Da Reuters del 02/12/2005
Originale su http://today.reuters.it/news/newsArticle.aspx?type=topNews&storyID...

Appello Sme, Previti: rispetto sentenza come un colpo di pistola

MILANO (Reuters) - Il deputato di Forza Italia Cesare Previti commenta la conferma della condanna a cinque anni a suo carico nell'appello del processo Sme dicendo di rispettarla "come si rispetta un colpo di pistola, un'esecuzione pianificata".

I giudici della seconda Corte d'Appello di Milano hanno deciso oggi di confermare la sentenza di primo grado per Previti, condannandolo per la corruzione dell'ex capo dei gip romani Renato Squillante (Capo A) e assolvendolo per la vicenda della compravendita Sme (Capo B).

In particolare l'accusa s'incentra su un versamento di 434.000 dollari che nel marzo '91 sarebbe andato da un conto attribuito a Fininvest, a conti esteri riferibili a Previti, all'avvocato Attilio Pacifico, e infine al giudice Squillante -- il cosiddetto caso Ariosto, dal nome del teste d'accusa Stefania Ariosto.

"Dovrei essere sorpreso di una condanna che arriva al termine di un processo partito da un teste integralmente falso, che addirittura ha recentemente confessato di essere stato imbeccato ed eterodiretto, come io sostenevo da dieci anni, un dibattimento fondato su un fascicolo di prove inesistenti, inventate, e quindi cadute proprio perché inventate, dal quale sono scomparsi atti e documenti molto importanti", ha scritto Previti in una nota diffusa dopo la lettura della sentenza, riferendosi alla sua accusatrice Ariosto.

Il deputato di Forza Italia ed ex ministro della Difesa ha quindi ribadito la sua "totale e assoluta innocenza".

"Ma non sono meravigliato - ha aggiunto - Perché sono anni che subisco dei 'non processi', dove ho avuto solo la parte del presunto colpevole, quindi non mi sorprende neanche la macroscopica follia di questa sentenza disumana, se solo si pensa alle attenuanti generiche costantemente negatemi dalla magistratura milanese, con la motivazione che non si possono accordare ad una persona troppo conosciuta come perbene".

"Naturalmente, continuerò a battermi fino in fondo, per ottenere ciò che nessuno finora mi ha dato: giustizia", conclude Previti. "E' un diritto della collettività, di cui faccio parte, accertare fino a che punto il sistema giudiziario è malato, se è moribondo o, addirittura, morto".

I suoi legali hanno già annunciato che faranno ricorso in Cassazione per ottenere l'assoluzione piena del loro assistito.

Sullo stesso argomento

Articoli in archivio

Cirielli, l’ex padre della legge, annuncia un emendamento che la rallenterebbe
Castelli sfida la Cassazione sui dati della salva-Previti
«Cifre parziali». Ma le toghe insistono
di Giovanni Bianconi su Corriere della Sera del 11/10/2005
Berlusconi et les juges : exaspération réciproque
A l'approche des élections générales du 9 avril, la polémique entre le président du Conseil et les magistrats ne faiblit pas.
di Christine Fauvet-Mycia su Le Figaro del 29/03/2006

News in archivio

Eutanasia: Berlusconi contrario
Premier, da Giovanardi posizione personale che esula da mia
su Ansa del 21/03/2006
Eutanasia: Olanda contro Giovanardi
Convocato ambasciatore italiano all'Aja
su Ansa del 17/03/2006
 
Cos'� ArchivioStampa?
Una finestra sul mondo della cultura, della politica, dell'economia e della scienza. Ogni giorno, una selezione di articoli comparsi sulla stampa italiana e internazionale. [Leggi]
Rassegna personale
Attualmente non hai selezionato directory degli articoli da incrociare.
Sponsor
Contenuti
Notizie dal mondo
Notizie dal mondo
Community
• Forum
Elenco degli utenti

Sono nuovo... registratemi!
Ho dimenticato la password
• Sono già registrato:
User ID

Password
Network
Newsletter

iscriviti cancella
Suggerisci questo sito

Attenzione
I documenti raccolti in questo sito non rappresentano il parere degli autori che si sono limitatati a raccoglierli come strumento di studio e analisi.
Comune di Roma

Questo progetto imprenditoriale ha ottenuto il sostegno del Comune di Roma nell'ambito delle azioni di sviluppo e recupero delle periferie

by Mondo a Colori Media Network s.r.l. 2006-2021
Valid XHTML 1.0, CSS 2.0