Da La Repubblica del 06/10/2004

Clandestini, alt ai voli per la Libia

Il Viminale: il racket ha bloccato gli arrivi, da noi messaggio forte

Telefonata Berlusconi-Gheddafi. Per il governo "emergenza finita", Tripoli avrebbe difficoltà con gli emigranti
Decisione dopo le accuse all´Italia per le espulsioni di massa. An rinuncia al reato di immigrazione non autorizzata

di Claudia Fusani

ROMA - Dopo tre giorni di voli continui, una ventina, ieri la pista dell´aeroporto di Lampedusa non ha visto la processione di uomini costretti a salire sugli aerei con destinazione Tripoli e altri scali nel deserto libico al confine con Egitto e Algeria. Il ponte-aereo è stato sospeso. Il Viminale insiste nel dire che «il piano dei trasferimenti dei clandestini sbarcati in Italia prosegue secondo gli accordi con il governo di Tripoli» e che «sarà modulato in base alle necessità». Ma qualcosa è cambiato. Soprattutto, ammettono al Viminale, «siamo riusciti a dare quel messaggio forte e netto al racket dell´immigrazione clandestina che da 48 ore è stato costretto a fermare la partenza delle imbarcazioni». Era questa la cosa che premeva di più. C´erano precise informazioni di polizia che parlavano di decine e decine di imbarcazioni di fortuna in partenza per l´Italia. E proprio nelle settimane prima della ratifica della fine dell´embargo alla Libia.

Ieri è stata un´altra giornata difficile negli uffici del Dipartimento dell´Immigrazione. Il premier Berlusconi e il colonnello Gheddafi si sono sentiti al telefono lunedì sera: i ringraziamenti per la collaborazione delle autorità libiche e un veloce punto sulla situazione. I viaggi del racket sembrano essersi fermati. Ma in Italia continua a montare la polemica con l´opposizione che accusa Pisanu di «comportamenti illegali» e di «gravi violazioni del diritto umanitario internazionale». E anche da Bruxelles sono arrivati rimproveri e accuse. Così ieri il Viminale ha deciso lo stop dei voli. Ufficialmente perché «l´emergenza è finita», al racket «sembra essere arrivato il segnale forte e chiaro» e ora è possibile «modulare i rimpatri in base alle necessità». Ufficiosamente i motivi sono altri. «La Libia - si spiega - è in difficoltà, più di mille persone in tre giorni, non riesce più ad accogliere e a smistare i clandestini che devono essere rimpatriati nei paesi di provenienza». E poi un segnale di rallentamento doveva essere dato anche all´opposizione in Italia e a Bruxelles. Ma il Viminale ribadisce di aver rispettato la legge e le norme internazionali. «Non abbiamo fatto espulsioni di massa ma respingimenti alla frontiera così come previsto anche dalla legge Turco-Napolitano». I clandestini sono stati identificati - soprattutto marocchini, egiziani e algerini - rifocillati e respinti là da dove sono arrivati: la Libia, come hanno certificato la rotta delle imbarcazioni. Chi, invece, aggiunge il Viminale, «ha la possibilità di fare richieste d´asilo, come gli etiopi e gli eritrei, è stato portato nei Centri di accoglienza». Sono 250, finora, su 2300 arrivi dall´11 di settembre.

Intanto ieri al Senato la Cdl ha presentato un emendamento al decreto legge di attuazione della Bossi-Fini che prevede la costruzione di Centri di accoglienza all´estero, nei paesi di transito dei flussi dei clandestini. E An ha rinunciato al reato di immigrazione clandestina. Venerdì il ministro dell´Interno Giuseppe Pisanu riferirà a Montecitorio per dimostrare che il ponte-aereo ha rispettato uomini e leggi.

Sullo stesso argomento

Articoli in archivio

Clandestini, 372 respinti in Nord Africa dalla Sicilia
Libia, riparte il ponte aereo Berlusconi vede Gheddafi
I ds: una deportazione. Fini: volgari bugie, rimpatri previsti dalla Turco-Napolitano
di Enrico Bellavia su La Repubblica del 07/10/2004
Polemica a sinistra sul ponte aereo con la Libia: "Sono rastrellamenti". Ma il Viminale replica: "Tutto legale"
Dall┤Onu altolÓ al governo
"Grave preoccupazione, rimpatri senza garanzie"
Pisanu: pugno duro con i clandestini
"Tutti a casa, secondo la legge". Da Lampedusa ponte aereo per la Libia
di Claudia Fusani su La Repubblica del 04/10/2004

News in archivio

Rivelazioni choc
Gheddafi: 'La Libia era a un passo dalla bomba nucleare'
Il leader libico racconta i progetti di dar vita a una comunitÓ di Paesi arabi e ammette di aver sostenuto i movimenti di liberazione in Africa, America, Asia e persino Irlanda
su Il Resto del Carlino del 25/07/2006

In biblioteca

di Marco Rovelli
BUR Biblioteca Universale Rizzoli, 2006
 
Cos'´┐Ż ArchivioStampa?
Una finestra sul mondo della cultura, della politica, dell'economia e della scienza. Ogni giorno, una selezione di articoli comparsi sulla stampa italiana e internazionale. [Leggi]
Rassegna personale
Attualmente non hai selezionato directory degli articoli da incrociare.
Sponsor
Contenuti
Notizie dal mondo
Notizie dal mondo
Community
• Forum
Elenco degli utenti

Sono nuovo... registratemi!
Ho dimenticato la password
• Sono giÓ registrato:
User ID

Password
Network
Newsletter

iscriviti cancella
Suggerisci questo sito

Attenzione
I documenti raccolti in questo sito non rappresentano il parere degli autori che si sono limitatati a raccoglierli come strumento di studio e analisi.
Comune di Roma

Questo progetto imprenditoriale ha ottenuto il sostegno del Comune di Roma nell'ambito delle azioni di sviluppo e recupero delle periferie

by Mondo a Colori Media Network s.r.l. 2006-2022
Valid XHTML 1.0, CSS 2.0