Giù le mani! L'altra America sfida potenti e prepotenti

Edito da Mondadori, 2004
283 pagine, € 15,00
ISBN 8804538651

di Michael Moore

Quarta di copertina

Grintoso, diretto, sfrontato e schietto, Michael Moore torna ad attaccare l’America dei nostri giorni. E questa volta non risparmia nessuno: repubblicani e democratici, Wall Street, presidenti, senatori, lobbies e multinazionali sono tutti bersagli della sua impietosa denuncia. Come negli altri suoi libri, l’autore, pluripremiato regista dei documentari Fahrenheit 9/11 e Bowling a Columbine, snocciola dati, fa nomi e cognomi, ribalta comode verità, smaschera la crudele assurdità delle logiche politiche, economiche e sociali che hanno devastato e continuano a devastare il suo paese. Basate su documenti e ricerche, le riflessioni esposte in queste pagine, pubblicate negli Stati Uniti nel 1996 e uscite ora per la prima volta in Italia, riguardano molteplici aspetti della società americana: dalle feroci riduzioni di personale delle grandi aziende alla disastrosa debolezza dimostrata dai democratici di fronte alle offensive della destra, dalla sottomissione quasi umiliante del Congresso Usa agli interessi di poche megacorporations alla demonizzazione dei più poveri, dal razzismo bianco all'isteria antifemminista e all'omofobia. Moore realizza il ritratto di un Paese potente ma anche pieno di contraddizioni; ne denuncia i grandi mali senza rinunciare alla sua sottile e pungente ironia; rivela con coraggio piccole e grandi ingiustizie che spesso rimangono ai margini della grande cronaca. Tra i casi denunciati quello delle grandi “mamme” assistite, ovvero le grandi imprese “scroccone” che prosperano arraffando miliardi di dollari in sussidi pubblici, o quello degli imprenditori criminali, manager di primo piano descritti in figurine segnaletiche disarmanti, che svelano le loro grandi imprese. Per non parlare delle esilaranti pagine in cui Moore implora Nelson Mandela di liberare l’America dalla piaga dell’apartheid o si appella alla Norvegia e all'Olanda chiedendo aiuti umanitari per i poveri d'America.
Insieme a Stupid white men e Ma come hai ridotto questo paese?, un’altra lettura pungente e originale che svela il lato meno nobile degli Stati Uniti, in attesa delle prossime elezioni presidenziali.

Sullo stesso argomento

News in archivio

Aids: Roche condivide il suo sapere con l'Africa
Il gigante farmaceutico svizzero Roche trasferisce a tre compagnie africane i mezzi di fabbricare localmente un farmaco generico contro l'AIDS. Altre imprese seguiranno.
su SwissInfo del 22/09/2006
Germania: 100mila licenziamenti tra i colletti bianchi
L'outsourcing e la delocalizzazione le cause principali del nuovo scenario produttivo
su ITNews del 09/08/2006
Sant’Egidio annuncia una donazione da parte di Bill Gates per la lotta all'AIDS in Africa
Il programma DREAM (Drug Resource Enhancement against AIDS and Malnutrition) opera in Mozambico, Kenya, Tanzania, Nigeria, Guinea e Guinea Bissau
su Comunità di Sant'Egidio del 13/02/2006
 
Cos'� ArchivioStampa?
Una finestra sul mondo della cultura, della politica, dell'economia e della scienza. Ogni giorno, una selezione di articoli comparsi sulla stampa italiana e internazionale. [Leggi]
Rassegna personale
Attualmente non hai selezionato directory degli articoli da incrociare.
Sponsor
Contenuti
Notizie dal mondo
Notizie dal mondo
Community
• Forum
Elenco degli utenti

Sono nuovo... registratemi!
Ho dimenticato la password
• Sono già registrato:
User ID

Password
Network
Newsletter

iscriviti cancella
Suggerisci questo sito

Attenzione
I documenti raccolti in questo sito non rappresentano il parere degli autori che si sono limitatati a raccoglierli come strumento di studio e analisi.
Comune di Roma

Questo progetto imprenditoriale ha ottenuto il sostegno del Comune di Roma nell'ambito delle azioni di sviluppo e recupero delle periferie

by Mondo a Colori Media Network s.r.l. 2006-2020
Valid XHTML 1.0, CSS 2.0