Da La Repubblica del 07/11/2005

Dopo il fallimento del vertice delle Americhe, il presidente Usa riallaccia stretti rapporti con l'ex sindacalista. La "maledizione" di un deputato socialista

Lula abbraccia il "socio" Bush "Siamo uniti nei valori e negli affari"

di Alberto Flores D'Arcais

BRASILIA - Fino a pochi anni chi si fosse immaginato un incontro così cordiale tra Lula, il sindacalista di San Paolo che guidava le marce contro «l'imperialismo americano» (ed erano i tempi di Clinton) e George W. Bush, che di quell'«imperialismo» è oggi il Commander in Chief, sarebbe stato preso per un visionario. Ma Luiz Inacio Lula da Silva di strada da allora ne ha fatta tanta; non solo perché da «eterno secondo» alle presidenziali brasiliane, nel 2002 finalmente riuscì a vincerne una ma soprattutto perché dal palazzo di Plan Alto di Brasilia l'«operaio Lula» si è trasformato in «Lula da Silva», un presidente accorto e sensibile anche ai suggerimenti del grande nemico di un tempo, il Fondo Monetario Internazionale.

Nella residenza di Granjo do Torto il Sindacalista e il Commander in Chief si sono scambiati un sacco di complimenti: con Lula a ricordare il primo incontro a Washington - «Non mi ero ancora insediato e il presidente Bush fu così gentile da ricevermi alla Casa Bianca» - e con George W. a ringraziarlo per il churrasco offerto a pranzo che «mi ricorda il barbecue del Texas».

Non sono mancate piccole proteste, inevitabili quando Bush mette piede all'estero; nulla a che vedere con i 50mila di Mar del Plata eccitati dalle frasi del caudillo Chavez e dalla presenza di Maradona, ma chiassosi e vocianti, un po' come lo erano che un tempo guidava lui, il "presidente-operaio". Bush ha ringraziato anche i contestatori: «Spero proprio che vi sia dissenso, è di questo che è fatta la libertà, bisogna permettere alla gente di esprimersi. Credo però che le proteste contro di me, in quanto presidente americano, si debbano ad una percezione degli Usa che non è una percezione giusta». Nessuna risposta invece per quel deputato, Babà, di un partitino dell'estrema sinistra (Psol) che ha scagliato la sua "maledizione": «Spero che oggi nel churrasco con Lula Bush mangi carne piena di afta e che riparta da qui con una malattia grave».

La visita di Bush è stata un successo soprattutto se paragonata al vertice di Mar del Plata. «Stati Uniti e Brasile sono le più grandi democrazie del mondo», ha detto Lula, sottolineando i molti «punti in comune» che lo legano oggi a Washington e le cordiali relazioni tra due Paesi che condividono i «principi di difesa della democrazia, difesa della libertà e rispetto dei diritti umani». Con il tocco finale di una dichiarazione che forse farà arricciare il naso ai suoi ex compagni di lotta di San Paolo ma che è veritiera: «Gli Stati Uniti sono il nostro socio principale, il maggior mercato per le nostre esportazioni e la nostra principale fonte di investimenti diretti».

Bush, per la prima volta apparso a suo agio in questo viaggio latinoamericano, si è rammaricato per non poter visitare (è il suo primo viaggio in Brasile) «le vaste bellezze del Brasile» e ha offerto al gongolante Lula: «Le relazioni tra Brasile e Stati Uniti sono essenziali e molto strette; i nostri due Paesi hanno in comune il fatto di essere diversi, con gente che viene da differenti background capace di vivere insieme in pace ed armonia. Questo è stato un viaggio costruttivo perché, Mr. President io sono molto contento di lavorare con lei».

E con un abbraccio e una pacca sulle spalle il Sindacalista e il Commander in Chief sono andati a mangiare il churrasco.

Sullo stesso argomento

Articoli in archivio

Kirchner espera gestos por el ALCA
Pese al desacuerdo con EE.UU., no cree que el proyecto esté muerto
di Martín Rodríguez Yebra su La Nación del 07/11/2005
Si è concluso a Mar del Plata il vertice fra 33 capi di Stato. Contrasti tra le delegazioni. Il leader statunitense si sposta in Brasile
Il libero scambio divide le Americhe
Non passa la linea Bush per rilanciare l’area economica comune
di Ennio Caretto su Corriere della Sera del 06/11/2005
Undici anni dopo la prima iniziativa di Clinton, gli Stati Uniti incassano il "no" di Brasile e Argentina
Mar del Plata, Bush a mani vuote l'area di libero scambio non si farà
Fallito il vertice delle Americhe, delusione alla Casa Bianca
di Alberto Flores D'Arcais su La Repubblica del 06/11/2005

News in archivio

I successi del governo cancellati dalle accuse di corruzione
Brasile: Lula non ce la fa costretto al ballottaggio da Alckmin
Il presidente-operaio si ferma al 49%. Il 29 ottobre si torna alle urne
su La Repubblica del 02/10/2006
 
Cos'� ArchivioStampa?
Una finestra sul mondo della cultura, della politica, dell'economia e della scienza. Ogni giorno, una selezione di articoli comparsi sulla stampa italiana e internazionale. [Leggi]
Rassegna personale
Attualmente non hai selezionato directory degli articoli da incrociare.
Sponsor
Contenuti
Notizie dal mondo
Notizie dal mondo
Community
• Forum
Elenco degli utenti

Sono nuovo... registratemi!
Ho dimenticato la password
• Sono già registrato:
User ID

Password
Network
Newsletter

iscriviti cancella
Suggerisci questo sito

Attenzione
I documenti raccolti in questo sito non rappresentano il parere degli autori che si sono limitatati a raccoglierli come strumento di studio e analisi.
Comune di Roma

Questo progetto imprenditoriale ha ottenuto il sostegno del Comune di Roma nell'ambito delle azioni di sviluppo e recupero delle periferie

by Mondo a Colori Media Network s.r.l. 2006-2022
Valid XHTML 1.0, CSS 2.0