strategia

Un kamikaze al giorno e una nuova tattica per far saltare il voto

Sono oltre 180 dalla fine di agosto gli attacchi suicidi. Per l’intelligence gli insorti hanno esplosivo per anni. Anche un tipo superpotente sigillato dall’Aiea prima della guerra e poi scomparso

di Guido Olimpio

L'azione dei kamikaze in Iraq non si è mai arrestata, ma dalla fine dell'estate ha avuto una cadenza impressionante. Di fatto uno al giorno. Calcoli approssimativi fissano ad oltre 180 il numero degli attacchi suicidi con centinaia di vittime. L'offensiva statunitense su Falluja ha inferto un colpo alla guerriglia, però non ha impedito che i ribelli si vendicassero con azioni sanguinose nella capitale e nel letale triangolo della morte. I timori dell'intelligence si sono dunque avverati: solo una parte degli insorti è rimasta a sostenere lo scontro nella città simbolo mentre capi e gregari sono fuggiti prima dell'attacco. La capacità di tenere alta la media delle operazioni-martirio è legata al sistema di «arruolamento». Nella prima fase del conflitto la maggior parte dei kamikaze era probabilmente d’origine straniera. I volontari giunti dal Nordafrica, dal Golfo Persico e dall'Europa. L'Italia, la Francia, la Germania e la Gran Bretagna sono diventate punti di raccolta per piccoli gruppi di mujahiddin che hanno raggiunto l'Iraq via Siria e Iran. Non si è trattato di un movimento di massa, piuttosto dell'azione di «cellule» di 5-10 elementi. Più consistente il flusso sull'asse Libano-Siria-Iraq, con le moschee di Damasco trasformatesi in piattaforma logistica. Gli «stranieri» sono stati integrati nei gruppi armati organizzati dal regime saddamista. I Feddayn-Saddam, l'Esercito Al Qods, il partito Baath hanno creato le proprie falangi di morte. Prima del crollo del potere, i gerarchi di Bagdad avevano evocato la possibilità di ricorrere agli attacchi suicidi e anche il raìs aveva suggerito di usare sistemi «non convenzionali». Il ritrovamento, dopo la vittoria, di centinaia di cinture kamikaze - robuste, in nylon e confezionate in modo sofisticato - doveva rappresentare un indizio importante. Ma qualche esperto aveva sostenuto che la tecnica del suicidio era estranea al laicismo degli iracheni.

Nulla di più superficiale. Due madri di famiglia irachene - imitando le palestinesi - lasciano un testamento in video e poi si lanciano contro un posto di blocco americano. E' solo l'inizio di una lunga catena di sangue.

Le più recenti valutazioni del Pentagono dicono che l'importanza dei volontari stranieri è relativa. Il reclutamento continua in Medio Oriente come nelle città europee, ma non va sottovalutato il ruolo dei locali. Anche gli iracheni si fanno saltare per aria, imitando i loro «fratelli». Gli analisti sono confusi dalle rivendicazioni degli attacchi, fatte via Internet da «Al Qaeda in Mesopotamia» la nuova sigla del terrorista giordano Abu Musab Al Zarkawi. Una fazione che ben rappresenta la realtà della ribellione: nato come gruppo di importazione (giordani, curdi, siriani) ha allargato le sue fila agli iracheni. E anche chi non ne fa realmente parte, sostiene di essere legato per aumentare il proprio prestigio.

Con a disposizione molta «carne da kamikaze», gli strateghi ribelli hanno mutato tattica lanciando contro i convogli alleati attentatori in coppia. Il primo attira il fuoco della difesa, il secondo centra il corteo. Identica tecnica usata negli assalti ai commissariati di polizia, l'obiettivo privilegiato della resistenza. E per tenersi in contatto gli insorti usano le ricetrasmittenti, i cellulari ma anche sistemi più originali come bandierine colorate e razzi fumogeni.

Le previsioni dei generali di Washington non sono incoraggianti. Agli estremisti non mancano gli aspiranti al martirio e dispongono di materiale bellico in quantità. Un ufficiale ha ammesso che i ribelli hanno così tanto esplosivo che «possono andare avanti per anni». Oltre alle bombe d'artiglieria e alle granate rubate nelle caserme abbandonate, i guerriglieri sarebbero riusciti a entrare in possesso di un esplosivo potentissimo. «Sigillato» in un deposito dagli ispettori Aiea prima della guerra, è poi in parte scomparso. E le auto sono state sostituite da veicoli più grandi.

Camioncini riempiti di cariche attivate da un semplice telefonino o dai radiocomando dei giochi fabbricati in Cina.

Sullo stesso argomento

Articoli in archivio

I kamikaze di distruzione di massa
L´intelligence ha ignorato l´arma più temibile nata all´ombra di Saddam
di Thomas L. Friedman su The New York Times del 12/10/2004
Amman porta la kamikaze in tv: «Mio marito mi ha dato la cintura»
La donna è stata arrestata: lui è saltato, io non sono riuscita
di Lorenzo Cremonesi su Corriere della Sera del 14/11/2005

News in archivio

Il presidente Usa è tornato a chiedere poteri speciali per gli interrogatori della Cia
Terrorismo: Bush preme sul Congresso "Il nemico ci vuole attaccare ancora"
Sull'Iran: ''Non si può mantenere in una situazione di stallo i negoziati"
su La Repubblica del 15/09/2006
Africa: “Saremo noi il prossimo bersaglio del terrorismo?”
Si chiedono i dirigenti del continente a 5 anni dagli attentati dell'11 settembre
su Agenzia Fides del 11/09/2006
 
Cos'� ArchivioStampa?
Una finestra sul mondo della cultura, della politica, dell'economia e della scienza. Ogni giorno, una selezione di articoli comparsi sulla stampa italiana e internazionale. [Leggi]
Rassegna personale
Attualmente non hai selezionato directory degli articoli da incrociare.
Sponsor
Contenuti
Notizie dal mondo
Notizie dal mondo
Community
• Forum
Elenco degli utenti

Sono nuovo... registratemi!
Ho dimenticato la password
• Sono già registrato:
User ID

Password
Network
Newsletter

iscriviti cancella
Suggerisci questo sito

Attenzione
I documenti raccolti in questo sito non rappresentano il parere degli autori che si sono limitatati a raccoglierli come strumento di studio e analisi.
Comune di Roma

Questo progetto imprenditoriale ha ottenuto il sostegno del Comune di Roma nell'ambito delle azioni di sviluppo e recupero delle periferie

by Mondo a Colori Media Network s.r.l. 2006-2023
Valid XHTML 1.0, CSS 2.0