Da La Repubblica del 16/01/2005

Assalto finale ai magistrati

di Giuseppe D'Avanzo

LA RIPETITIVITÀ del conflitto tra il governo e la magistratura induce allo sfinimento, non c´è dubbio. Questa noia dell´opinione pubblica per una zuffa senza fine sarà elemento essenziale nei prossimi mesi quando governo e maggioranza muoveranno gli ultimi due passi dell´assalto, i più importanti e catastrofici per la giustizia. Correzioni formali, solo cosmetiche, alla riforma dell´ordinamento giudiziario giudicata in quattro essenziali punti incostituzionale dal capo dello Stato. Riforma dei temi della prescrizione necessaria per salvare dai guai Cesare Previti, l´amico del Capo.

Vale la pena, nel giorno d´una rumorosa inaugurazione dell´anno giudiziario, spendere qualche parola su questa strategia, lucida, essenzialmente mediatica, pericolosamente efficace.

La noia per la baruffa (per i più distratti ormai incomprensibile) consiglia di cacciarla in un angolo dell´agenda del dibattito pubblico derubricandola da questione istituzionale e politica a conflitto "sindacale", si può dire, con i magistrati nei panni di "camalli" che non vogliono cedere un lembo dei loro privilegi ormai insostenibili. In questo spazio si muove l´imperito Castelli. È ozioso ormai chiedersi se il ministro di Giustizia sa davvero quel che dice o si limita a ripetere quel che non sa. Quel che conta è la parte che il burattinaio gli ha assegnato in commedia. È questa. Deve andare in giro per l´Italia ripetendo un canovaccio imparaticcio di verità rovesciate nella convinzione che ripetendole smarriscano la fuffa e vengano accettate. Il copione prevede per il candido ministro quattro affermazioni molto stravaganti.

La prima. La giustizia funziona meglio: si concludono più processi di quanti non se ne avviino. Falso di tutta evidenza. I numeri dei processi diminuiscono perché ci si rivolge meno alla giustizia civile e in ragione del lavoro dei giudici di pace, che di più non possono fare: mai la giustizia ha funzionato peggio. Seconda affermazione. Il governo ha destinato più denaro alla giustizia del passato. Falso. Nel passato alle spese dell´amministrazione giudiziaria contribuiva anche il ministero del Tesoro. Oggi non più. Il ministro sfodera qualche decimale in più di spesa del suo dicastero senza spiegare che quel finanziamento è oggi esclusivo e non più sostenuto dalla stampella del Tesoro. Ecco perché, nei tribunali, mancano toghe, codici, carta igienica, risorse sufficienti per pagare gli stenotipisti dei processi o i messi che devono notificare gli atti? E fin qui siamo allo (addirittura comprensibile) sproloquio d´un politico che, responsabile della bancarotta gestionale della giustizia, difende il suo goffo lavoro.

Le altre due affermazioni (la terza e la quarta) sono più gravi e pericolose. Dice Castelli: «Le questioni fondamentali della giustizia all´attenzione del governo sono il rapporto tra potere legislativo e ordine giudiziario e l´eccessiva durata dei processi».

Cominciano da quest´ultima cabala. Lo hanno detto ieri i procuratori generali da Milano a Catania e, nella maniera più secca, il procuratore generale di Roma, il prudente Vecchione. «La produzione legislativa di quest´anno (e quindi la riforma dell´ordinamento giudiziario o la correzione dei tempi di prescrizione, n.d.r.) non presenta nessuna connessione con il principio della ragionevole durata di processi. Rispetto a questa necessità essenziale, tutta la più recente produzione è inerte: riguarda faccende diverse». Quali faccende? Siamo finalmente al cuore dell´armeggìo, alla più autentica ragione della baruffa infinita. Per una volta, Castelli non confonde le carte in tavola: «Il governo vuole modificare il rapporto tra potere legislativo e ordine giudiziario». È un´ammissione. Il rapporto tra potere legislativo e ordine giudiziario è definito dal dettato costituzionale e per modificarlo bisogna riscrivere una capitolo della Carta costituzionale. Per farlo, è illegittima una legge ordinaria. È con una legge ordinaria che la maggioranza ha voluto dislocare all´esterno del Consiglio superiore della magistratura le funzioni che ne permettono il governo: l´accesso, la formazione, la valutazione, la disciplina incappando nei rilievi di Ciampi. Che ha ricordato come quella «menomazione dei poteri del Consiglio superiore della magistratura» neutralizza l´art. 105 della Costituzione: "Spettano al Csm, secondo le norme dell´ordinamento giudiziario, le assunzioni, le assegnazioni ed i trasferimenti, le promozioni e i provvedimenti disciplinari nei riguardi dei magistrati".

