Da Corriere della Sera del 23/11/2005

Berlusconi prepara il ritiro dall’Iraq nel 2006

Il governo italiano sta pensando a una nuova missione civile o di addestramento per la polizia

di Ennio Caretto

WASHINGTON - Il 2006 sarà l'anno del disimpegno militare italiano dall'Iraq. In visita a Tunisi, il premier Silvio Berlusconi dichiara che le truppe potrebbero rimpatriare tra 12-13 mesi: «Ci ritireremo solo quando gli iracheni riusciranno a sostituire con le loro le nostre forze di polizia. Se domandate quale data noi e gli alleati abbiamo discusso, è la fine del 2006». Da Washington, dopo un colloquio con il collega americano Donald Rumsfeld, il ministro della Difesa Antonio Martino precisa che «i tempi e i modi della progressiva riduzione delle truppe saranno da me delineati al Parlamento a gennaio», quando si dovrà rifinanziare la missione. Ma il ministro aggiunge che gli italiani potrebbero restare o tornare in Iraq in un'altra veste. Ipotizza una seconda missione alla conclusione della prima: «Dopo le elezioni di dicembre il governo iracheno non avrà bisogno di essere legittimato dall'Onu e potrebbe chiederci istruttori per la polizia o corpi civili».

Le dichiarazioni di Berlusconi e Martino confermano che l'alleanza sta concordando una exit strategy. Il premier italiano sottolinea i progressi del governo e delle forze irachene, e ricorda che «non abbiamo partecipato alla guerra ma siamo intervenuti con una missione di pace per aiutare l'Iraq, assicurare l'ordine pubblico e creare le condizioni per l'avvento della democrazia». Rileva anche che nelle ultime settimane le nostre truppe sono scese del 10 per cento, e che «abbiamo addestrato 9 mila poliziotti e mille soldati e realizzato 500 programmi per rimettere in piedi le infrastrutture a Nassiriya». Martino evidenzia che «il graduale rientro dei nostri soldati non comporta alcuna rinuncia agli impegni presi con alleati e governo iracheno» e che Rumsfeld «è in sintonia» con l'Italia. Di qui la prospettiva della missione-due, che starebbe a cuore sia a Washington sia a Bagdad.

Il ministro della Difesa introduce tuttavia una nota di cautela: osserva che la data della fine del 2006 «è un orientamento da verificare tecnicamente sul terreno». Una nota che non traspare nelle dichiarazioni a Roma del leader della Margherita Francesco Rutelli. Rutelli segnala che se il centrosinistra vincerà le elezioni, il ritiro potrebbe essere affrettato, sia pure di non molto: «Avverrebbe dalla metà del 2006, nel giro di pochi mesi, d'accordo con le autorità irachene e con l'impegno della comunità internazionale di non lasciare gli iracheni da soli». Al Cairo, dove si conclude la Conferenza della riconciliazione tra gli iracheni promossa dalla Lega araba, gli sciiti fanno una concessione ai sunniti, firmando un comunicato a favore del disimpegno occidentale: chiedono date specifiche per il ritiro delle truppe, condizionandolo però «a un immediato programma nazionale di ricostituzione delle nostre forze di sicurezza».

Sullo stesso argomento

Articoli in archivio

Prodi confirma la retirada de las tropas italianas de Irak si gana las elecciones
El candidato del centro-izquierda arremete contra Berlusconi en su visita a Madrid
di Ángel Antonio Hernández su El Pais del 15/02/2006
Alleati senza nessuna fiducia crolla l'appoggio alla Coalizione
Solo 6 iracheni su cento sostengono l'occupazione
di Guido Rampoldi su La Repubblica del 18/11/2005
 
Cos'� ArchivioStampa?
Una finestra sul mondo della cultura, della politica, dell'economia e della scienza. Ogni giorno, una selezione di articoli comparsi sulla stampa italiana e internazionale. [Leggi]
Rassegna personale
Attualmente non hai selezionato directory degli articoli da incrociare.
Sponsor
Contenuti
Notizie dal mondo
Notizie dal mondo
Community
• Forum
Elenco degli utenti

Sono nuovo... registratemi!
Ho dimenticato la password
• Sono già registrato:
User ID

Password
Network
Newsletter

iscriviti cancella
Suggerisci questo sito

Attenzione
I documenti raccolti in questo sito non rappresentano il parere degli autori che si sono limitatati a raccoglierli come strumento di studio e analisi.
Comune di Roma

Questo progetto imprenditoriale ha ottenuto il sostegno del Comune di Roma nell'ambito delle azioni di sviluppo e recupero delle periferie

by Mondo a Colori Media Network s.r.l. 2006-2022
Valid XHTML 1.0, CSS 2.0