Da La Stampa del 04/11/2005
Originale su http://www.lastampa.it/cmstp/rubriche/girata.asp?ID_blog=2&ID_arti...

La bufala del digitale terrestre

di Anna Masera

Di fronte all'annuncio che dal 31 gennaio 2006 i cittadini della Sardegna e della Valle d'Aosta non avranno più accesso all'informazione televisiva se non attraverso il sistema digitale terrestre, il Movimento Consumatori condivide le preoccupazioni espresse dal Presidente della Regione Sardegna, Renato Soru (ex fondatore di Tiscali).

Il passaggio alla tecnologia digitale terrestre è stato gestito in un'ottica esclusivamente commerciale, di finanziamento pubblico alla Pay-Tv, senza tenere in alcun conto il diritto all'informazione garantito dall'art. 21 della Costituzione, senza valorizzare le potenzialità che la nuova tecnologia potrebbe offrire in termini di servizi e di interattività, senza una strategia capace di guardare alla tecnologia come strumento di progresso sociale e non solo di opportunità commerciale.

Il risultato pratico, per i cittadini, è quello di dovere pagare per avere nulla di più di quello che già avevano con la TV tradizionale, con l'aggravante di un ampliamento del mercato della TV commerciale accompagnato da un'ulteriore restrizione della concorrenza. Inoltre, è del tutto inaccettabile che, in questo contesto, non venga neppure data ai cittadini la possibilità di scegliere. Tali preoccupazioni valgono oggi per la Valle d'Aosta e per la Sardegna, ma in prospettiva anche per tutte le altre regioni, per le quali la scomparsa della TV tradizionale dovrebbe scattare a dicembre 2006. Anche il Movimento Consumatori chiede che venga mantenuta la possibilità di continuare a fruire della Tv analogica, e che nel frattempo si apra una seria riflessione sulle modalità, sui tempi, e sui contenuti del passaggio alla tecnologia digitale.

Sullo stesso argomento

Articoli in archivio

Procedura d'infrazione dalla Ue
Come previsto, slitta la tv digitale terrestre
Sprecati dal governo oltre 200 milioni di euro dei contribuenti
di Anna Masera su La Stampa del 02/12/2005

News in archivio

La Commisione ha inviato al governo una "lettera di avviso formale"
Legge Gasparri, la Ue avvia la procedura d'infrazione
"Ingiustificati vantaggi" degli operatori esistenti nel digitale
su La Repubblica del 19/07/2006
 
Cos'´┐Ż ArchivioStampa?
Una finestra sul mondo della cultura, della politica, dell'economia e della scienza. Ogni giorno, una selezione di articoli comparsi sulla stampa italiana e internazionale. [Leggi]
Rassegna personale
Attualmente non hai selezionato directory degli articoli da incrociare.
Sponsor
Contenuti
Notizie dal mondo
Notizie dal mondo
Community
• Forum
Elenco degli utenti

Sono nuovo... registratemi!
Ho dimenticato la password
• Sono giÓ registrato:
User ID

Password
Network
Newsletter

iscriviti cancella
Suggerisci questo sito

Attenzione
I documenti raccolti in questo sito non rappresentano il parere degli autori che si sono limitatati a raccoglierli come strumento di studio e analisi.
Comune di Roma

Questo progetto imprenditoriale ha ottenuto il sostegno del Comune di Roma nell'ambito delle azioni di sviluppo e recupero delle periferie

by Mondo a Colori Media Network s.r.l. 2006-2020
Valid XHTML 1.0, CSS 2.0