Da Adnkronos del 03/03/2006
Originale su http://www.adnkronos.com/3Level.php?cat=Esteri&loid=1.0.332428157

Bush: ''Una ristretta elite religiosa tiene in ostaggio il Paese''

Per analisti russi l'Iran avrà armi nucleari entro il 2011

Lo sostiene un think tank vicino al Cremlino. L'Ue torna a chiedere che l'arricchimento dell'uranio venga sospeso ''per poter dialogare con calma''

Mosca - Gli analisti russi concordano con gli Stati Uniti sui tempi dello sviluppo di testate nucleari da parte dell'Iran. Un rapporto del Consiglio per la politica estera e di difesa, un think tank vicino al Cremlino, ha concluso infatti che ''per una minoranza di esperti (l'Iran avrà armi nucleari, ndr) in un periodo compreso fra i sei mesi e i due anni, ma la maggioranza tende a parlare di cinque anni''. Il governo iraniano tuttavia ''non userà armi di sterminio, né trasferirà tecnologia nucleare ad altri Paesi, specialmente non a organizzazioni terroristiche'', si legge nel rapporto.

Intanto l’incontro dei ministri degli Esteri della troijka europea con l'inviato iraniano, alla presenza di Javier Solana, si è concluso con un nulla di fatto. Anche se le parti hanno concordato di continuare i negoziati lunedì prossimo ai margini del vertice del Consiglio dei Governatori dell'Aiea (Agenzia Internazionale per l'Energia Atomica). L'eventuale ripresa dei colloqui di lunedì sarà invece a livello di direttori generali.

Le tre ore di colloqui di questa mattina a Vienna sono state definite “positive e costruttive” da Hossein Entezami, portavoce del Consiglio Superiore per la Sicurezza Nazionale iraniano. “Praticamente inutili, anche se interessanti” è invece il giudizio espresso da un collaboratore del ministro degli Esteri di Berlino, Frank-Walter Steinmeier, al termine del confronto che è svolto nella sede diplomatica tedesca.

“Fino a quando non saremo certi che la Repubblica Islamica rinuncerà all'arricchimento dell'uranio sul proprio territorio, nessun negoziato potrà portare a risultati positivi”, ha poi ribadito Steinmeier. Della stessa opinione anche il britannico John Sawyer, che ha rimpiazzato Jack Straw al vertice di Vienna. Nella capitale austriaca oggi si sono riuniti anche i rappresentanti dei Paesi appartenenti al Movimento dei Non Allineati, che in un documento chiedono “la continuazione dei negoziati con l'Iran” e si oppongono al rinvio del dossier nucleare della Repubblica Islamica al Consiglio di Sicurezza dell'Onu.

Da parte sua, l'Unione europea continua a chiedere all'Iran la sospensione di tutte le attività di arricchimento dell'uranio come ''condizione necessaria per poter dialogare con calma'', una condizione che Teheran continua a non accettare.

Parole dure sono quelle che arrivano invece dal presidente americano George Bush, che al termine della sua visita in India fa sapere: una ''ristretta elite religiosa sta tenendo in ostaggio'' gli iraniani. Una ''ristretta elite religiosa che nega ogni libertà fondamentale, è vicina al terrorismo e persegue un programma per lo sviluppo di armi nucleari'', ha rimarcato l'inquilino della Casa Bianca. Anche mercoledì nella sua breve sosta a Kabul, Bush aveva parlato dell'Iran, ribadendo che a Teheran non deve essere concesso di entrare in possesso di ordigni nucleari.

Sullo stesso argomento

 
Cos'� ArchivioStampa?
Una finestra sul mondo della cultura, della politica, dell'economia e della scienza. Ogni giorno, una selezione di articoli comparsi sulla stampa italiana e internazionale. [Leggi]
Rassegna personale
Attualmente non hai selezionato directory degli articoli da incrociare.
Sponsor
Contenuti
Notizie dal mondo
Notizie dal mondo
Community
• Forum
Elenco degli utenti

Sono nuovo... registratemi!
Ho dimenticato la password
• Sono già registrato:
User ID

Password
Network
Newsletter

iscriviti cancella
Suggerisci questo sito

Attenzione
I documenti raccolti in questo sito non rappresentano il parere degli autori che si sono limitatati a raccoglierli come strumento di studio e analisi.
Comune di Roma

Questo progetto imprenditoriale ha ottenuto il sostegno del Comune di Roma nell'ambito delle azioni di sviluppo e recupero delle periferie

by Mondo a Colori Media Network s.r.l. 2006-2019
Valid XHTML 1.0, CSS 2.0