Da Adnkronos del 19/01/2006
Originale su http://www.adnkronos.com/3Level.php?cat=Cronaca&loid=1.0.278240639

L'operazione, denominata 'Luna Blu', della squadra mobile di Milano

'Ndrangheta, blitz contro la cosca Pesce-Bellocco: 54 arresti

Stroncato un traffico internazionale di droga gestito in tutta Italia da una delle più pericolose organizzazioni criminali calabresi

Milano - Duro colpo alla 'ndrangheta. A quanto apprende l'ADNKRONOS, la polizia ha stroncato un traffico di droga gestito in tutta Italia dalla cosca Pesce-Bellocco, ritenuta una delle più pericolose tra le organizzazioni criminali calabresi, il cui raggio di azione si sviluppa, oltre che nella regione d'origine, in numerose altre zone d'Italia.

Dall'alba di oggi gli investigatori della squadra mobile di Milano, coordinati dal Servizio centrale operativo (Sco) della Direzione centrale anticrimine, hanno eseguito 54 ordinanze di custodia cautelare in carcere su tutto il territorio nazionale, in prevalenza a Milano, Treviso, Sondrio, Como, Brescia, Bergamo, Reggio Calabria e Napoli, nei confronti di altrettanti affiliati alla cosca, che ha un forte nucleo nel capoluogo lombardo.

Gli arrestati dovranno rispondere a vario titolo di associazione per delinquere di stampo mafioso e di traffico internazionale di cocaina ed eroina. Scattate, inoltre, numerose perquisizioni e sequestrati 50 chilogrammi tra cocaina ed eroina oltre ad armi, munizioni e materiale per il confezionamento degli stupefacenti.

Cocaina proveniente da Colombia, Brasile, Spagna e Olanda, eroina dai paesi balcani, ecstasy e Lsd dall'Olanda. Questa la filiera della droga gestita da una confederazione di otto gruppi criminali, di stanza a Milano, che poi smerciavano la droga in Lombardia, Veneto, Piemonte, Campania e Calabria e in particolare nelle nelle province di Como, Sondrio, Brescia, Bergamo, Treviso, Alessandria, Napoli e Reggio Calabria. La cosca agiva secondo i più classici metodi mafiosi, arrivando anche all'omicidio e all'occultamento di cadavere.

''Al cartello dei signori della droga abbiamo risposto con un cartello di polizia. Forte e intensa è stata infatti la collaborazione con i colleghi svizzeri, spagnoli e soprattutto brasiliani e colombiani nelle varie fasi dell'inchiesta che ha portato all'operazione di oggi e ha permesso di interrompere un importante canale di approvvigionamento che riversava la droga in Lombardia, Veneto, Piemonte, Campania e Calabria''. A parlare all'ADNKRONOS il capo della Squadra Mobile di Milano, Vittorio Rizzi, che con i suoi uomini ha preso parte in prima linea all'operazione, denominata ''Luna Blu'', coordinata dal Servizio centrale operativo della Dac.

''L'indagine, avviata nel 2000 -ha spiegato- si è sviluppata in più momenti, ha portato al sequestro di ingenti quantità di droga e ha messo in luce l'esistenza di consorterie criminali federate in un unico cartello facente capo al clan calabrese Pesce-Bellocco. E i risultati sono lusinghieri''.

Soddisfatto il ministro dell'Interno, Giuseppe Pisanu. ''Con gli arresti di oggi - ha affermato in una nota- e con numerose altre operazioni condotte in Italia e all'estero, le forze dell'ordine e la magistratura stanno dimostrando che non c'è scampo neppure per le cosche più potenti della 'ndrangheta calabrese. Spero che se ne convincano, prima di tutti, quei calabresi onesti che continuano a subire le vessazioni mafiose, ma non trovano ancora la forza per reagire e mettersi al fianco dello Stato. Comunque la guerra alla 'ndrangheta è aperta e bisogna schierarsi, come hanno ben capito molti giovani calabresi. E i giovani, si sa, hanno il fiuto della storia''.

Sullo stesso argomento

Articoli in archivio

I tentacoli della ’ndrangheta sulla Capitale
Invisibile e abile a mimetizzarsi, l’«onorata società» di Reggio e dintorni preparerebbe la «scalata» ai business più lucrosi
di Alessia Marani su Il Giornale del 19/11/2005
Oggi a Reggio l'inviato di Pisanu. Si intensificano le voci su centinaia di arresti
Calabria, arriva il superprefetto "La legge sul Ponte favorisce i boss"
De Sena: subito allo Stato i beni delle cosche

News in archivio

Teneva stretta nella morsa del racket l'imprenditoria locale
'Ndrangheta, blitz polizia contro 'Gaglianesi': 44 arresti
Tra i reati contestati, associazione a delinquere di tipo mafioso, estorsione, usura, traffico di armi e stupefacenti
su Adnkronos del 28/02/2006
 
Cos'� ArchivioStampa?
Una finestra sul mondo della cultura, della politica, dell'economia e della scienza. Ogni giorno, una selezione di articoli comparsi sulla stampa italiana e internazionale. [Leggi]
Rassegna personale
Attualmente non hai selezionato directory degli articoli da incrociare.
Sponsor
Contenuti
Notizie dal mondo
Notizie dal mondo
Community
• Forum
Elenco degli utenti

Sono nuovo... registratemi!
Ho dimenticato la password
• Sono già registrato:
User ID

Password
Network
Newsletter

iscriviti cancella
Suggerisci questo sito

Attenzione
I documenti raccolti in questo sito non rappresentano il parere degli autori che si sono limitatati a raccoglierli come strumento di studio e analisi.
Comune di Roma

Questo progetto imprenditoriale ha ottenuto il sostegno del Comune di Roma nell'ambito delle azioni di sviluppo e recupero delle periferie

by Mondo a Colori Media Network s.r.l. 2006-2019
Valid XHTML 1.0, CSS 2.0