Il nuovo disordine mondiale. Le riflessioni di un cittadino europeo

Edito da Garzanti Libri, 2003
128 pagine, € 10,00
ISBN 8811600359

di Tzvetan Todorov

Quarta di copertina

Con grande equilibrio e pacatezza, Tzvetan Todorov esamina l’attuale situazione geopolitica mondiale, alla luce degli ultimi avvenimenti, dall’11 settembre alla guerra in Iraq e alle sue conseguenze. Smonta diversi luoghi comuni, partendo dall’analisi del linguaggio utilizzato da politici e media: sotto la sua lente finiscono espressioni come «superpotenza», «imperialismo», «lotta del bene contro il male», «guerra umanitaria»…

Seguendo una linea di pensiero che da Montesquieu e Tocqueville porta fino a Camus, spiega quale dovrebbe essere la politica estera di una democrazia liberale nel mondo attuale; ci mette in guardia contro le tentazioni dell’onnipotenza e del ricorso privilegiato alla forza; difende il pluralismo contro il messianismo – contro le menzogne dell’esportazione coatta della democrazia. Illustrando i rischi di un’unica superpotenza senza controlli all’interno e all’esterno, mette in guardia contro l’attuale strategia degli Stati Uniti e traccia le linee di quella che dovrebbe essere la posizione dell’Unione europea.
L’Europa appare oggi politicamente debole, attraversata da mille divisione e differenze – un «vecchio» Continente. E tuttavia può aspirare a un ruolo fondamentale nello scacchiere internazionale, a partire dalla propria memoria, dalla propria cultura e dai propri valori – razionalità, giustizia, democrazia, libertà individuale, laicismo, tolleranza…

È questa la chiave per delineare – arrivando a conclusioni a volte sorprendenti – la politica di quella che Todorov definisce «una potenza tranquilla», un’Europa che in un momento decisivo della storia mondiale deve tornare a far sentire la propria voce.

Sullo stesso argomento

Articoli in archivio

Il Tigri visto dalla Senna/1
«Gli Usa? Un mito sgonfiato»
di Marco D'Eramo su Il Manifesto del 04/04/2003
Quante legioni ha l'america? Troppo poche per un impero
Com'è possibile che la più grande democrazia del mondo non riesca a liberarsi dal pantano iracheno?
di Niall Ferguson su Corriere della Sera del 23/10/2006
 
Cos'� ArchivioStampa?
Una finestra sul mondo della cultura, della politica, dell'economia e della scienza. Ogni giorno, una selezione di articoli comparsi sulla stampa italiana e internazionale. [Leggi]
Rassegna personale
Attualmente non hai selezionato directory degli articoli da incrociare.
Sponsor
Contenuti
Notizie dal mondo
Notizie dal mondo
Community
• Forum
Elenco degli utenti

Sono nuovo... registratemi!
Ho dimenticato la password
• Sono già registrato:
User ID

Password
Network
Newsletter

iscriviti cancella
Suggerisci questo sito

Attenzione
I documenti raccolti in questo sito non rappresentano il parere degli autori che si sono limitatati a raccoglierli come strumento di studio e analisi.
Comune di Roma

Questo progetto imprenditoriale ha ottenuto il sostegno del Comune di Roma nell'ambito delle azioni di sviluppo e recupero delle periferie

by Mondo a Colori Media Network s.r.l. 2006-2019
Valid XHTML 1.0, CSS 2.0