Da Agenzia Fides del 10/07/2006
Originale su http://www.fides.org/aree/news/newsdet.php?idnews=10017&lan=ita

Ancora centinaia di migliaia di persone a rischio fame nelle regioni semiaride

Kenya: l’emergenza siccità non è finita

Il risanamento economico delle famiglia colpite richiede la sostanziale ricostruzione dei greggi

Nairobi - Permane l’emergenza alimentare nelle regioni semiaride del Kenya, dove milioni di persone rischiano di patire le conseguenze di una nuova carestia. A lanciare l’allarme è il Famine Early Warning Systems Network (FEWS NET), una rete mondiale per il controllo della siccità.

Secondo il FEWS NET, nonostante le piogge dell’aprile di quest’anno, la sicurezza alimentare non è garantita, soprattutto per quel che riguarda le condizioni delle popolazioni nomadi che vivono di pastorizia.

“Mentre sono migliorati alcuni indicatori ambientali della vita pastorale, come la disponibilità di acqua e pascoli, rimane preoccupante la sicurezza alimentare dei pastori” afferma un rapporto del FEWS NET, nel quale si sottolinea che “rimangono troppo alti i tassi di malnutrizione Moyale, Samburu, Turkana, Mandera e Marsabit, nel nord-ovest del Paese. Fino alla primavera del 2006, 2 milioni e mezzo di keniani, quasi il 10 per cento della popolazione, erano a rischio fame a causa della siccità che è durata fino alle piogge di aprile. Le regioni più colpite sono state quelle dell’est e soprattutto quelle del nord-est, al confine con Somalia, Etiopia e Sudan, che a loro volta dovevano far fronte a gravi problemi alimentari.

Secondo i dati del FEWS NET i tassi di malnutrizione acuta variano dal 18 % di Moyale al 30% del Distretto di Marsabit, ben oltre la soglia di emergenza del 15% stabilita dall’Organizzazione Mondiale della Sanità.

I più colpiti sono i bambini e nei distretti interessati si segnalano diversi casi di diarrea infantile, causata dalla mancanza di acqua potabile. La carestia di novembre-marzo, inoltre, ha distrutto i greggi. La maggior parte dei pastori non ha i mezzi economici per ricomprare i capi animali morti a causa della siccità e devono ancora ricorrere agli aiuti alimentari delle organizzazioni umanitarie per nutrirsi. “Il risanamento economico delle famiglia colpite richiede la sostanziale ricostruzione dei greggi, un processo che durerà diverse stagioni favorevoli, che stanno diventando sempre più rare” afferma il rapporto di FEWS NET

Nell’est del Kenya, Peter Mbogo del Kamurugu Agricultural Initiative Project, promosso dalla Chiesa cattolica, afferma all’Agenzia cattolica CISA, che “stiamo ancora procedendo alla distribuzione di aiuti alimentari e la Chiesa cattolica in collaborazione con il Programma Alimentare Mondiale sta dando da mangiare a 70.382 persone attraverso il programma di emergenza”.

Anche la diocesi di Marsabit sta distribuendo aiuti alimentati così come quella di Kitui, dove vi sono 186mila persone che dipendono dagli aiuti alimentari.

Sullo stesso argomento

Articoli in archivio

Milioni di persone vittime di patologie ignorate dalle case farmaceutiche. Medici Senza Frontiere denuncia: "La scienza insegue solo il profitto"
Malattie dimenticate, appello all'Oms "Regolare le priorità della ricerca"
su La Repubblica del 22/05/2006

News in archivio

Kenya: il dramma delle demolizioni degli slum di Nairobi
“Bisogna assicurare la certezza dell'abitazione per migliorare le condizioni di vita degli abitanti di questi quartieri” afferma una rete di assistenza cattolica
su Agenzia Fides del 13/09/2006
 
Cos'� ArchivioStampa?
Una finestra sul mondo della cultura, della politica, dell'economia e della scienza. Ogni giorno, una selezione di articoli comparsi sulla stampa italiana e internazionale. [Leggi]
Rassegna personale
Attualmente non hai selezionato directory degli articoli da incrociare.
Sponsor
Contenuti
Notizie dal mondo
Notizie dal mondo
Community
• Forum
Elenco degli utenti

Sono nuovo... registratemi!
Ho dimenticato la password
• Sono già registrato:
User ID

Password
Network
Newsletter

iscriviti cancella
Suggerisci questo sito

Attenzione
I documenti raccolti in questo sito non rappresentano il parere degli autori che si sono limitatati a raccoglierli come strumento di studio e analisi.
Comune di Roma

Questo progetto imprenditoriale ha ottenuto il sostegno del Comune di Roma nell'ambito delle azioni di sviluppo e recupero delle periferie

by Mondo a Colori Media Network s.r.l. 2006-2021
Valid XHTML 1.0, CSS 2.0