Da Agenzia Fides del 13/07/2006
Originale su http://www.fides.org/aree/news/newsdet.php?idnews=10057&lan=ita

A 18 mesi dalla firma dell’accordo di pace

Sudan: il sud Sudan torna a vivere e a sperare in un futuro migliore

Khartoum - “Ci sono numerosi segni di una crescita generale di movimenti e commercio nel sud del Sudan” afferma Noelle Fitzpatrick, responsabile regionale del Jesuit Refugees Service per l’Africa Orientale. Durante una sua recente visita nella regione, a giugno, la Fitzpatrick ha visitato quattro progetti a Yei, Kajo Keji, Labone, e Nimule. Secondo la responsabile, gli sforzi che si stanno facendo per sminare e migliorare il sistema stradale del Paese sono evidenti.

La recente introduzione del programma di studi nazionale del Sudan nelle scuole elementari, ad esempio, è un ulteriore passo verso l’integrazione della regione nel sistema scolastico del Paese. La frontiera di Adjumani, nel nord dell'Uganda, è l'unico posto in cui la signora Fitzpatrick ha notato tra le persone un misto di speranza e disappunto, sebbene il sentimento prevalente tra le persone sia di fiducia e speranza relativamente a quanto il futuro ha in serbo per loro.

Ciò nonostante, le scuole dei JRS continuano ad offrire una educazione scolastica a migliaia di bambini del Sudan e dell'Uganda, nonostante le strutture inadeguate, la recente epidemia di colera e gli sporadici attacchi dei membri dell’Esercito di Resistenza del Signore (LRA), il gruppo di guerriglia attivo nel nord Uganda, che ha basi nel sud Sudan.

L'accordo di pace firmato 18 mesi fa tra il governo e il SPLA (Esercito di Liberazione del Popolo Sudanese) suscita ancora sentimenti contrastanti tra la popolazione. Sebbene la maggior parte dell'area viva una situazione di pace, l'LRA, un gruppo di ribelli noti per i loro cruenti attacchi contro la popolazione civile, assieme ad alcuni esponenti dell'SPLA, scontenti delle decisioni prese dal loro gruppo, continuano a realizzare attacchi e soprusi contro innocenti vittime civili.

Il 28 giugno, il governo dell'Uganda è stato formalmente invitato dal governo del Sudan meridionale a partecipare ad un tavolo di pace con l'LRA. L’amministrazione del Sudan meridionale sta cercando un mediatore che favorisca il dialogo tra il governo dell'Uganda e l’LRA.

Ieri, 12 luglio, a Juba, nel sud Sudan, sono iniziati i negoziati di pace tra rappresentati governativi ugandesi e i leader dell’LRA, ma il capo del movimento di guerriglia, Joseph Kony. ha rifiutato di parteciparvi per timore di essere arrestato. Kony e altri dirigenti dell’organizzazione sono ricercati dal Tribunale Penale Internazionale dell’Aja per i crimini commessi in oltre 20 anni di guerra.

Sullo stesso argomento

News in archivio

Sudan: le Nazioni Unite lanciano l’allarme
Il numero degli sfollati interni in Sudan e Uganda e doppio di quello dei rifugiati di questi Paesi all’estero
su Agenzia Fides del 08/02/2006
Uganda: le trattative procedono
I rappresentanti dello LRA stanno dimostrando una capacità negoziale di buon livello” dice uno dei mediatori internazionali per la pace nel Nord Uganda
su Agenzia Fides del 11/10/2006
 
Cos'� ArchivioStampa?
Una finestra sul mondo della cultura, della politica, dell'economia e della scienza. Ogni giorno, una selezione di articoli comparsi sulla stampa italiana e internazionale. [Leggi]
Rassegna personale
Attualmente non hai selezionato directory degli articoli da incrociare.
Sponsor
Contenuti
Notizie dal mondo
Notizie dal mondo
Community
• Forum
Elenco degli utenti

Sono nuovo... registratemi!
Ho dimenticato la password
• Sono già registrato:
User ID

Password
Network
Newsletter

iscriviti cancella
Suggerisci questo sito

Attenzione
I documenti raccolti in questo sito non rappresentano il parere degli autori che si sono limitatati a raccoglierli come strumento di studio e analisi.
Comune di Roma

Questo progetto imprenditoriale ha ottenuto il sostegno del Comune di Roma nell'ambito delle azioni di sviluppo e recupero delle periferie

by Mondo a Colori Media Network s.r.l. 2006-2023
Valid XHTML 1.0, CSS 2.0