Da Corriere della Sera del 07/11/2005

«Gridiamo ai nostri figli: ora smettetela»

Il dolore di Samira, tunisina di Francia: «I ragazzi delle banlieues sono stati provocati»

di Elisabetta Rosaspina

MANTES-LA-JOLIE (Francia) - La giornata inizia bene per Samira: anche questa notte la sua vecchia Simca beige è arrivata indenne al mattino. «E' il primo pensiero che mi attraversa la testa quando mi sveglio - dice -. Il secondo è che preferirei non dover uscire». Invece si copre i capelli grigi con un ampio chador giallo oro, abbottona il lungo cappotto color tabacco ed esce. Sale in macchina, deposita la borsa di finto coccodrillo nero, in basso, sul tappetino del passeggero: «E' più prudente», spiega, ma non ce ne sarebbe bisogno. E infine avvia il motore della sua vecchia utilitaria che scivola per le strade di Val Fourré, il quartiere a più alta densità maghrebina di Mantes-la-Jolie, 50 chilometri a nord est di Parigi, inquieto satellite della capitale: «Qui abbiamo tutti origini altrove. Chi in Tunisia, come me. Chi in Marocco o in Algeria, chi in Senegal, e perfino in Turchia. Ma siamo tutti francesi, anch'io ho la nazionalità francese. I miei sei figli sono nati qui».

Il tono della sua voce sale, come si stesse rivolgendo direttamente al ministro dell'Interno francese, Nicolas Sarkozy: «Perché ha parlato in questo modo dei nostri ragazzi? Perché li ha trattati da rifiuti dell'umanità? Ha messo la polizia contro i giovani e i giovani contro la polizia, ha gettato benzina sul fuoco».

D'accordo, ma a bruciare sono le scuole, le auto, i fast food dei loro stessi quartieri. La Simca di Samira costeggia la carcassa annerita di quella che forse, fino a qualche sera fa, è stata una Uno, evita un cassonetto rovesciato e semi-carbonizzato, supera l'impronta lasciata da un'altra macchina bruciata e rimossa: «I ragazzi sbagliano, lo sappiamo. Ma non sono tutti delinquenti. Venerdì scorso, alla moschea, l'imam ha gridato nel microfono di dire ai nostri figli di smetterla». Eccola la moschea di Val Fourré, grande, rosata, nuova, tempestata di telecamere: «Il sindaco ha annunciato che le metterà in tutta la città», borbotta Samira. Ma la moderna chiesa di San Giovanni Battista non è monitorata. O non ancora.

«L'imam ha ragione - la donna segue il filo dei suoi pensieri -. Lo abbiamo ascoltato tutti in silenzio. Alla fine della preghiera noi mamme ci siamo fermate a discutere davanti all'ingresso. Alcune dicevano che bisogna fermare i ragazzi. Altre erano furiose per quello che è accaduto alla moschea di Clichy. Sa, vero, che cos'è successo? La polizia ha lanciato i lacrimogeni, ci sono donne che sono rimaste intrappolate, hanno respirato i gas e poi hanno vomitato. Che cosa succederebbe se noi facessimo lo stesso davanti alla chiesa?».

I suoi quattro figli maschi sono grandi, sposati e autonomi: «A casa - prosegue Samira -, sono rimaste soltanto le due femmine. La più giovane è handicappata. Insomma, è molto più bassa della norma. Io ho paura. Ho paura per me, ma soprattutto per loro. Vorrei che tutta questa violenza finisse. E' una scemenza. Ma bisogna dire tutta la verità: i giovani delle periferie sono stati provocati».

Un ragazzo nero, con il cappuccio della felpa tirato fino a coprire gli occhi, striscia lungo il muro della massicciata della ferrovia, di fronte al commissariato, chiuso come una fortezza. Non si capisce se abbia più paura chi sta dentro o chi sta fuori. Samira ha fretta di rientrare: parcheggerà la vecchia Simca sempre nello stesso posto. Finora le ha portato fortuna.

Sullo stesso argomento

Articoli in archivio

Polemiche sotto tiro il modello di integrazione francese dei nuovi immigrati
I media americani: l’Intifada adesso tocca a voi
Piovono le disdette nelle agenzie di viaggio per il tradizionale Capodanno a Parigi
di Maurizio Molinari su La Stampa del 07/11/2005

News in archivio

Prodi: ''Serve un'autorità Ue''
Energia: blackout elettrico in mezza Europa
Tra le 22 e le 23 sono rimaste al buio alcune regioni di Germania, Francia, Italia (Piemonte, Liguria e Puglia) e Belgio. L'Authority chiederà un'indagine europea
su Adnkronos del 05/11/2006
 
Cos'� ArchivioStampa?
Una finestra sul mondo della cultura, della politica, dell'economia e della scienza. Ogni giorno, una selezione di articoli comparsi sulla stampa italiana e internazionale. [Leggi]
Rassegna personale
Attualmente non hai selezionato directory degli articoli da incrociare.
Sponsor
Contenuti
Notizie dal mondo
Notizie dal mondo
Community
• Forum
Elenco degli utenti

Sono nuovo... registratemi!
Ho dimenticato la password
• Sono già registrato:
User ID

Password
Network
Newsletter

iscriviti cancella
Suggerisci questo sito

Attenzione
I documenti raccolti in questo sito non rappresentano il parere degli autori che si sono limitatati a raccoglierli come strumento di studio e analisi.
Comune di Roma

Questo progetto imprenditoriale ha ottenuto il sostegno del Comune di Roma nell'ambito delle azioni di sviluppo e recupero delle periferie

by Mondo a Colori Media Network s.r.l. 2006-2021
Valid XHTML 1.0, CSS 2.0