Da La Repubblica del 10/09/2004

Musulmani d´Italia

"In piazza contro la barbarie" l´11 settembre del nostro Islam

Dalle moschee un´unica voce: liberate le due Simone
"Pronti ad andare in Iraq, a manifestare, a offrirci come ostaggi al posto delle ragazze"
L´unico a dire di no alle fiaccolate e ai cortei di solidarietà è Adel Smith

di Piero Colaprico

MILANO - La mobilitazione degli islamici italiani è un passaparola via Internet, nelle moschee, sulle strade, e nasce nel nome di Enzo Baldoni, Simona Pari e Simona Torretta. «Facciamo come a Parigi dove le comunità islamiche sono scese in campo per protestare contro la cattura dei due reporter francesi. Ma oltre alla fiaccolata organizzata dalle comunità islamiche italiane dell´Ucoii, e noi la faremo in piazza San Marco, spero che il governo possa mandare qualcuno di noi a Bagdad: i comunicati di condanna si perdono, ma essere lì, noi musulmani che viviamo in Italia, per dire no a questi atti che con l´Islam non hanno nulla a che fare, potrebbe servire a mostrare quanto soli siano quei rapitori». La pensa così Izzedin Elzir, leader della moschea di via Ghibellina a Firenze, ed è su questa lunghezza d´onda che la quasi totalità degli islamici di casa nostra si sta muovendo. Ci sono sfumature diverse (l´ultraminoranza di Adel Smith dice "no" alle fiaccolate) ma la preghiera di oggi potrebbe segnare un punto di non ritorno: «Ai nostri fratelli - continua Elzir - diremo di pregare per far tornare tranquilli nelle loro famiglie i sequestrati».

A Milano, Abu Shwaima, medico cinquantenne che lo scorso aprile venne ferito da un fanatico sulla porta della sua moschea di Segrate, non ha dubbi: «Anch´io sono pronto ad andare in Iraq, a offrirmi in ostaggio in cambio delle due Simone. Sono persone che stanno lì da anni, sono contro la guerra e aiutano il popolo iracheno. Questi atti terroristici non servono la causa di un popolo, ma quella di chi vuole sottometterlo». E, dall´istituto islamico di viale Jenner, Abdelhamid Shaari, aggiunge: «Rapire Simona Torretta e Simona Pari dimostra ingratitudine verso chi ha speso la propria vita per far star meglio chi soffre. Un atto gravissimo anche dal punto di vista religioso che equivale al tradimento di un benefattore».

In queste ore dalle moschee che si leva un messaggio che, per la prima volta, appare largamente condiviso: «Badate ai fatti. Se vengono colpiti giornalisti come Enzo Baldoni e volontari come le due Simone, vuol dire che si vuole spaventare soprattutto chi racconta le sofferenze del popolo e si scoraggiano tanti altri uomini in buona fede che vogliono vedere e testimoniare», è la deduzione che fa dalla moschea di Ancona Mohamed Nour Dachan, presidente dell´Ucoii. La sua conclusione è inevitabile: «Vorrei chiedere ai media di non arrendersi di fronte ai primi delinquenti, di contribuire a scoprire chi siano i veri colpevoli di questi sequestri che non aiutano certo gli iracheni». E mentre sul sito www. islam-ucoii. it viene pubblicato l´«appello urgente per la liberazione delle volontarie italiane», il segretario, Hamza Piccardo, spiega che «anche se la nostra comunità non è così facile da raggiungere, entro qualche ora avremo l´elenco completo della nostra mobilitazione».

A Trieste i rappresentanti della comunità musulmana hanno fissato un incontro con la Regione «per fare qualcosa tutti insieme, un intervento unico delle istituzioni e delle diverse comunità a sostegno delle due ragazze», dice Sergio Ujcich, portavoce del centro culturale islamico della Venezia-Giulia. E a Trento, Aboulkheir Breigheche annuncia che «già da tempo stiamo sensibilizzando tutti su cos´è il vero Islam e cosa sono queste barbarie come decapitazioni e rapimenti».

Parole che risuonano anche a Catania, dove Abdul Hafis spiega che «tutti siamo pronti a manifestare», e a Napoli, dove Abdallah Amar, dalla moschea di corso Arnaldo Luci, spiega: «Noi siamo già stati presenti alla manifestazione di piazza del Gesù con le autorità di Napoli e condanniamo chi ha rapito le due ragazze. Siamo feriti da quello che è accaduto loro, da quanto è accaduto nella scuola di Beslan: sono fatti che sembrano studiati apposta per sporcare la nostra religione. Ma sapremo mai la verità su chi c´è dietro?».

Sullo stesso argomento

Articoli in archivio

Colle Val d’Elsa, religioni unite «per far rilasciare le ragazze»
L’imam chiama il parroco a dire messa in moschea
su La Stampa del 15/09/2004
I capi delle moschee italiane dopo la decisione di Zapatero di istituire lezioni sulla religione di Maometto nelle città a più forte presenza musulmana
L´Islam chiede l´ora del Corano
"La Spagna già si appresta a farlo". I dubbi dei vescovi
di Marco Politi su La Repubblica del 15/11/2004

News in archivio

Il ministro dell'Interno chiarisce che dovrà essere accettata da "tutti coloro che vorranno vivere stabilmente in Italia"
Islam: "La Carta dei valori non è soltanto per i musulmani"
Critiche all'Ucoii: "Mai detto che l'avremmo firmata oggi"
su La Repubblica del 03/10/2006
Non si placa l'indignazione per la citazione di Ratzinger contro Maometto. Il parlamento pakistano approva una mozione, convocato il nunzio apostolico
Cattolicesimo-islam: paesi musulmani contro Benedetto XVI "Papa ignorante, ritiri le frasi sull'Isla
Ma il neo-ministro degli Esteri della Santa Sede, Dominique Mamberti getta acqua sul fuoco: "Il dialogo con le grandi civiltà è una priorità"
su La Repubblica del 15/09/2006
 
Cos'� ArchivioStampa?
Una finestra sul mondo della cultura, della politica, dell'economia e della scienza. Ogni giorno, una selezione di articoli comparsi sulla stampa italiana e internazionale. [Leggi]
Rassegna personale
Attualmente non hai selezionato directory degli articoli da incrociare.
Sponsor
Contenuti
Notizie dal mondo
Notizie dal mondo
Community
• Forum
Elenco degli utenti

Sono nuovo... registratemi!
Ho dimenticato la password
• Sono già registrato:
User ID

Password
Network
Newsletter

iscriviti cancella
Suggerisci questo sito

Attenzione
I documenti raccolti in questo sito non rappresentano il parere degli autori che si sono limitatati a raccoglierli come strumento di studio e analisi.
Comune di Roma

Questo progetto imprenditoriale ha ottenuto il sostegno del Comune di Roma nell'ambito delle azioni di sviluppo e recupero delle periferie

by Mondo a Colori Media Network s.r.l. 2006-2020
Valid XHTML 1.0, CSS 2.0