La zuffa senza fine tra governo e magistrati sarà anche noiosa, ma ha il pregio di essere, a voler leggerne la trama, almeno chiara. In queste manovre non c´è nessun interesse per i diritti del cittadino a una giustizia rapida, giusta, efficace. Non c´è nessuna volontà di avviare finalmente a soluzione problemi di lunga durata che incupiscono la fiducia del cittadino nello Stato. A Berlusconi e al suo gabinetto interessa soltanto condizionare l´autonomia della magistratura, piegare l´indipendenza delle toghe alla subalternità e al conformismo. Si cominciano già a vedere gli effetti di quest´ambizione. Sono sotto gli occhi di tutti. Raddrizzare le teste storte e blandire, scegliendosele, altre teste sperando che si facciano tonde. E dunque, l´imputato (e ministro ombra) Previti chiede al ministro in carica l´esemplare punizione per i due pubblici ministeri che hanno trovato le prove delle sue baratterie giudiziarie. Il ministro manda a Milano il capo degli ispettori. Quello gli dice: non c´è nulla per punirli. Roma ne manda allora un altro. Anche quell´altro dice: non c´è nulla per punirli. Ne viene mandato un terzo. Anche quello da Milano chiama e dice: non c´è nulla per punirli, torno. A Roma vanno su tutte le furie. Gli chiedono di ascoltare un testimone al di sopra di ogni sospetto: l´avvocato di Previti. Un´accusa alla fine viene rabberciata. Smentita dagli stessi ispettori ministeriali, non ha né capo né coda, ma Castelli chiede, invoca e ottiene un processo per i "reprobi" Boccassini e Colombo. Cambio di scena. Procura nazionale antimafia. Chi la dirige (Vigna) è in scadenza. Chi potrebbe dirigerla dopo di lui (Caselli) non piace al governo e allora il ministro proroga l´uscente in attesa che lo sgradito non possa più correre per quella poltrona. È il governo della magistratura che piace al Capo. Che sia amministrata come un´azienda nella disponibilità di un solo proprietario. Tu sì, tu no. Vince chi dice sì. Perde chi dice no. Che siano giudici e non impiegati, non importa. Altro che noiosa, questa storia diventerà molto avvincente per tutti, se il Capo dovesse farcela.

Sullo stesso argomento

Articoli in archivio

"Sei pagine di sentenza che cancellano tre anni di indagini", accusano gli investigatori
Il Viminale: "Un colpo di spugna ora bisogna cambiare la legge"
di Claudia Fusani su La Repubblica del 25/01/2005
Diciotto milioni in attesa di sentenza
La durata dei processi: otto anni per ottenere un verdetto civile, cinque per uno penale
 
Cos'� ArchivioStampa?
Una finestra sul mondo della cultura, della politica, dell'economia e della scienza. Ogni giorno, una selezione di articoli comparsi sulla stampa italiana e internazionale. [Leggi]
Rassegna personale
Attualmente non hai selezionato directory degli articoli da incrociare.
Sponsor
Contenuti
Notizie dal mondo
Notizie dal mondo
Community
• Forum
Elenco degli utenti

Sono nuovo... registratemi!
Ho dimenticato la password
• Sono gi registrato:
User ID

Password
Network
Newsletter

iscriviti cancella
Suggerisci questo sito

Attenzione
I documenti raccolti in questo sito non rappresentano il parere degli autori che si sono limitatati a raccoglierli come strumento di studio e analisi.
Comune di Roma

Questo progetto imprenditoriale ha ottenuto il sostegno del Comune di Roma nell'ambito delle azioni di sviluppo e recupero delle periferie

by Mondo a Colori Media Network s.r.l. 2006-2022
Valid XHTML 1.0, CSS 2.0