Da Il Messaggero del 03/11/2004

Cuffaro a giudizio: «Favorì la mafia»

Ma il governatore siciliano è soddisfatto: accuse contro di me dimezzate

di Rita Di Giovacchino

ROMA - Sono stati rinviati a giudizio i tredici imputati dell’inchiesta su politici, imprenditori e “talpe” interne alla procura di Palermo. Tutti accusati di aver favorito la mafia. Nella lista c’è anche il nome del presidente della Regione siciliana, Totò Cuffaro, chiamato a rispondere di favoreggiamento aggravato nei confronti di Cosa Nostra, reato per il quale comparirà nel processo che avrà inizio il 1 febbraio 2005. Le polemiche infuriano, il centro sinistra chiede le sue dimissioni, ma il governatore dice di essere tranquillo, convinto di poter dimostrare la propria innocenza: «Le accuse si sono già dimezzate nel corso dell’inchiesta, spero che il processo chiarisca definitivamente la mia estraneità alle accuse». Cuffaro non si dimetterà, sembra scontato, anche perché numerosi esponenti di centrodestra hanno fatto quadrato attorno a lui, manifestandogli stima e solidarietà.

Il suo nome emerse per la prima volta lo scorso giugno, nell’ambito di un’indagine avviata per controllare i movimenti del boss Giuseppe Guttadauro, considerato il nuovo capo della zona di Brancaccio, il quartiere di padre Puglisi. Il nome del governatore veniva più volte pronunciato nel corso di conversazioni tra medici, assessori e mafiosi. Conversazioni imbarazzanti che riguardavano affari, assunzioni, ma anche estorsioni, omicidi, intrecci tra ambienti politici e mafiosi che portarono all'arresto di numerose persone, fra cui anche l'ex assessore Miceli. Al presidente della Regione fu contestato il reato di concorso esterno in associazione mafiosa, poi caduto perché non sono mai emersi contatti diretti con Guttadauro. La procura ridimensionò l’accusa a favoreggiamento, contestandogli però la rivelazione di segreti d’ufficio. Un’accusa insussistente per il gup Bruno. Affermazione che Cuffaro considera una vittoria, sia pure a metà. Il pm Di Matteo sostiene invece che «la violazione del segreto è di fatto assorbita nel reato di favoreggiamento».

L’inchiesta, che in questi mesi ha messo in subbuglio la Procura, è gravida di “cimici” e di veleni. I filoni di indagine erano inizialmente due, “Ghiaccio” e “Talpe alla Dda”. Il nome di Cuffaro rientra nel primo. Con lui sono stati incriminati anche il medico Salvatore Aragona, l'ex assessore comunale Mimmo Miceli, il deputato regionale dell'Udc Antonio Borzacchelli (ex carabiniere) e l'imprenditore Michele Aiello, proprietario di una casa di cura vicina a Bagheria, dove fu organizzato un blitz nella speranza di catturare Provenzano. Niente di fatto, ma restano quella manciata di intercettazioni imbarazzanti che coinvolgono nomi noti della città in rapporti troppo amichevoli con boss ben informati di come la procura procedesse nei loro confronti. Notizie che potevano venire soltanto da persone che avevano accesso a informazioni riservate. E le indagini condussero al clamoroso arresto di due marescialli, Giuseppe Ciuro della Dia e Giorgio Riolo del Ros.

A palazzo d’Orleans è bufera. Leoluca Orlando, Nando Dalla Chiesa e Nichi Vendola hanno chiesto le dimissioni di Cuffaro. «Il governo della Regione non può essere coinvolto in questa vicenda», dicono. Ma il Governatore ha al suo fianco lo stato maggiore dell’Udc, di Forza Italia e anche di An. Dice il ministro degli affari Regionali Enrico la Loggia: «L'approfondimento dei fatti dimostrerà l'estraneità del presidente Cuffaro, aspettiamo con fiducia».

Sullo stesso argomento

Articoli in archivio

Palermo, in pochissimi alla riunione al "Biondo" indetta da industriali e magistrati sul racket
Deserta l´assemblea antimafia
di Attilio Bolzoni su La Repubblica del 22/01/2005
Siracusa, la battaglia del proprietario: sconvolto dall’assenza di controlli
«Pizzo, 3 incendi ma non pago»
Rogo nel pub-simbolo dell’antiracket: «Abbandonato dallo Stato»
di Felice Cavallaro su Corriere della Sera del 21/10/2004
A Palermo l’atto d’accusa dei magistrati contro il governatore Cuffaro
«Rapporti devastanti tra mafia e politici»
Dossier di 118 pagine conclude l’istruttoria sulle talpe in Procura
su Corriere della Sera del 03/10/2004

News in archivio

Mafia: maxi blitz a Messina
L'operazione all'alba di questa mattina
su La Stampa del 19/10/2006
In manette è finito anche l'ex pentito Giovanni Pellegriti
Mafia: 9 fermi a Catania, sventato omicidio
Arrestati i membri di un clan emergente di Adrano: progettavano un nuovo delitto
su Corriere della Sera del 17/10/2006
 
Cos'� ArchivioStampa?
Una finestra sul mondo della cultura, della politica, dell'economia e della scienza. Ogni giorno, una selezione di articoli comparsi sulla stampa italiana e internazionale. [Leggi]
Rassegna personale
Attualmente non hai selezionato directory degli articoli da incrociare.
Sponsor
Contenuti
Notizie dal mondo
Notizie dal mondo
Community
• Forum
Elenco degli utenti

Sono nuovo... registratemi!
Ho dimenticato la password
• Sono già registrato:
User ID

Password
Network
Newsletter

iscriviti cancella
Suggerisci questo sito

Attenzione
I documenti raccolti in questo sito non rappresentano il parere degli autori che si sono limitatati a raccoglierli come strumento di studio e analisi.
Comune di Roma

Questo progetto imprenditoriale ha ottenuto il sostegno del Comune di Roma nell'ambito delle azioni di sviluppo e recupero delle periferie

by Mondo a Colori Media Network s.r.l. 2006-2018
Valid XHTML 1.0, CSS 2.0