Da SwissInfo del 03/12/2005
Originale su http://www.swissinfo.org/sit/swissinfo.html?siteSect=111&sid=62870...

La guerra contro le mine va avanti

La lotta contro le mine progredisce, ma la battaglia ancora lunga, constata l'ambasciatore elvetico Jrg Streuli al termine dell'incontro di Zagabria.

di Ramsey Zarifeh

L'obiettivo della conferenza tra i paesi firmatari della Convenzione di Ottawa, che mette al bando queste armi, era di passare in rivista i progressi compiuti.

Il trattato di Ottawa vieta l'utilizzazione, la produzione, lo stoccaggio e il trasferimento di mine antiuomo.

Durante il vertice dello scorso anno, tenutosi a Nairobi, in Kenya, i delegati avevano approvato un piano quinquiennale per lo sminamento, la distruzione degli stock e per migliorare l'assistenza alle vittime.

Nel corso dei colloqui che si sono svolti questa settimana a Zagabria, i partecipanti hanno esaminato l'attuazione del piano, che copre il periodo dal 2005 al 2009.

«Abbiamo compiuto dei progressi; diversi paesi hanno siglato il trattato quest'anno», ha dichiarato il diplomatico svizzero Jürg Streuli, rappresentante della Confederazione per la Convenzione di Ottawa.

«Sappiamo però che alcuni paesi sono confrontati a delle difficoltà maggiori per rispettare le scadenze fissate dal piano nei lavori di sminamento».


RAMMARICO

Streuli non ha inoltre nascosto il suo rammarico per il fatto che alcuni Stati in particolare gli Stati Uniti, la Russia e il Pakistan non hanno finora aderito alla Convenzione.

Uno dei principali obiettivi di questo incontro annuale, ha aggiunto Streuli, era di continuare «a far bollire la pentola» e di assicurarsi che i governi non si adagino sugli allori.

Stephan Nellen, direttore del Centro internazionale di sminamento umanitario di Ginevra, ha dichiarato che i progressi fatti sono «reali, ma non straordinari».

«Vi è ancora molto da fare, in particolare nei lavori di bonifica dei terreni minati e nell'assistenza alle vittime. Si tratterà soprattutto di vedere se i paesi riusciranno a rispettare le scadenze fissate dal piano entro il 2009».


LE SFIDE A VENIRE

Da parte sua, Streuli crede che difficilmente il piano potrà essere portato a termine completamente.

«Vi è certamente una buona dose di idealismo. Se però non fissiamo degli obiettivi importanti, non raggiungeremo nulla».

La conferenza dei delegati ha esortato i governi a rispettare gli obblighi fissati dalla convenzione e a compiere ulteriori progressi nella bonifica dei terreni minati e nell'assistenza alle vittime.

Secondo Nellen, la sfida per la comunità internazionale è di dare vita a dei programmi di sminamento in un numero crescente di paesi.

«Tutti sanno che in alcuni Stati, come ad esempio in Cambogia o in Angola, il problema delle mine è molto acuto».

«In altri paesi però questo problema sta venendo a gallo solo ora. Penso ad esempio al Vietnam, all'Iran o all'Iraq».


IL CONTRIBUTO SVIZZERO

La Svizzera è uno dei più grandi finanziatori del Centro internazionale di sminamento umanitario di Ginevra e da molti anni è attiva nel campo dello sminamento.

Il governo elvetico ha affermato Struli si è fissato due obiettivi principali per il 2006. Il primo è di far sì che il suo anno di copresidenza in seno al comitato per l'assistenza alle vittime delle mine antiuomo sia un successo.

La Svizzera cercherà inoltre di risvegliare le coscienze sul fatto che le mine non sono solo il risultato di conflitti tra paesi ma anche di guerre civili. «È un aspetto sul quale vogliamo focalizzare i nostri sforzi», conclude Streuli.
Annotazioni − Traduzione di Daniele Mariani.

Sullo stesso argomento

Articoli in archivio

su Il Riformista del 04/11/2006
Il boom delle mine
Nel 2005, 7.328 persone sono state mutilate e uccise dalle mine: l'11% in pi dell'anno prima
di Enrico Piovesana su Peace Reporter del 02/10/2006

In biblioteca

 
Cos'� ArchivioStampa?
Una finestra sul mondo della cultura, della politica, dell'economia e della scienza. Ogni giorno, una selezione di articoli comparsi sulla stampa italiana e internazionale. [Leggi]
Rassegna personale
Attualmente non hai selezionato directory degli articoli da incrociare.
Sponsor
Contenuti
Notizie dal mondo
Notizie dal mondo
Community
• Forum
Elenco degli utenti

Sono nuovo... registratemi!
Ho dimenticato la password
• Sono gi registrato:
User ID

Password
Network
Newsletter

iscriviti cancella
Suggerisci questo sito

Attenzione
I documenti raccolti in questo sito non rappresentano il parere degli autori che si sono limitatati a raccoglierli come strumento di studio e analisi.
Comune di Roma

Questo progetto imprenditoriale ha ottenuto il sostegno del Comune di Roma nell'ambito delle azioni di sviluppo e recupero delle periferie

by Mondo a Colori Media Network s.r.l. 2006-2023
Valid XHTML 1.0, CSS 2.0