Da Peace Reporter del 06/12/2005
Originale su http://www.peacereporter.net/dettaglio_articolo.php?idc=0&idart=4250

Sotto stretto controllo

Si è chiuso il convegno sulla proliferazione di armi leggere

di Alessandro Grandi

L’incontro Latinoamericano “Armas Bajo Control”, organizzato da Amnesty International Paraguay e dalla società Paraguaya di Criminologia per sensibilizzare l’opinione pubblica sull’uso (e in molti casi anche il commercio) indiscriminato delle armi da fuoco, è stato un gran successo. Sono intervenute molte personalità in rappresenanza delle organizzazioni che in Sud America lottano per combattere questa piaga che un giorno, non molto lontano, potrebbe arrivare a un punto di non ritorno. Si sono riuniti, hanno discusso e lavorato duramente e hanno convenuto sulla necessità di proporre ai governi del mondo di stilare un Trattato Internazionale sul Commercio di armi leggere.


LA DUE GIORNI. E’ stata una vera e propria ‘maratona’. Due giorni rinchiusi all’interno di un prestigioso albergo della capitale paraguayana, Asuncion, per discutere di proliferazione, vendita, controllo e commercio di armi.

In questo momento al mondo esistono all’incirca settecento milioni di armi e almeno altre otto milioni vengono costruite, e purtroppo commercializzate, annualmente. In sud America, soprattutto in certe regioni come la ‘tripla frontera’ o il Paraguay stesso, arrivare ad acquistare un rivoltella è facile come recarsi dal tabaccaio a comprare un pacchetto di sigarette. Anche per questo motivo la sezione di Amnesty Paraguay, ha voluto organizzare l’incontro ad Asuncion. Da qui è venuta l’idea di cercare di far adottare un Trattato Mondiale sul Commercio delle Armi (Arms Trade Treaty) a tutti i paesi del mondo. Le armi leggere sono le maggiori responsabili delle violenze che attanagliano molti paesi dell’America Latina.


I FATTI. Secondo quanto è emerso dall’incontro, al quale hanno partecipato almeno 60 rappresentanti di tutti i paesi dell’America Latina, in questo momento è indispensabile che venga approvato abbastanza velocemente un trattato sul commercio mondiale di armi. Comunque prima che abbia inizio la conferenza dell’Organizzazione delle Nazioni Unite del 2006, che affronterà questa tematica. Senza la possibilità di controllare il flusso delle armi vendute, queste continueranno ad alimentare guerre e conflitti, e le organizzazioni criminali ne trarranno solo dei benefici.

Durante la conferenza sono state studiate delle strategie per fare in modo che le leggi delle singole nazioni in materia di armi arrivino ad essere quanto più possibile allineate. "E’ stato molto interessante questo dibattito", fa sapere da Asuncion Rosalia Vega, presdiente di Amnesty Paraguay. "E’ importante che i governi del mondo si impegnino a far approvare un Trattato che controlli la proliferazione di armi leggere che procurano danno in tutta l’America Latina".

Sono oltre 1100 le aziende al mondo che producono armi, munizioni e loro componenti. E la cifra, che già potrebbe sembrare molto alta, è in continuo aumento. Negli ultimi quattro decenni, infatti, sono quasi raddoppiate le aziende che producono armi leggere. Ma i dati sono chiari e dicono che le armi leggere sono oltremodo distruttive (uccidono annualmente molto di più di tutte le altre armi in circolazione), e che non c’è regolamentazione internazionale che ponga dei vincoli affinché questi strumenti di morte non arrivino nella mani dei potenti clan criminali (come nella mani dei piccoli delinquenti). “E’ necessario che tutti sappiano quello che accade in questa parte del mondo. Controllare il traffico di armi è diventata una necessità”, dice Rosalia Vega.

Tutti i controlli del caso sono lasciati ai governi dei paesi di produzione, i quali molto spesso se la devono vedere con leggi obsolete, inadeguate e facilmente aggirabili.


UN MILIONE DI 'NO' ALLE ARMI. La petizione che verrà portata in giro per il mondo a supportare le richieste scaturite dall’incontro di Asuncion ha un nome molto particolare. Si chiama infatti ‘Un milione di facce’ ed è un nuovo modo di fare richieste ai governanti. L’obiettivo è quello di arrivare nel 2006 a completare un cartellone gigante dove ci saranno i volti di un milione di persone che dicono 'no' al commercio indiscriminato di armi leggere. Quello che si andrà componendo è un movimento di persone che vogliono, con i loro volti, cercare di persuadere i governi del mondo a firmare il Trattato internazionale sul commercio di armi. "E’ una campagna molto bella e secondo noi molto efficace", racconta la Vega. "Mostrare le facce della gente che dice no a questo commercio potrebbe essere di grande aiuto nell’ottenere il Trattato. Anche i governi in questo modo sarebbero sensibilizzati”

Sullo stesso argomento

News in archivio

Congo RD: "Troppe armi ancora in circolazione"
Allarme del Comitato Internazionale che sorveglia il corretto svolgimento delle elezioni congolesi
su Agenzia Fides del 14/09/2006
 
Cos'è ArchivioStampa?
Una finestra sul mondo della cultura, della politica, dell'economia e della scienza. Ogni giorno, una selezione di articoli comparsi sulla stampa italiana e internazionale. [Leggi]
Rassegna personale
Attualmente non hai selezionato directory degli articoli da incrociare.
Sponsor
Contenuti
Notizie dal mondo
Notizie dal mondo
Community
• Forum
Elenco degli utenti

Sono nuovo... registratemi!
Ho dimenticato la password
• Sono già registrato:
User ID

Password
Network
Newsletter

iscriviti cancella
Suggerisci questo sito

Attenzione
I documenti raccolti in questo sito non rappresentano il parere degli autori che si sono limitatati a raccoglierli come strumento di studio e analisi.
Comune di Roma

Questo progetto imprenditoriale ha ottenuto il sostegno del Comune di Roma nell'ambito delle azioni di sviluppo e recupero delle periferie

by Mondo a Colori Media Network s.r.l. 2006-2017
Valid XHTML 1.0, CSS 2.0