Da AGE del 04/11/2005
Originale su http://www.agenews.it/notizia.php?c=49&in=26834

Traffico rifiuti: Legambiente, "In Campania l'ecomafia continua a fare affari"

NAPOLI - “L’operazione di oggi conferma ancora una volta la pericolosità e l’imprenditorialità dell’ecomafia dei rifiuti in Campania, dove registriamo un mix micidiale di degrado e illegalità di fronte al quale prevalgono, purtroppo, cinismo ed indifferenza. E le buone notizie arrivano, ancora una volta dall’impegno di Carabinieri e magistrati. Nei prossimi giorni i nostri legali si costituiranno parte civile nel processo”. Michele Buonomo, presidente Legambiente Campania in una nota commenta l’operazione di stanotte effettuata dai Carabinieri denominato Terra Madre seguita del magistrato Donato Ceglie dove nella ragnatela degli ecomafiosi per la prima volta è caduta la rete dei depuratori dei fanghi industriali. "Il traffico illecito dei rifiuti- prosegue Buonomo di Legambiente- è diventato un vero e proprio network dove s’intrecciano interessi e attività criminali con propaggini nel mondo dei colletti bianchi che rappresentano una seria minaccia per l’ambiente, la salute e la sicurezza dei cittadini. Per questo è necessario che al prezioso lavoro delle Forze dell’Ordine e della magistratura, con i quali ci complimentiamo per l’efficacia delle indagini, si aggiunga al più presto un supporto legislativo che inserisca i reati ambientali nel Codice penale”. Dal 2002 a oggi- ricorda Legambiente- sono state aperte 47 inchieste che ha coinvolto tutte le regioni italiane, esclusa la Valle d’Aosta, con 971 indagati e oltre 300 arrestati, e il delitto ambientale nel codice penale è ancora assente. E nell’intera Campania- denuncia Legambiente- i rifiuti rimangono l’industria trainante. Su 37 inchieste aperte in base all’art. 53 bis del Decreto Ronchi, ben 16 vedono coinvolte la Campania con tre Procure in prima linea, Napoli, Nola e S. Maria Capua Vetere. Quaranta le aziende coinvolte nelle inchieste, tre le aree maggiormente colpite, il casertano, il giuglianese ed il nolano. E i dati e le cifre di Legambiente sono senza appello: venticinquemila euro al giorno il guadagno di un trafficante campano di rifiuti. Circa un milione e mezzo il fatturato realizzato in un mese da un imprenditore campano che ha smaltito rifiuti fuori regione. Secondo le principali operazioni delle forze dell’ordine, nel solo 2004 sul territorio regionale sono state sequestrate 99 discariche abusive per una superficie complessiva di 375mila metri quadrati. Discariche piene di rifiuti di ogni specie.

Sullo stesso argomento

Articoli in archivio

Da mesi la società che gestisce il trasporto non viene pagata. Presto potrebbe scattare l’emergenza nelle città
Tre milioni di ecoballe in Campania
Rifiuti ammassati nei piazzali, stop ai treni per l’invio in Germania
di Sergio Rizzo su Corriere della Sera del 13/11/2005

News in archivio

Emergenza criminalità in Campania: tre omicidi nel weekend. Per il ministro della Giustizia l'invio dei militari "non è un tabù"
Camorra: Mastella apre sull'esercito a Napoli, piano del Viminale per l'emergenza
Per fronteggiare la situazione sarebbero pronti 1.300 uomini in più. Ma il portavoce di Prodi frena: "Ancora non è stato deciso nulla"
su La Repubblica del 30/10/2006
 
Cos'� ArchivioStampa?
Una finestra sul mondo della cultura, della politica, dell'economia e della scienza. Ogni giorno, una selezione di articoli comparsi sulla stampa italiana e internazionale. [Leggi]
Rassegna personale
Attualmente non hai selezionato directory degli articoli da incrociare.
Sponsor
Contenuti
Notizie dal mondo
Notizie dal mondo
Community
• Forum
Elenco degli utenti

Sono nuovo... registratemi!
Ho dimenticato la password
• Sono già registrato:
User ID

Password
Network
Newsletter

iscriviti cancella
Suggerisci questo sito

Attenzione
I documenti raccolti in questo sito non rappresentano il parere degli autori che si sono limitatati a raccoglierli come strumento di studio e analisi.
Comune di Roma

Questo progetto imprenditoriale ha ottenuto il sostegno del Comune di Roma nell'ambito delle azioni di sviluppo e recupero delle periferie

by Mondo a Colori Media Network s.r.l. 2006-2021
Valid XHTML 1.0, CSS 2.0