Da Vita No Profit del 20/03/2006
Originale su http://www.vita.it/articolo/index.php3?NEWSID=66477

Il congolese Lubunga, primo imputato della Cpi

Accusato di crimini di guerra, Thomas Lubunga è il primo detenuto della Corte penale internazionale

di Joshua Massarenti

Trasferito il 17 marzo scorso da Kinshasa, la capitale della Repubblica democratica del congo (Rdc), all'Aia, Thomas Lubunga, un signore della guerra congolese accusato di crimini di guerra per l'arruolamento di bambini soldato, è comparso oggi di fronte a un giudice della Corte penale internazionale (Cpi).

Tra i fondatori dell'ex movimento ribelle dell'Upc (Unione dei patriotti congolesi), una milizia nota pre i massacri perpetrati nella regione mineraria dell'Ituri (estremo nordest della Rdc), Lubanga è stato incarcerato dal 19 marzo 2005 nel carcere di Makala, a Kinshasa, per la sua partecipazione al massacro di nove caschi blu bengalesi nel febbraio 2005.

La consegna del leader ribelle congolese fa seguito alla richiesta fatta nel marzo 2004 dal regime di Kinshasa alla Cpi per indagare sui crimini perpetrati nell'Ituri che avrebbero fatto oltre 60mila morti e 600mila sfollati.

Ai corrispondenti di Le Monde a Nairobi, Richard Dicker di Human Rights Watch ha insistito affinché "il procuratore indaghi anche su coloro che hanno armato e aiutato le milizie operanti in Ituri, ivi compresi gli attori chiave del potere a Kinshasa, Kampala e Kigali".

Dal 1997, il Rwanda e l'Uganda sono stati protagonisti di un conflitto violentissimo nell'Ituri attuato per conto terzi e con l'obiettivo finale di accaparrarsi le richezze minerarie della regione. Sostenuto dal Rwanda, l'Upc di Thomas Lubanga si è reso responsabile di massacri etnici per fini strategici. Nel marzo 2003, la milizia era stata sconfitta e espulsa da Bunia, capoluogo dell'Ituri e feudo dell'Upc. Lo stesso Lubanga fu trasferito a Kigali dalle truppe rwandesi presenti nell'area.

"Grazie a accordi regionali" sostiene Le Monde, "Lubanga era riuscito a negoziare con grande discrezione un'alleanza con Kinshasa a sostegno del processo di transizione ancora in corso. Nonostante abbia trasformato il movimento ribelle in un partito politico e giurato l'abbandono del conflitto armato, Lubanga avrebbe continuato a teelguidare i suoi uomini dalla capitale congolese".

Sullo stesso argomento

Articoli in archivio

Congo, giustizia è fatta
L’Uganda responsabile delle atrocità commesse durante la guerra congolese
di Matteo Fagotto su Peace Reporter del 19/12/2005
Africa nera oggi il ballottaggio per l’elezione presidenziale, schierati 18 mila caschi blu contro i brogli e le milizie
Congo, democrazia all’uranio
Si vota sotto stretta osservazione occidentale: il Paese è una miniera senza fine
di Domenico Quirico su La Stampa del 29/10/2006

News in archivio

Rapporto di Amnesty International
Congo RD: "Bambine e bambini soldato abbandonati"
su Amnesty International del 11/10/2006
Burundi: iniziato il rimpatrio dei rifugiati congolesi
Ancora oggi 420mila cittadini della Repubblica Democratica del Congo sono rifugiati in diversi Paesi
su Agenzia Fides del 11/10/2006
 
Cos'� ArchivioStampa?
Una finestra sul mondo della cultura, della politica, dell'economia e della scienza. Ogni giorno, una selezione di articoli comparsi sulla stampa italiana e internazionale. [Leggi]
Rassegna personale
Attualmente non hai selezionato directory degli articoli da incrociare.
Sponsor
Contenuti
Notizie dal mondo
Notizie dal mondo
Community
• Forum
Elenco degli utenti

Sono nuovo... registratemi!
Ho dimenticato la password
• Sono già registrato:
User ID

Password
Network
Newsletter

iscriviti cancella
Suggerisci questo sito

Attenzione
I documenti raccolti in questo sito non rappresentano il parere degli autori che si sono limitatati a raccoglierli come strumento di studio e analisi.
Comune di Roma

Questo progetto imprenditoriale ha ottenuto il sostegno del Comune di Roma nell'ambito delle azioni di sviluppo e recupero delle periferie

by Mondo a Colori Media Network s.r.l. 2006-2020
Valid XHTML 1.0, CSS 2.0