Armare i conflitti

Edito da EGA - Edizioni Gruppo Abele, 2003
€ 12,00
ISBN 8876704698

di AA.VV.

Quarta di copertina

Circa i due terzi delle esportazioni globali di armi negli anni 1997-2001 proveniva da cinque paesi membri del G8. Al primo posto figuravano gli Stati Uniti, al secondo posto la Federazione Russa, al terzo la Francia seguita da Regno Unito e Germania.

E sono sempre i paesi del G8, a spiccare a livello mondiale tra gli Stati dotati di leggi e procedure amministrative inadeguate a evitare l'esportazione, il transito e l'importazione di armamenti destinati a causare violazioni dei diritti umani.

L'ultimo conflitto in Iraq è stato in questo senso esemplare: nonostante l'embargo militare delle Nazioni Unite, diciassette aziende britanniche sono oggi sotto indagine per aver fornito all'Iraq tecnologie militari, nucleari, biologiche, chimiche e missilistiche.

Secondo un dossier ONU, 24 aziende statunitensi hanno venduto armi all'Iraq, comprese tecnologie nucleari e missilistiche, mentre la Germania risulta il principale partner commerciale militare dell'Iraq dopo il 1991, in aperta violazione dell'embargo deciso dal Consiglio di Sicurezza.

Il rapporto di Amnesty International presenta la situazione aggiornata della legislazione e delle politiche di esportazione di armamenti di Stati Uniti, Federazione Russa, Francia, Regno Unito, Germania, Italia, Canada e Giappone, indicando possibili strade percorribili per interrompere il circolo vizioso tra trasferimenti di armi e violazioni dei diritti umani.

Nella parte conclusiva del rapporto, Amnesty International sostiene inoltre la necessità di negoziare un Trattato internazionale sul commercio delle armi, indicandone nel dettaglio potenzialità e punti chiave.

Sullo stesso argomento

Articoli in archivio

Global military spending set to top Cold War high as conflict causes record hunger
Oxfam calls on UN member states to support an Arms Trade Treaty
su Oxfam del 22/09/2006

Uno sguardo alla storia

Articoli in archivio

CERNOBYL - IL 26 APRILE DEL 1986 ESPLODEVA IL REATTORE NUMERO 4
Vent'anni di solitudine
Molti anni sono passati dal più tragico incidente della storia del nucleare. Ma le domande di chi soffre restano senza risposta.
di Fulvio Scaglione su Famiglia cristiana del 26/04/2006
"Garowee Bosaso" e i bidoni occultati
Rifiuti tossici, sulla pista di Ilaria
di Maurizio Torrealta su RaiNews24 del 23/09/2005

Notizie in archivio

 
Cos'� ArchivioStampa?
Una finestra sul mondo della cultura, della politica, dell'economia e della scienza. Ogni giorno, una selezione di articoli comparsi sulla stampa italiana e internazionale. [Leggi]
Rassegna personale
Attualmente non hai selezionato directory degli articoli da incrociare.
Sponsor
Contenuti
Notizie dal mondo
Notizie dal mondo
Community
• Forum
Elenco degli utenti

Sono nuovo... registratemi!
Ho dimenticato la password
• Sono già registrato:
User ID

Password
Network
Newsletter

iscriviti cancella
Suggerisci questo sito

Attenzione
I documenti raccolti in questo sito non rappresentano il parere degli autori che si sono limitatati a raccoglierli come strumento di studio e analisi.
Comune di Roma

Questo progetto imprenditoriale ha ottenuto il sostegno del Comune di Roma nell'ambito delle azioni di sviluppo e recupero delle periferie

by Mondo a Colori Media Network s.r.l. 2006-2020
Valid XHTML 1.0, CSS 2.0