L'Italia vista dalla Cia 1948-2004

Edito da Laterza, 2005
365 pagine, € 18,00
ISBN 8842075833

di Paolo Mastrolilli, Maurizio Molinari

Quarta di copertina

Dal secondo dopoguerra all'Iraq, passando per Gladio, il rapimento Moro, le Brigate Rosse, l'attentato a Giovanni Paolo II, i retroscena dei partiti, la Guerra del Golfo, la Lega Nord, la discesa in campo del fondatore della Fininvest, il Kosovo e l'accordo Berlusconi-Bush dopo l'11 settembre: gli agenti della Cia e i diplomatici del Dipartimento di Stato hanno commentato e spedito dispacci a Washington sulla politica italiana e i suoi protagonisti. Una controstoria del nostro paese che ha il sapore dello spionaggio, una spy-story tutta vera, conservata negli archivi federali finalmente desecretati.
Recensione

Forse gli appassionati di Spy Stories saranno rimasti delusi nel leggere questo libro, ma il lavoro svolto dai due corrispondenti dagli Stati Uniti del quotidiano “La Stampa”, è decisamente interessante e attento.
Nel libro, “L’Italia vista dalla CIA” edito da Laterza, i due giornalisti, partendo dai documenti resi pubblici dall’Archivio Federale del College Park del Meryland, parlando con i testimoni diretti e soprattutto consultando il National Security Archive di Washington, ripercorrono tutti gli avvenimenti principali della nostra storia contemporanea (dalla strage di Ustica a quella della stazione di Bologna, da Tangentopoli all’uccisione dei giudici Falcone e Borsellino, dall’elezione di Giovanni Paolo II alla stagione del terrorismo, fino al secondo governo Berlusconi), citando e commentando i rapporti degli analisti della CIA che, dall’Italia, quasi quotidianamente tra la fine della seconda guerra alla caduta del muro di Berlino, venivano inviati per informare l’amministrazione americana sugli sviluppi di ogni vicenda internazionale.
L’intenzione del volume sembra non essere, quindi, quella di svelare o provare le trame segrete dell’alleato d’oltreoceano né l’impegno attivo della più grande agenzia di spionaggio internazionale, quanto quella di descrivere l’attenzione che gli USA hanno avuto rispetto alle sorti del nostro Paese.
Nel libro è assente insomma la lente della dietrologia che talvolta spiega ma talvolta distoglie. Siamo piuttosto di fronte ad un lungo lavoro d’archivio, ad una cronaca degli eventi fatta da un occhio privilegiato. Spesso gli autori delle lettere e dei dispacci sono ambasciatori o comunque analisti molto vicini ai politici nostrani, altre volte le fonti dei documenti restano anonime.
Leggendo il libro è lampante che la massima preoccupazione degli americani fosse quella di impedire l’ingresso al potere del più grande partito comunista occidentale, tanto che alle prime elezioni libere del ‘48 la CIA, oltre ad appoggiare, soprattutto economicamente, la Democrazia Cristiana, si dichiarerà pronta anche ad un colpo di stato pur di non accondiscendere al fatto che i comunisti raggiungessero il governo della penisola.
Certo, lo dicono gli stessi autori, alcuni documenti sono ancora secretati e forse contengono le prove delle cosiddette Cover Actions, dei giochi sporchi che gli americani hanno pianificato e messo in atto qui da noi come in altri paesi con i loro 007 operativi.

Gavino Pala

Sullo stesso argomento

Articoli in archivio

I pentiti al processo Mori: c'erano segreti da far saltare lo Stato
"Così la mafia ripulì il covo del boss Riina"
di Attilio Bolzoni su La Repubblica del 19/11/2005
A comic opera
The ins and outs of politics in Italy
su The Economist del 21/04/2005

News in archivio

Uno sguardo alla storia

Articoli in archivio

L'intervista. Il magistrato di piazza Fontana: ora serve una riconciliazione
«Impunità per i protagonisti che sveleranno i misteri»
Il giudice Salvini: sì a una commissione con giuristi e storici
È in Sudafrica: «Voglio tornare». Aiutò Giannettini e Pozzan dopo Piazza Fontana e diede un dossier a Pecorelli
Maletti e gli anni delle stragi. Niente grazia al generale 007
Il no di Napolitano. Due condanne ma nessun giorno in cella
di Giovanni Bianconi su Corriere della Sera del 29/05/2009
La compagna dell'anarchico chiamata alla giornata delle vittime
Gemma Calabresi accoglie la Pinelli
«Giusto l'invito del Colle». Ma le associazioni dei familiari si dividono
di Claudio Del Frate su Corriere della Sera del 07/05/2009

Notizie in archivio

Colpito dalle Br nel ´75, nel 1985 contribuì a fondare l´associazione alla quale aderirono i familiari di oltre 200 persone
È scomparso Puddu, diede voce a tutte le vittime del terrorismo
Era consigliere della Dc quando fu ferito Unanime il cordoglio del mondo politico
su La Repubblica del 23/05/2007
 
Cos'è ArchivioStampa?
Una finestra sul mondo della cultura, della politica, dell'economia e della scienza. Ogni giorno, una selezione di articoli comparsi sulla stampa italiana e internazionale. [Leggi]
Rassegna personale
Attualmente non hai selezionato directory degli articoli da incrociare.
Sponsor
Contenuti
Notizie dal mondo
Notizie dal mondo
Community
• Forum
Elenco degli utenti

Sono nuovo... registratemi!
Ho dimenticato la password
• Sono già registrato:
User ID

Password
Network
Newsletter

iscriviti cancella
Suggerisci questo sito

Attenzione
I documenti raccolti in questo sito non rappresentano il parere degli autori che si sono limitatati a raccoglierli come strumento di studio e analisi.
Comune di Roma

Questo progetto imprenditoriale ha ottenuto il sostegno del Comune di Roma nell'ambito delle azioni di sviluppo e recupero delle periferie

by Mondo a Colori Media Network s.r.l. 2006-2017
Valid XHTML 1.0, CSS 2.0