Da Corriere della Sera del 17/06/2004

Casa Bianca sotto accusa per l’11 settembre

Il rapporto della Commissione del Congresso: «Totalmente impreparati». «Saddam non aiutò a organizzare gli attacchi»

di Ennio Caretto

WASHINGTON - La Commissione inquirente sull’11 settembre mette sotto accusa l'intera amministrazione Bush, dalla Cia alla Casa Bianca, dall'Fbi al Pentagono. Non le rinfaccia solo di essere caduta in preda al caos subito dopo l'attentato, consentendo così ai terroristi di colpire il Pentagono cinquanta minuti più tardi. Smentisce anche che ci fossero dei legami tra Bin Laden e Saddam Hussein e anzi afferma che il raìs respinse le avances del capo di Al Qaeda. E' un brutto colpo per la credibilità del presidente Bush, che l'altro ieri aveva ribadito i legami tra il raìs e il terrorista. Ma Bush lo ignora: in un discorso dalla base militare di MacDill in Florida trasmesso alle forze armate Usa in tutto il mondo, insiste che «contribuendo alla democrazia in Afghanistan e in Iraq, voi offrite ai loro popoli un'alternativa all'odio e all'oppressione che alimentano il terrorismo».

Sono la pubblicazione di alcuni estratti del rapporto preliminare della Commissione e un'audizione al Congresso (la penultima, l'ultima si terrà oggi) a privare Bush, che perse già quella delle armi di sterminio di Saddam, dell'altra giustificazione della guerra all'Iraq, la santa alleanza con Al Qaeda. Nel '94, riferisce la Commissione, quando si trovava in Sudan Bin Laden chiese al raìs di assegnargli una zona per aprirvi campi di addestramento dei terroristi, ma non ottenne risposta. Successivamente «ebbe forse nuovi contatti con l'Iraq ma senza esito». La Commissione traccia un quadro angosciante di Al Qaeda: ventimila uomini addestrati dal '96; «un ambizioso piano tuttora valido» di attentati con armi chimiche, batteriologiche e nucleari; cellule in tutti i continenti. E ammonisce che si accinge a colpire l'America «nelle prossime settimane o mesi». Un agente della Cia, «Dr. K.», dichiara in audizione che «Al Qaeda non è affatto sconfitta, e anche se lo fosse il movimento jihadista non finirebbe, potrebbe nascere un altro Bin Laden».

Segue poi la ricostruzione del giorno delle stragi, costato ai terroristi mezzo milione di dollari. La Commissione rimprovera al Pentagono di non avere utilizzato i caccia contro gli aerei dirottati e di aver trasmesso troppo tardi ai piloti l'ordine di abbatterli da parte del vicepresidente Cheney. E rimprovera alla Casa Bianca di non avere avvertito subito Bush, in Florida, e di averlo tenuto in volo su Air Force One per parte della giornata «aggravando la sensazione che i leader fossero nel caos». Infine rivela retroscena spaventosi. L'architetto degli attentati, Khalid Sheikh Mohammed, voleva usare 10 apparecchi e non 4, con 26 dirottatori e non 19. Tra i suoi bersagli figuravano Casa Bianca, Congresso, una centrale nucleare, un grattacielo a Los Angeles e uno a Seattle. Lui stesso avrebbe pilotato un aereo, ucciso tutti i passeggeri maschi, e una volta atterrato avrebbe rilasciato le donne e i bambini e fatto un discorso di denuncia all'America. Fu Bin Laden a ridimensionare il piano in seguito ai contrasti tra due esecutori, Mohammed Atta e Ziad Jarrah.

Il rapporto finale della Commissione, composta da cinque repubblicani e cinque democratici, è atteso il 26 luglio, in concomitanza con l'apertura della Convention di John Kerry, l'avversario elettorale di Bush. L'audizione di oggi riguarderà la Casa Bianca e la sua negligenza dei segnali lanciati da Al Qaeda fin dai primi Anni ’90: l’organizzazione di Bin Laden avrebbe partecipato persino alla strage dei soldati americani a Mogadiscio nel '93. E' l'estrema mina vagante per Bush nell'arcipelago del voto di novembre. La Commissione sembra credere che le operazioni di Al Qaeda fossero tutt'altro che perfette - l'attacco alle Torri venne rinviato alcune volte - e che potessero essere in parte prevenute. La linea di difesa di Bush è invece che nessuno poteva prevederle, e che «combattendo il terrorismo in terre lontane si protegge l'America da nuovi attacchi». Il presidente preferisce concentrarsi sull'Iraq dove, ha avvertito ieri, «gli attentati si intensificheranno con il passaggio dei poteri agli iracheni».

Sullo stesso argomento

Articoli in archivio

Lo afferma un dossier del Senato americano
Non c'erano rapporti tra Saddam e Al Qaeda
«Il raìs rifiutò di aiutare gli estremisti islamici»
di Alessandra Farkas su Corriere della Sera del 11/09/2006
Lo ha deciso Bush dopo le indiscrezioni dei media
Pubblicato il rapporto sulla guerra in Iraq
Nel testo dei servizi segreti Usa: «I terroristi si espandono: se la tendenza continua ci saranno più attentati nel mondo»
di Ennio Caretto su Corriere della Sera del 27/09/2006

News in archivio

su Diario del 13/09/2006
''Inevitabile guerra in Iraq. C'erano legami tra Saddam e al Qaeda''
Stati Uniti: ''Più sicuri di 5 anni fa ma non del tutto''
Il segretario di Stato americano a Fox News alla vigilia del quinto anniversario dell'11/9: ''Abbiamo fatto tanto, la storia ci giudicherà''
su Adnkronos del 11/09/2006
 
Cos'� ArchivioStampa?
Una finestra sul mondo della cultura, della politica, dell'economia e della scienza. Ogni giorno, una selezione di articoli comparsi sulla stampa italiana e internazionale. [Leggi]
Rassegna personale
Attualmente non hai selezionato directory degli articoli da incrociare.
Sponsor
Contenuti
Notizie dal mondo
Notizie dal mondo
Community
• Forum
Elenco degli utenti

Sono nuovo... registratemi!
Ho dimenticato la password
• Sono già registrato:
User ID

Password
Network
Newsletter

iscriviti cancella
Suggerisci questo sito

Attenzione
I documenti raccolti in questo sito non rappresentano il parere degli autori che si sono limitatati a raccoglierli come strumento di studio e analisi.
Comune di Roma

Questo progetto imprenditoriale ha ottenuto il sostegno del Comune di Roma nell'ambito delle azioni di sviluppo e recupero delle periferie

by Mondo a Colori Media Network s.r.l. 2006-2019
Valid XHTML 1.0, CSS 2.0