Da Il Riformista del 04/11/2006
Originale su http://www.ilriformista.it/documenti/testofree.aspx?id_doc=75208

Armi da proibire

Le armi “a sottomunizioni” sono le più letali per la popolazione civile, e le più subdole, perché preservano il loro carico di morte ancora anni dopo la fine dei conflitti. L'esempio più noto, in questi giorni, è quello delle “cluster bomb” lanciate di cui l'esercito israeliano ha tappezzato quest'estate il suolo libanese. Ma il Libano non è l'unico paese devastato dalla piaga degli “ordigni inesplosi”, e Israele non è il solo paese ad avere utilizzato queste armi terribili. Sono 11 mila, infatti, le vittime delle armi a sottomunizioni dal 1973 ad oggi, rivela l'associazione Handicap al giornale francese Libération: i paesi più colpiti sono Laos, Iraq, Vietnam, Afghanistan, Cecenia, Libano, Etiopia, Kosovo, Cambogia e Tajikistan.

Una lista che dovrebbe fare riflettere, perché a causare i gravi danni in Iraq, Kosovo e Afghanistan sono stati i recenti bombardamenti degli americani e dei loro alleati. Le bombe a grappolo, infatti, sono in dotazione a quasi tutti gli eserciti Nato, Italia inclusa. Finora l'unica nazione a proibirli è stata il Belgio. Dopo l'impatto a terra, le “bombe a grappolo” rilasciano tanti piccoli ordigni, molti dei quali possono rimanere inesplosi, ed è lecito chiedersi come mai la legge internazionale non le consideri alla stregua delle mine antiuomo. La risposta, spiegano gli esperti, è che, se usate “eticamente” possono avere uno scopo squisitamente militare: se utilizzate contro obiettivi strategici (una base aerea, una postazione per il lancio dei razzi) le armi a sottomunizioni rendono impossibile la ricostruzione del sito. Ma quando si colpiscono le aree popolate dai civili, i piccoli ordigni inesplosi si trasformano in micidiali mine antiuomo, causando vittime soprattutto tra i bambini, che non sono in grado di riconoscere gli oggetti pericolosi. Resta da chiedersi, però, a cosa servano questi distinguo, quando i bombardamenti sulle aree popolate sono sempre più frequenti, anche a causa della natura complessa natura della guerra al terrorismo. Nel 2001, ha fatto molto discutere che i terreni tappezzati di ordigni inesplosi fossero gli stessi dove si lanciavano gli aiuti in cibo per la popolazione civile afgana.

Sullo stesso argomento

Articoli in archivio

Il boom delle mine
Nel 2005, 7.328 persone sono state mutilate e uccise dalle mine: l'11% in più dell'anno prima
di Enrico Piovesana su Peace Reporter del 02/10/2006

In biblioteca

 
Cos'� ArchivioStampa?
Una finestra sul mondo della cultura, della politica, dell'economia e della scienza. Ogni giorno, una selezione di articoli comparsi sulla stampa italiana e internazionale. [Leggi]
Rassegna personale
Attualmente non hai selezionato directory degli articoli da incrociare.
Sponsor
Contenuti
Notizie dal mondo
Notizie dal mondo
Community
• Forum
Elenco degli utenti

Sono nuovo... registratemi!
Ho dimenticato la password
• Sono già registrato:
User ID

Password
Network
Newsletter

iscriviti cancella
Suggerisci questo sito

Attenzione
I documenti raccolti in questo sito non rappresentano il parere degli autori che si sono limitatati a raccoglierli come strumento di studio e analisi.
Comune di Roma

Questo progetto imprenditoriale ha ottenuto il sostegno del Comune di Roma nell'ambito delle azioni di sviluppo e recupero delle periferie

by Mondo a Colori Media Network s.r.l. 2006-2021
Valid XHTML 1.0, CSS 2.0