Da La Stampa del 22/06/2006
Originale su http://www.lastampa.it/cmstp/rubriche/girata.asp?ID_blog=30&ID_art...

Microsoft e Creative Commons: un accordo per gli autori

di Luca Castelli

Cosa ci azzecca una delle società più ferree nella difesa del patrimonio intellettuale con l’associazione simbolo della lotta all’abbattimento delle vecchie norme sul diritto d’autore? Apparentemente, nulla. Eppure da ieri Microsoft e Creative Commons non si osservano più da distanze siderali ma sono legate da un accordo che riguarda la popolare suite Microsoft Office.

Il pomo della concordia è una nuova opzione di Office che permette agli utenti dei vari programmi del pacchetto di registrare i propri documenti sotto licenza Creative Commons. Dopo aver scritto un testo su Word o aver redatto una presentazione su PowerPoint, chiunque potrà aggiungere agevolmente il simbolo delle nuove licenze alternative (una doppia “c” racchiusa da un cerchio) e un link alla pagina Internet dove se ne spiegano il significato e le limitazioni.

Sarebbe esagerato affermare che Microsoft abbraccia in toto Creative Commons. Fino a prova contraria, i suoi programmi continueranno a essere distribuiti e custoditi secondo la rigida gabbia dei diritti d’autore tradizionali. Semmai, il nuovo plug-in faciliterà la vita di quegli autori che sono d’accordo ad adottare le CC per le proprie opere e vorrebbero inserirle direttamente e rapidamente nei documenti.

Reciprocamente entusiasti i commenti all’accordo. Sul fronte Microsoft ne hanno parlato in toni lusinghieri vari dirigenti, dal lato Creative Commons è arrivata la benedizione dell’ideologo del movimento, il cyberavvocato Lawrence Lessig, e di uno dei suoi sostenitori più autorevoli, il ministro della cultura brasiliano Gilberto Gil (che è stato anche il primo a utilizzare ufficialmente la nuova opzione per il discorso di apertura di una conferenza).

Il plug-in è disponibile sul sito di Microsoft. Dopo averlo installato, una voce “Creative Commons” comparirà nel menu “File” dei vari programmi. Lessig ha dichiarato che in futuro spera di convincere Microsoft ad adottare qualcosa di simile anche nei suoi software di produzione multimediale (quindi per le opere musicali e video). La principale differenza tra le licenze CC e il normale copyright sta nel passaggio dalla regola “tutti i diritti riservati” a “alcuni diritti riservati”. Con le Creative Commons, gli autori possono decidere di “liberare” alcuni usi delle proprie opere, per esempio il download, la copia e la condivisione su Internet, pur conservandone la proprietà. In questo modo, dicono i sostenitori delle CC, si verrebbe a realizzare un sistema di diritti d'autore più flessibile e compatibile con lo sviluppo delle tecnologie digitali.

Sullo stesso argomento

Articoli in archivio

Si schiera con le major e fa del copyright una questione politica
Bill Gates e i «comunisti moderni»
di Anna Masera su La Stampa del 11/01/2005

News in archivio

Belgio: Google news condannato
Ribaltata la sentenza in primo grado
su APCom del 22/09/2006
Aids: Roche condivide il suo sapere con l'Africa
Il gigante farmaceutico svizzero Roche trasferisce a tre compagnie africane i mezzi di fabbricare localmente un farmaco generico contro l'AIDS. Altre imprese seguiranno.
su SwissInfo del 22/09/2006
 
Cos'� ArchivioStampa?
Una finestra sul mondo della cultura, della politica, dell'economia e della scienza. Ogni giorno, una selezione di articoli comparsi sulla stampa italiana e internazionale. [Leggi]
Rassegna personale
Attualmente non hai selezionato directory degli articoli da incrociare.
Sponsor
Contenuti
Notizie dal mondo
Notizie dal mondo
Community
• Forum
Elenco degli utenti

Sono nuovo... registratemi!
Ho dimenticato la password
• Sono già registrato:
User ID

Password
Network
Newsletter

iscriviti cancella
Suggerisci questo sito

Attenzione
I documenti raccolti in questo sito non rappresentano il parere degli autori che si sono limitatati a raccoglierli come strumento di studio e analisi.
Comune di Roma

Questo progetto imprenditoriale ha ottenuto il sostegno del Comune di Roma nell'ambito delle azioni di sviluppo e recupero delle periferie

by Mondo a Colori Media Network s.r.l. 2006-2019
Valid XHTML 1.0, CSS 2.0