Da Punto Informatico del 21/11/2005
Originale su http://punto-informatico.it/p.asp?i=56350

Radio Radicale: Creative Commons e P2P

L'emittente politica, che da decenni segue i lavori parlamentari, ha annunciato l'adozione delle licenze copyleft per tonnellate di materiali. Presto un client P2P open source per distribuzione e condivisione dei contenuti

Roma - Trent'anni di storia, di lavori parlamentari, congressi politici, casi giudiziari, scandali dell'intelligence, interviste, dichiarazioni, denunce: il materiale raccolto con certosina pazienza da Radio Radicale, la storica emittente politica romana, è ora disponibile online sul sito RadioRadicale.it, attivo dal 1998, grazie alle Creative Commons.

"Le licenze Creative Commons - si legge in un comunicato diffuso ieri - rappresentano per Radio Radicale uno strumento importante per ampliare le possibilità di realizzazione del suo obiettivo storico: quello di consentire l'effettiva realizzazione del principio di pubblicità dei momenti decisionali democratici, di promuovere l'accesso del maggior numero di persone alla conoscenza diretta degli eventi politici e di contribuire alla libera circolazione delle idee".

I promotori della Radio, che ha adottato, in particolare, la licenza Creative Commons Attribuzione - Condividi allo stesso modo 2.0, si sono detti "consapevoli che libera circolazione dell'informazione, nell'era di internet e del digitale, significa possibilità di copiare, riprodurre, distribuire e utilizzare per la realizzazione di opere derivate" e che per questo "abbiamo assunto la decisione di mettere a disposizione su internet tutto il nostro archivio video, e progressivamente anche l'archivio audio" in modalità copyleft.

Nella nota, la Radio prende anche una posizione netta sulla necessità di un nuovo diritto d'autore. "Le potenzialità creative del mondo digitale, e il carattere collaborativo e aperto della rete - conclude infatti la nota - necessitano di una regolamentazione del diritto d'autore che non freni l'innovazione e la creatività, pur garantendo agli autori alcuni diritti".

Uno degli aspetti più interessanti delle dichiarazioni di Radio Radicale riguarda però l'avvio della realizzazione di un software open source, per ora denominato Radical Media Peer.

Il nuovo client di peering, spiegano i suoi promotori, "consentirà la condivisione di file audio e video su reti p2p, compresi quelli provenienti dall'archivio di Radio Radicale, e l'immissione di contenuti multimediali sui server di www.radioradicale.it". Una operazione che si ispira esplicitamente agli ultimi annunci della britannica BBC.

Altri articoli in archivio


Roma, la biblioteca in pi¨
Santa Cecilia: parole e musica nella "Bibliomediateca"
di Alfredo Gasponi su Il Messaggero del 23/11/2005

Sullo stesso argomento

 
Cos'´┐Ż ArchivioStampa?
Una finestra sul mondo della cultura, della politica, dell'economia e della scienza. Ogni giorno, una selezione di articoli comparsi sulla stampa italiana e internazionale. [Leggi]
Rassegna personale
Attualmente non hai selezionato directory degli articoli da incrociare.
Sponsor
Contenuti
Notizie dal mondo
Notizie dal mondo
Community
• Forum
Elenco degli utenti

Sono nuovo... registratemi!
Ho dimenticato la password
• Sono giÓ registrato:
User ID

Password
Network
Newsletter

iscriviti cancella
Suggerisci questo sito

Attenzione
I documenti raccolti in questo sito non rappresentano il parere degli autori che si sono limitatati a raccoglierli come strumento di studio e analisi.
Comune di Roma

Questo progetto imprenditoriale ha ottenuto il sostegno del Comune di Roma nell'ambito delle azioni di sviluppo e recupero delle periferie

by Mondo a Colori Media Network s.r.l. 2006-2020
Valid XHTML 1.0, CSS 2.0