Piccolo bello, grande sovvenzionato. Come le nostre tasse contribuiscono al degrado sociale e ambientale

Edito da Arianna Editrice, 2005
192 pagine, 12,00
ISBN 8887307369

di Steven Gorelick

Quarta di copertina

L'economia globale è presentata come inevitabile e destinata a crescere, che lo vogliamo o no. La globalizzazione è indicata come un destino ineluttabile dettato da leggi economiche che si sottraggono allintervento umano. Questo volume si rivolge ad una percentuale dell'umanità altrettanto grande e libera di scegliere un modello economico diverso. È possibile rifiutare il centralismo sia delle economie sovvenzionate dallo stato, che delle grandi società capitalistiche. Cambiare la destinazione del denaro delle nostre tasse è una via concreta per creare economie sostenibili, capaci di proteggere le diversità culturali e la ricchezza dei sistemi biologici.

Sullo stesso argomento

Articoli in archivio

Pomodori veloci
Bisogna ricominciare a produrre e consumare localmente tutto quel che possibile
di Beppe Grillo su Internazionale del 02/01/2006
su Villaggio Globale del 16/12/2005

News in archivio

 
Cos'� ArchivioStampa?
Una finestra sul mondo della cultura, della politica, dell'economia e della scienza. Ogni giorno, una selezione di articoli comparsi sulla stampa italiana e internazionale. [Leggi]
Rassegna personale
Attualmente non hai selezionato directory degli articoli da incrociare.
Sponsor
Contenuti
Notizie dal mondo
Notizie dal mondo
Community
• Forum
Elenco degli utenti

Sono nuovo... registratemi!
Ho dimenticato la password
• Sono gi registrato:
User ID

Password
Network
Newsletter

iscriviti cancella
Suggerisci questo sito

Attenzione
I documenti raccolti in questo sito non rappresentano il parere degli autori che si sono limitatati a raccoglierli come strumento di studio e analisi.
Comune di Roma

Questo progetto imprenditoriale ha ottenuto il sostegno del Comune di Roma nell'ambito delle azioni di sviluppo e recupero delle periferie

by Mondo a Colori Media Network s.r.l. 2006-2018
Valid XHTML 1.0, CSS 2.0