Da Agenzia Fides del 01/04/2006
Originale su http://www.fides.org/aree/news/newsdet.php?idnews=9131&lan=ita

Marocco: un piano strategico nazionale contro la tubercolosi

Roma - L’Italia ha approvato un finanziamento di 50 mila euro all’Organizzazione mondiale della Sanità (Oms) a beneficio del Marocco come contributo per la finalizzazione del piano strategico nazionale marocchino contro la tubercolosi.

Il contributo finanziario è volto in particolare a sostenere il Paese africano nell’elaborazione e nella definizione di una strategia di comunicazione e di sensibilizzazione dell’opinione pubblica sulla malattia, oltre che nella realizzazione di seminari regionali di formazione a favore dei locali che operano nel settore della sanità.

Questo sostegno finanziario contribuirà inoltre alla preparazione delle proposte di finanziamento sulla Tubercolosi che il Marocco presenterà al Fondo Globale per la lotta contro l’Aids, la Tubercolosi e la Malaria con l’obiettivo principale di combattere efficacemente questa terribile malattia.

Secondo l’ultimo rapporto dell’Oms, la tubercolosi contagia ogni anno circa 9 milioni di persone e ne uccide quasi 2 milioni (5000 al giorno), soprattutto in Africa e nell’Europa dell’Est e continua a progredire nel mondo ad un ritmo annuo dell’1%. L’aumento nella diffusione di questa patologia infettiva viene attribuito, almeno in parte, alla infezione contemporanea con il virus dell’Aids e ai sistemi sanitari insufficienti. Nonostante sia possibile il controllo della tubercolosi in Africa non vi sono ancora investimenti adeguati. Finora solo il Kenya ha messo in atto azioni urgenti e straordinarie nei confronti dell’infezione tubercolare e della coinfezione tubercolosi/Hiv.

Fortunatamente in alcune regioni a Sud Est dell’Asia e del Pacifico Occidentale e nelle Americhe la meta fissata per il controllo della tubercolosi è stata raggiunta. Infatti è stato identificato il 70% dei casi e curato con successo l’85% dei pazienti affetti. I successi sono stati raggiunti in 26 Paesi, che hanno già ottenuto nel 2005 la meta auspicata per il 2006, con un anno di anticipo. Fra questi vi sono anche le Filippine e il Vietnam, due zone dove la tubercolosi era particolarmente diffusa. A questi 26 Paesi potrebbero aggiungersene altri cinque, per i quali mancano ancora i risultati definitivi del 2005: Cambogia, Cina, India, Indonesia e Mynamar.

Sullo stesso argomento

Articoli in archivio

CIA tried to silence EU on torture flights
Germany offered access to prisoner in Morocco if it quelled opposition
di Richard Norton-Taylor su The Guardian del 26/10/2006

News in archivio

Tubercolosi: allarme dell'Organizzazione Mondiale della Sanità
2 miliardi di persone contagiate, quasi 15 milioni i malati accertati, 9 milioni i nuovi casi e circa 2 milioni i decessi nel 2004
su Agenzia Fides del 09/06/2006
 
Cos'� ArchivioStampa?
Una finestra sul mondo della cultura, della politica, dell'economia e della scienza. Ogni giorno, una selezione di articoli comparsi sulla stampa italiana e internazionale. [Leggi]
Rassegna personale
Attualmente non hai selezionato directory degli articoli da incrociare.
Sponsor
Contenuti
Notizie dal mondo
Notizie dal mondo
Community
• Forum
Elenco degli utenti

Sono nuovo... registratemi!
Ho dimenticato la password
• Sono già registrato:
User ID

Password
Network
Newsletter

iscriviti cancella
Suggerisci questo sito

Attenzione
I documenti raccolti in questo sito non rappresentano il parere degli autori che si sono limitatati a raccoglierli come strumento di studio e analisi.
Comune di Roma

Questo progetto imprenditoriale ha ottenuto il sostegno del Comune di Roma nell'ambito delle azioni di sviluppo e recupero delle periferie

by Mondo a Colori Media Network s.r.l. 2006-2020
Valid XHTML 1.0, CSS 2.0