Da Corriere della Sera del 19/04/2004

La visita

L’offerta di Teheran: sosteneteci con gli Usa, medieremo con gli sciiti

Previsto uno scambio di incontri: l’Italia ospiterà la conferenza dei donatori di Bam

di Paolo Conti

ROMA - Silvio Berlusconi in visita di Stato in Iran entro l’anno: è il risultato diplomatico più interessante della visita di Kamal Kharrazi, dal 1997 ministro degli Esteri della Repubblica islamica d’Iran, che da ieri pomeriggio è in Italia. Il capo del governo italiano è tra gli alleati più fidati degli Usa in Europa e il fatto che accetti un invito a Teheran, cioè in uno dei tre Paesi dell’«asse del male», ha un suo significato non secondario. Altro gesto molto amichevole: l’Italia ospiterà la Conferenza internazionale dei donatori di Bam, cioè dei Paesi impegnati nella ricostruzione dell’antica città distrutta dal terremoto. E’ il risultato delle tante spedizioni organizzate dal nostro ministero per i Beni e le attività culturali.

Kharrazi ha discusso a Palazzo Chigi con Silvio Berlusconi per un’ora e stamattina incontrerà il suo collega italiano Franco Frattini, poi ripartirà. Il ministro iraniano è arrivato in Italia immediatamente dopo la spedizione in Medio Oriente del consigliere diplomatico di Palazzo Chigi, Gianni Castellaneta. Fin troppo ovvio che Berlusconi e Kharrazi abbiano discusso dei tre ostaggi italiani, anche se la trattativa è notoriamente in mani sunnite.

Ma la visita di Kharrazi ha un peso più complessivo. Il fatto stesso che il capo del governo lo abbia ricevuto è eloquente: il 12 febbraio Kharrazi venne a Roma per contraccambiare la visita di Frattini in Iran a gennaio, ma incontrò solo il nostro ministro degli Esteri.

Da quel giorno molte cose in Iraq sono cambiate, così come sembra ormai diverso il ruolo dell’Iran nel comparto iracheno. A Teheran Castellaneta, oltre che del dramma degli ostaggi, avrebbe discusso anche della presenza italiana a Nassiriya ottenendo un impegno per esercitare una positiva influenza sugli sciiti di quella zona, che tradizionalmente guardano all’Iran. Teheran avrebbe ribadito la tesi ricordata ieri dal portavoce del ministero degli Esteri iraniano, Hamid Reza Asefi: «L’Iran dovrebbe avere una forte e attiva presenza in Iraq, ciò che avviene lì può ripercuotersi sulla regione e sulla nostra sicurezza, l’Iran può usare la sua influenza e la sua esperienza per trovare una soluzione che riduca lo spargimento di sangue o lo fermi».

Messaggio che l’Iran spedisce a tutte le potenze, inclusi gli Usa, con i quali ultimamente sembrano essersi riaperti alcuni spiragli di dialogo. E chi meglio di Berlusconi potrebbe mediare, agli occhi di Teheran, tra l’Iran (Paese con cui l’Italia ha un primato storico di contatti) e Washington? Ma ieri sera, a Palazzo Chigi, oltre che degli ostaggi, di Nassiriya e del ruolo dell’Iran in quel comparto del mondo, si è sicuramente discusso anche di energia nucleare. L’Iran è da tempo oggetto di dure accuse internazionali per una produzione ritenuta a dir poco «sospetta».

Washington ha sempre parlato di scopi bellici, Teheran giura che si tratta di finalità civili. Ma tra poco si riunirà l’Agenzia internazionale per l’energia atomica (l’Aiea) che dovrà emettere un verdetto. E il parere dell’Italia e dell’Europa per Teheran è molto prezioso.

Sullo stesso argomento

Articoli in archivio

Il ministro Frattini consulta Teheran. Che a giugno aveva ricevuto Al Sadr con tutti gli onori dal potente Rafsanjani
«L’Iran userà la sua influenza per portare la calma»
di Paolo Conti su Corriere della Sera del 07/04/2004
Bush riapre il fronte con l’Iran e la Siria
«Non ci fermeremo fino alla sconfitta del terrorismo. E in Iraq porteremo a compimento la nostra missione»
di Ennio Caretto su Corriere della Sera del 22/07/2003
 
Cos'� ArchivioStampa?
Una finestra sul mondo della cultura, della politica, dell'economia e della scienza. Ogni giorno, una selezione di articoli comparsi sulla stampa italiana e internazionale. [Leggi]
Rassegna personale
Attualmente non hai selezionato directory degli articoli da incrociare.
Sponsor
Contenuti
Notizie dal mondo
Notizie dal mondo
Community
• Forum
Elenco degli utenti

Sono nuovo... registratemi!
Ho dimenticato la password
• Sono già registrato:
User ID

Password
Network
Newsletter

iscriviti cancella
Suggerisci questo sito

Attenzione
I documenti raccolti in questo sito non rappresentano il parere degli autori che si sono limitatati a raccoglierli come strumento di studio e analisi.
Comune di Roma

Questo progetto imprenditoriale ha ottenuto il sostegno del Comune di Roma nell'ambito delle azioni di sviluppo e recupero delle periferie

by Mondo a Colori Media Network s.r.l. 2006-2021
Valid XHTML 1.0, CSS 2.0