Da La Stampa del 06/10/2003

Un commando è in attesa

di Igor Man

IL commando è in allarme rosso, pronto al conto alla rovescia. E’ un commando diverso dagli altri. Lo compongono gli incursori più audaci e meglio preparati, frutto d’una selezione feroce nei ranghi dell’esercito israeliano, l’unico che possa, oggi, disputare agli Stati Uniti il primato operativo. Il commando è stato addestrato a compiere un’operazione. Una sola. Storica. La cattura di Arafat. Sembra che non sia la prima volta che s’accenda l’allarme rosso. Finora il conto alla rovescia non è mai scattato. Per tutta una serie di ragioni squisitamente politiche.

Gli Stati Uniti «sconsigliano» il ratto di Arafat perché temono: in primo luogo, che nel corso del raid ci scappi il morto: cioè lui, il Padre e il Simbolo della Palestina occupata. E se da vivo Arafat è già nella leggenda, figurarsi da morto, per di più incoronato «martire». Sarebbe come iniettare una gigantesca flebo di odio più nazionalismo nell’anemico corpo del movimento palestinese. In secondo luogo, nel caso l’operazione-cattura riuscisse, immediatamente Arafat verrebbe «deportato» il più lontano possibile dalla Palestina. Epperò, libero di scorrazzare in tutto il mondo islamico e no, Arafat diverrebbe una sorta di Mandela palestinese allargando lo spazio, già sostanzioso, in seno alle Nazioni Unite, tanto da mettere in seria difficoltà Israele, o se non altro ogni governo in carica a Gerusalemme.

Questi i pericoli che comporta il già simulato (infinite volte) raid-Arafat. Che la sua eventuale cattura, con conseguente deportazione, provochi un sollevamento delle masse arabe, rimane da vedere. I paesi arabi han sempre scomodato paroloni come «patria araba» eccetera; in realtà per i regimi «fratelli», moderati o no, Arafat è solo un pericoloso grillo parlante. Stando così le cose, ecco il tarlo che rode la Signora Condi Rice, mente politica dell’Oval Room: e se la cattura (ancorché chirurgica) del Vecchio Fedayn dalle sette vite esaltasse il terrorismo suicida?

Ma possiamo argomentare che se non più Arafat e nemmeno Sharon (fuori entrambi li vorrebbero personaggi come David Grossman e Amos Oz) governassero, questo faciliterebbe gli uomini di buona volontà, loro successori, nella ricerca paziente d’una pace realistica? Temo sia troppo tardi. Nell’uno e nell’altro campo sta crescendo una generazione che ha succhiato odio anziché latte. E, come vediamo, contro il terrorismo non servono i missili. Questo terrorismo, poi, temo non si possa fermare con la rappresaglia né con una politica figlia della giustizia. Al massimo questo terrorismo (che gli assassini suicidi chiamano lotta di liberazione) lo puoi contenere. Ma a che prezzo? E sino a quando?

Sullo stesso argomento

Articoli in archivio

Bush dà il via libera all’«autodifesa» di Israele
Non esclusi altri raid in Siria, un morto al confine libanese. Il premier palestinese: non ascolterò gli Usa. Iraq, la Rice «commissarierà» Bremer
di Ennio Caretto su Corriere della Sera del 07/10/2003
 
Cos'è ArchivioStampa?
Una finestra sul mondo della cultura, della politica, dell'economia e della scienza. Ogni giorno, una selezione di articoli comparsi sulla stampa italiana e internazionale. [Leggi]
Rassegna personale
Attualmente non hai selezionato directory degli articoli da incrociare.
Sponsor
Contenuti
Notizie dal mondo
Notizie dal mondo
Community
• Forum
Elenco degli utenti

Sono nuovo... registratemi!
Ho dimenticato la password
• Sono già registrato:
User ID

Password
Network
Newsletter

iscriviti cancella
Suggerisci questo sito

Attenzione
I documenti raccolti in questo sito non rappresentano il parere degli autori che si sono limitatati a raccoglierli come strumento di studio e analisi.
Comune di Roma

Questo progetto imprenditoriale ha ottenuto il sostegno del Comune di Roma nell'ambito delle azioni di sviluppo e recupero delle periferie

by Mondo a Colori Media Network s.r.l. 2006-2017
Valid XHTML 1.0, CSS 2.0