Da Corriere della Sera del 26/11/2005

Il responsabile delle Attività produttive: ci impegniamo a recuperare le professionalità spazzate via dal referendum. Protestano gli ambientalisti

«Il rilancio del nucleare nel programma del Polo»

Il ministro Scajola replica all’annuncio di Prodi sull’energia solare

di Franco Foresta Martin

ROMA - A Romano Prodi che ha invocato l’energia dei pannelli solari, Claudio Scajola ha risposto che bisogna rimettere al primo posto quella nucleare. La polemica a distanza fra il leader dell’Unione e il ministro delle Attività produttive si è consumata ieri, in una giornata che ha riportato il dibattito sulle scelte energetiche del prossimo governo ai toni arroventati del referendum del 1987. Occasione della nuova campagna in favore del ritorno dell’atomo in Italia, una visita che il ministro Scajola ha fatto ai laboratori Enea della Casaccia, con particolare attenzione agli impianti dove si fanno esperimenti di «fusione nucleare»: una opzione energetica futuribile, sulla quale molti scienziati hanno scommesso, ma che non ha ancora prodotto il prototipo funzionante dello sperato reattore «sicuro e pulito».


L’OBIETTIVO - Scajola ha voluto esprimere il suo incoraggiamento a quanti, non solo all’Enea, lavorano al nucleare del futuro. Ma soprattutto ha voluto sottolineare che, nell’attesa di sviluppi, dovremo ripescare il nucleare del passato. «Il rilancio dell’opzione nucleare è nel programma di governo del centrodestra per la prossima legislatura. Ci impegniamo ad assicurare gli investimenti necessari e soprattutto a recuperare le professionalità spazzate via dal referendum e il gap creato in questo settore con gli altri Paesi industrializzati». E per dimostrare che non si tratta solo di parole, Scajola ricorda le sue azioni concrete. Il sostegno all’Enel che sta partecipando alla realizzazione dei cosiddetti «reattori di terza generazione», attualmente in fase di progettazione in Francia attraverso il progetto Epr (European pressurized reactor). La ricostituzione della società «Ansaldo nucleare». L’ingresso dell’industria italiana nei Paesi a vocazione nucleare. L’assunzione di nuovi ingegneri nucleari all’Enea e in altri settori.

Poi la stoccata a Prodi, che tre giorni fa aveva annunciato, in caso di vittoria del centrosinistra, un rilancio alla grande del solare fotovoltaico, simile a quello portato avanti negli ultimi anni dalla Germania. «Con il fotovoltaico, anche se coprissimo tutta l’Italia e le acque territoriali di pannelli, non potremmo garantire il fabbisogno energetico del nostro Paese - ha ironizzato Scajola -. Prodi è persona degna di ogni stima, ma è necessario essere seri nelle valutazioni e capire che il mix deve essere composto. Per questo dobbiamo puntare al nucleare, che costa dieci volte meno del solare».


LE REAZIONI - «Si tratta di un progetto ideologico e negativo per il futuro del Paese - replica secco Ermete Realacci, possibile ministro dell’Ambiente in caso di vittoria del centrosinistra -. Un motivo di più per mandare a casa il Governo Berlusconi». E diversi esponenti delle associazioni ambientaliste non mancano di ricordare che gli italiani sul nucleare si sono già pronunciati chiaramente venti anni fa; mentre sul solare vorrebbero che si facesse di più, come è dimostrato dalla elevata e inaspettata partecipazione alla richiesta degli incentivi per l’installazione dei pannelli fotovoltaici sui tetti delle case. In pochi mesi migliaia di domande, di cui solo poche centinaia, finora, sono state evase.

Altri articoli in archivio


Energia e politica la scelte del Professore
Prodi: «No al nucleare, sì ai pannelli solari»
Il leader dell'Unione presenta l'agenda energetica. «Niente atomo per almeno vent'anni»

Sullo stesso argomento

Articoli in archivio

ALLARME ENERGIA
Sorpasso atomico
I favorevoli superano i contrari. Il caro bollette e la guerra del gas hanno fatto cambiare idea agli italiani sul nucleare. Lo rivela un sondaggio esclusivo
di Paola Pilati su L'Espresso del 02/02/2006
Il nucleare torna ad essere politicamente corretto
A sinistra qualcuno ci ripensa, e vuole le centrali
di Elisa Borghi su L'Opinione del 14/01/2006
Energia e politica la scelte del Professore
Prodi: «No al nucleare, sì ai pannelli solari»
Il leader dell'Unione presenta l'agenda energetica. «Niente atomo per almeno vent'anni»
di Francesco Alberti su Corriere della Sera del 24/11/2005

News in archivio

Energia: crepe nucleari in Gran Bretagna
La British Energy ammette guasti agli impianti di Hartlepool e di Hinkley Point. Fermati i reattori. La società perde in Borsa
su La Nuova Ecologia del 16/10/2006
 
Cos'� ArchivioStampa?
Una finestra sul mondo della cultura, della politica, dell'economia e della scienza. Ogni giorno, una selezione di articoli comparsi sulla stampa italiana e internazionale. [Leggi]
Rassegna personale
Attualmente non hai selezionato directory degli articoli da incrociare.
Sponsor
Contenuti
Notizie dal mondo
Notizie dal mondo
Community
• Forum
Elenco degli utenti

Sono nuovo... registratemi!
Ho dimenticato la password
• Sono già registrato:
User ID

Password
Network
Newsletter

iscriviti cancella
Suggerisci questo sito

Attenzione
I documenti raccolti in questo sito non rappresentano il parere degli autori che si sono limitatati a raccoglierli come strumento di studio e analisi.
Comune di Roma

Questo progetto imprenditoriale ha ottenuto il sostegno del Comune di Roma nell'ambito delle azioni di sviluppo e recupero delle periferie

by Mondo a Colori Media Network s.r.l. 2006-2022
Valid XHTML 1.0, CSS 2.0