Da La Repubblica del 25/01/2005

"Sei pagine di sentenza che cancellano tre anni di indagini", accusano gli investigatori

Il Viminale: "Un colpo di spugna ora bisogna cambiare la legge"

"Le intercettazioni, i ruoli dei componenti della cellula sono chiarissimi"
"Così è terrorismo solo l´attentato di Madrid, quando i treni sono già saltati in aria..."

di Claudia Fusani

ROMA - «Quelle sei pagine cancellano tre anni di indagini». Non solo l´inchiesta sul gruppo estremista Ansar al Islam ma «sono un colpo di spugna su tutte le indagini sul terrorismo dal settembre 2001 a oggi». Con fare molto istituzionale gli investigatori dell´antiterrorismo si definiscono «sconfortati» e «perplessi». Poi, a sentirli parlare, li scopri molto più che arrabbiati: «Se prendiamo alla lettera il ragionamento del gup di Milano abbiamo le mani legate e, quel che è peggio, rischiamo di buttare tre anni di indagini sulle cellule islamiche in Italia». Alla fine di una giornata tribolata, l´unica soluzione possibile sembra essere quella di chiedere al legislatore di «allargare le previsioni di reato dell´articolo 27O bis del codice penale», quello introdotto dopo l´11 di settembre che prevede la punibilità di un cittadino straniero in Italia anche per terrorismo internazionale. Altrimenti? «Si torna indietro, a prima dell´11 di settembre». Come se le Torri Gemelle non fossero mai state abbattute da aerei kamikaze per ordine di Al Qaeda.

C´è stata una riunione informale, ieri pomeriggio, negli uffici dell´Antiterrorismo del Viminale, tutti intorno ad un tavolo per leggere con attenzione le sei pagine del provvedimento depositato ieri mattina dal gup Forleo. Alla fine, passato il cosiddetto sconforto, si tenta un´analisi.

Sono tre le questioni che lasciano più perplessi. La prima. «Le attività violente di guerriglia che avvengono in contesti bellici - scrive il gup - non costituiscono atti di tipo terroristico rilevanti e dunque perseguibili sul piano del diritto internazionale». Uno degli investigatori più esperti prova a fare un esempio per farsi intendere meglio. «Par di capire - osserva - che è terrorismo solo l´attentato di Madrid quando è già avvenuto, quando i treni sono già saltati in aria. Per il giudice, invece, non è terrorismo tutta l´attività preparatoria di quell´attentato, i documenti falsi, il recupero dell´esplosivo, la raccolta dei soldi necessari, l´addestramento dei combattenti». Un attimo di pausa. E prosegue: «Se passa questo interpretazione del diritto per noi diventa impossibile fare prevenzione che è, invece, proprio quello che i cittadini e le forze politiche chiedono alle forze dell´ordine».

Qualcuno si sente «offeso» e «messo in discussione» e quel passaggio del gup che scrive degli «encomiabili sforzi investigativi» suona un po´ provocatorio. «I testi delle intercettazioni, dei dialoghi, i ruoli di ogni componente della cellula riportati nell´inchiesta sono chiarissimi» spiega un altro investigatore, «mica abbiamo fermato quello che va a pregare in moschea: il marocchino Daki ha vissuto in Germania, ad Amburgo nella stessa casa di Mohammed Atta, il pianificatore dell´11 settembre». E i documenti falsi, il reclutamento dei combattenti, i soldi, tutto questo, insiste l´investigatore, «serviva per l´operatività della cellula non solo per la guerriglia in Iraq ma anche in Italia e in Europa». Certo, si dirà, gli otto presunti militanti di Ansar Al islam non sono stati sorpresi con addosso zaini imbottiti di tritolo e quindi, come dire, non esiste una prova provata delle intenzioni. «Ma per noi - insiste - fanno fede le intercettazioni e il materiale sequestrato», filmati di guerriglia in Iraq, di autobombe e incitamenti alla Jihad.

La seconda questione da risolvere il prima possibile riguarda il confine tra terrorismo e guerriglia. Si chiedono gli investigatori: «Dov´è quel confine?»; e fino a che punto «la guerriglia è legittima?». Una risposta chiara è «urgente».

Infine, ed è la terza questione, il gup parla di «inutilizzabilità patologica» di una serie di prove come le «fonti di intelligence» e le «acquisizioni informative» o «investigative non meglio precisate». Per chi indaga sul terrorismo, un fenomeno che non ha più confini, che si traveste e si mimetizza nelle città e tra cittadini insospettabili e si nasconde dietro l´alibi dell´ideologia politica e religiosa, «è impossibile prescindere da informazioni che vengono suggerite dai servizi di intelligence anche stranieri». Nessuna di queste diventa prova ma se Ansar Al Islam è per l´intelligence occidentale una formazione terroristica, «noi non possiamo prescindere da questo dato». La corte d´Assise di Roma aveva già bocciato due processi basati sul nuovo articolo 270 bis. Ieri lo ha fatto, ed era la prima volta, anche il tribunale di Milano.

Sullo stesso argomento

Articoli in archivio

Doppio gioco pachistano
Le nuove strategie di Musharraf in Afghanistan
di Elisa Giunchi su Lettera 22 del 17/10/2006

News in archivio

Il presidente Usa è tornato a chiedere poteri speciali per gli interrogatori della Cia
Terrorismo: Bush preme sul Congresso "Il nemico ci vuole attaccare ancora"
Sull'Iran: ''Non si può mantenere in una situazione di stallo i negoziati"
su La Repubblica del 15/09/2006
Africa: “Saremo noi il prossimo bersaglio del terrorismo?”
Si chiedono i dirigenti del continente a 5 anni dagli attentati dell'11 settembre
su Agenzia Fides del 11/09/2006
 
Cos'� ArchivioStampa?
Una finestra sul mondo della cultura, della politica, dell'economia e della scienza. Ogni giorno, una selezione di articoli comparsi sulla stampa italiana e internazionale. [Leggi]
Rassegna personale
Attualmente non hai selezionato directory degli articoli da incrociare.
Sponsor
Contenuti
Notizie dal mondo
Notizie dal mondo
Community
• Forum
Elenco degli utenti

Sono nuovo... registratemi!
Ho dimenticato la password
• Sono già registrato:
User ID

Password
Network
Newsletter

iscriviti cancella
Suggerisci questo sito

Attenzione
I documenti raccolti in questo sito non rappresentano il parere degli autori che si sono limitatati a raccoglierli come strumento di studio e analisi.
Comune di Roma

Questo progetto imprenditoriale ha ottenuto il sostegno del Comune di Roma nell'ambito delle azioni di sviluppo e recupero delle periferie

by Mondo a Colori Media Network s.r.l. 2006-2022
Valid XHTML 1.0, CSS 2.0